Convegno Angopi, Bellanova: la ripartenza passa dai porti, importanti riforme in via di definizione

CONDIVIDI

venerdì 17 giugno 2022

"Porti: quali funzioni e beni pubblici?".​ Questa la domanda centrale del convegno che si è svolto oggi, organizzato da Angopi, Associazione nazionale gruppi ormeggiatori e barcaioli dei porti italiani.

All’evento è intervenuta da remoto anche la viceministra delle Infrastrutture e Mobilità sostenibili, Teresa Bellanova, fornendo, tra l'altro, alcuni numeri del settore.

“Il sistema portuale italiano è un attore essenziale della catena logistica e del trasporto – ha detto Bellanova -. Ancora oggi il 90% delle merci mondiali viaggia via mare, così come il 57% delle nostre importazioni ed il 44% delle esportazioni: circa 500 milioni di tonnellate di prodotti sono movimentati ogni anno e, prima della pandemia, quasi 13 milioni di passeggeri transitavano sulle nostre banchine. La fase di ripartenza dovrà passare in maniera consistente dai porti e dobbiamo farlo velocemente, come purtroppo velocemente ci siamo fermati. In questo scenario i servizi tecnico-nautici, tra cui quello degli ormeggiatori e dei barcaioli, dovranno continuare a rappresentare il punto di equilibrio tra dinamismo e vivacità commerciale e salvaguardia primaria della sicurezza delle operazioni portuali”.

“Nelle difficoltà affrontate in questi anni - ha sottolineato Bellanova - la vostra realtà si è confermata ancora una volta imprescindibile punto di riferimento per il Governo, per il cluster marittimo e per tutto il territorio. Avete dimostrato spirito di sacrificio e resilienza, organizzando i servizi in funzione delle esigenze portuali, senza alcuna interruzione anche durante le fasi più dure della pandemia, salvaguardando così anche la competitività e l’attrattività dei nostri porti”. 

Verso l'aggiornamento della Pianificazione strategica dei porti

La viceministra ha spiegato che in questi mesi il MIMS, oltre agli ingenti investimenti, sta definendo alcune importanti riforme con una visione di insieme e coordinamento tra istituzioni, associazioni e stakeholder del comparto marittimo, confermando la necessità di una collaborazione trasversale su tematiche come ambiente, sicurezza, digitalizzazione e semplificazione delle procedure.

In primo luogo l’aggiornamento della Pianificazione strategica dei porti, per una visione unitaria del sistema marittimo italiano. Quindi, la revisione della legge quadro 84/94, con particolare riguardo alla trasparente ed equilibrata gestione dei beni comuni ed alle modalità di rilascio e rinnovo delle concessioni portuali nell’ottica della concorrenza.

La cornice, ha poi specificato Bellanova, dovrà essere quella delle norme comunitarie tenendo conto naturalmente anche delle peculiarità dell’organizzazione portuale italiana, soprattutto in riferimento a un servizio di interesse generale, che riguarda la sicurezza integrata, intesa come sicurezza della navigazione, degli approdi, delle persone e dell’ambiente marino, “servizio proprio per questo disciplinato a livello centrale dal Ministero e a livello decentrato dall’Autorità marittima, di intesa con le Autorità di sistema portuale”.

Tag: autorità portuale

© Trasporti-Italia.com - Riproduzione riservata

Leggi anche

Merlo (Federlogistica): crescono attacchi hacker ai porti, necessario rispondere con la digitalizzazione

Massimo alert sul rischio di attacchi hacker alle strutture portuali, con l’obiettivo di provocarne il collasso. L'allarme arriva da Naval Dome, la società di security israeliana i...

Porto La Spezia: stop all'ordinanza che regola gli accessi, critiche le associazioni dell'autotrasporto

L'organismo di partenariato del porto della Spezia ha bocciato l'ordinanza che regolamentava gli accessi dei mezzi pesanti nei terminal introducendo livelli di servizio. La decisione è stata...

Porti della Sicilia Orientale: approvato il consuntivo 2021

Approvato il conto consuntivo del 2021 della AdSP del Mare di Sicilia Orientale. Il documento, che precedentemente aveva ricevuto valutazione favorevole dal Collegio dei Revisori dei Conti è...

Porto di Civitavecchia: approvato il piano strategico

"È il primo vero grande tentativo di pianificare in modo organico i lineamenti e la configurazione del porto del futuro, con 2 scansioni temporali: pre e post 2026, partendo dalla...

Sostenibilità: nei porti La Spezia e Carrara un software per calcolare le emissioni delle navi

Il problema delle emissioni delle navi, cargo e da crociera, è particolarmente avvertito alla Spezia dove i quartieri cittadini di affacciano direttamente sulla città e dove più...

Porti della Sicilia Orientale: l'Autorità può lavorare al piano regolatore portuale

L’Autorità di Sistema Portuale del Mar di Sicilia Orientale, che comprende i porti di Augusta e Catania, ottiene l’approvazione definitiva del Documento unico di programmazione...

Mare di Sicilia orientale: Francesco Di Sarcina nomimato presidente dell'autorità portuale

Francesco Di Sarcina è il nuovo Presidente dell'Autorità di sistema portuale del Mare di Sicilia orientale. Di Sarcina ha ricoperto il ruolo di segretario generale dell'autorità...

Mare Adriatico centrale: Vincenzo Garofalo nominato presidente dell'autorità portuale

Vincenzo Garofalo è il nuovo presidente dell'Autorità di sistema portuale del Mare Adriatico centrale. La nomina ha la durata di quattro anni. Il decreto di nomina è stato...