Gruppo Grimaldi: le navi diventano aspirapolvere del mare

CONDIVIDI

giovedì 17 febbraio 2022

Da anni il Gruppo Grimaldi è impegnato nella tutela dell’ambiente e per una sostenibilità sempre maggiore delle proprie attività. Per combattere il problema della crescente quantità di microplastiche presenti nei mari del mondo la compagnia partenopea ha messo a punto un sistema, testato e recentemente brevettato, capace di filtrare l'acqua di lavaggio dei sistemi di depurazione dei gas di scarico (scrubber) installati a bordo delle navi.

Si tratta di un’assoluta innovazione, ora pronta per la commercializzazione, nata dall’idea del Gruppo di trasformare le proprie navi in “aspirapolvere del mare”, che raccolgono particelle inquinanti e le rimuovono dall’acqua filtrata durante la navigazione. Gli scrubber di tipo open loop, già installati su decine di navi Grimaldi per permettere la depurazione dei gas di scarico, prelevano ogni giorno enormi quantità di acqua per poi immetterla nuovamente in mare; prima di farlo, i nuovi sistemi filtrano l’acqua e trattengono le microplastiche, evitando così che vengano ingerite da pesci e altri organismi marini ed entrino nella catena alimentare.

I test pilota del sistema sono incoraggianti: in un unico viaggio sulla rotta tra Civitavecchia e Barcellona una nave del Gruppo ha raccolto 64.680 microparticelle.

Proventi da licenze d'uso del brevetto per iniziative a favore dell'ambiente

La prima azienda ad aggiudicarsi la licenza non esclusiva per lo sviluppo e commercializzazione dell’impianto è stata Wärtsilä, operatore globale nel campo delle tecnologie per il settore marino ed energetico. La capacità di filtrare le microplastiche sarà una caratteristica integrata nei futuri sistemi di trattamento delle acque di lavaggio prodotti dal gruppo finlandese.

Un’innovazione che non apporterà benefici solo all’ambiente: il Gruppo Grimaldi devolverà i proventi derivanti dalle concessioni delle licenze d’uso del brevetto del nuovo sistema a favore di iniziative ed enti benefici.

 

 

Tag: grimaldi lines, trasporto marittimo, trasporti sostenibili

© Trasporti-Italia.com - Riproduzione riservata

Leggi anche

Digitalizzare il trasporto marittimo: Tim e Confitarma siglano un accordo di collaborazione

Per rispondere alle sfide del PNRR il settore del trasporto marittimo deve intraprendere un percorso di sinergia tra la transizione ecologica e quella digitale, rivolgendo particolare attenzione alle...

Porto di Bari: via al bando di gara per la realizzazione del nuovo terminal passeggeri

Un nuovo terminal moderno e funzionale che si svilupperà su una superficie di circa 3.000 mq. La caratteristica principale dell’edificio sarà la sua polifunzionalità: oltre...

Al porto di Civitavecchia la nave portacontainer più lunga mai ormeggiata

Continua il processo di sviluppo e ampliamento dei traffici nel porto di Civitavecchia, che punta a crescere ulteriormente tra i più importanti scali del Mediterraneo, oltre che per le...

Gruppo FS: 1,6 miliardi per autoproduzione di energia pulita ed efficientamento di treni e stazioni

Un’accelerata decisa verso la decarbonizzazione dei trasporti attraverso la produzione di energia rinnovabile grazie a pannelli fotovoltaici installati sui tetti delle stazioni, delle officin...

Grimaldi: al via nuovo collegamento marittimo Porto Torres-Savona

Parte il nuovo collegamento marittimo Porto Torres – Savona, operato dal Gruppo Grimaldi, per il trasporto di merci rotabili e passeggeri. Oggi l'inaugurazione della linea a bordo della nave...

Governance, riforme e semplificazioni: Confindustria presenta Progetto Mare

L’Economia del Mare è un comparto sul quale è più che mai necessario elaborare una strategia complessiva e specifica, valorizzandone le singole e già rilevanti...

Porti dell’Adriatico centrale: traffico merci in aumento rispetto ai numeri pre Covid

Dati più che positivi i per il traffico merci dei porti di Ancona e Ortona nel primo trimestre 2022, che registrano una netta crescita anche rispetto al periodo precedente alla pandemia....

Fit for 55: i deputati europei sostengono standard di emissioni per auto e furgoni

I deputati della Commissione europea per l’Ambiente sono favorevoli a un percorso verso una mobilità stradale a emissioni zero nel 2035 per le nuove autovetture e i veicoli commerciali...