Confitarma: un tavolo istituzionale e ristori contro rincari energetici e dei carburanti

CONDIVIDI

giovedì 17 marzo 2022

Nel grave contesto geopolitico internazionale, per l’Italia, emerge l’importanza dell’economia del mare in generale e dell’industria armatoriale e dei porti in particolare: basti considerare che il 47% delle importazioni (in euro) dalla Federazione russa arriva via mare: 100% dei combustibili minerali (carbone); 40% del petrolio; 99% dei fertilizzanti, 91% dei mangimi.

Da questa necessaria presa d’atto si è mossa l’audizione di Confitarma davanti alle Commissioni riunite Ambiente e Attività Produttive della Camera dei Deputati, nell'ambito dell'esame per la conversione in legge decreto “Misure urgenti per il contenimento dei costi dell'energia elettrica e del gas naturale, per lo sviluppo delle energie rinnovabili e per il rilancio delle politiche industriali”.

Il direttore generale Luca Sisto, intervenuto in videoconferenza, ha innanzitutto espresso la preoccupazione della Confederazione per la grave situazione in Ucraina esprimendo forte solidarietà alla popolazione del Paese. Entrando poi più nello specifico del problema causato dall’aumento dei costi energetici e dei carburanti, ha spiegato che per diversificare le fonti di energia occorre intervenire su ciò che è per sua natura flessibile: il trasporto marittimo, l’infrastruttura mobile per eccellenza, in quanto la nave consente di diversificare rapidamente i mercati di riferimento.


Il ruolo del trasporto marittimo

Guardando al settore del gas, la maggior parte del quale arriva tramite gasdotti, il ruolo del trasporto marittimo potrebbe contribuire a ridurre la dipendenza da pochi fornitori. Per fare ciò è necessario che il nostro Paese riconsideri la politica in materia di rigassificatori e sostenga lo sviluppo della flotta di navi gasiere.

Alla luce della situazione, Confitarma, ha chiesto che al più presto venga convocato un tavolo istituzionale dedicato alla politica energetica dei prossimi decenni che ricomprenda anche il trasporto marittimo, settore definito anche dal Governo strategico per il Paese, come il periodo della pandemia ha testimoniato.

“Considerata l’insostenibilità del prezzo del bunker per le imprese di navigazione – ha concluso Sisto – Confitarma sollecita una misura per il ‘ristoro’ del ‘caro gasolio’ che, nel premiare il virtuosismo delle imprese di navigazione che utilizzano combustibili alternativi, possa essere di beneficio anche per il resto della flotta che utilizza bunker tradizionale”.

Tag: confitarma

© Trasporti-Italia.com - Riproduzione riservata

Leggi anche

Ministero del Mare e del Sud: soddisfazione di Confitarma per il segnale di attenzione dal nuovo Governo

“L’istituzione del Ministero per le politiche del mare e del sud è un importante segnale di attenzione alla Blue Economy e di consapevolezza della rilevanza strategica ed economica...

Confitarma e Assarmatori: non far pagare agli armatori l’impasse della normativa sul conferimento dei rifiuti nei porti

Un provvedimento che nell'intenzione doveva semplificare e rendere più chiare le procedure, si sta invece rivelando origine di maggiori costi e nuovi lacci burocratici. Questa la situazione...

Confitarma: bene la riforma degli ITS per una maggiore professionalità del personale marittimo

“Con la riforma inizia una nuova fase degli ITS che diventano ITS Academy e mutano il nome in Istituti Tecnologici Superiori, rafforzando il rapporto con il mondo del lavoro e consentendo al...

Confitarma: semplificare e coinvolgere gli stakeholder per lo sviluppo dei porti e delle ZES

“Le navi e i porti, elementi fondamentali della catena logistica, sono asset strategici ai fini dell’import-export delle merci, della differenziazione delle fonti di approvvigionamento...

Guerra e transizione ambientale: le criticità della navigazione al centro dell’Assemblea annuale Confitarma

La crisi geopolitica e le conseguenze causate dalla guerra tra Russia e Ucraina hanno complicato negli ultimi mesi le catene di approvvigionamento e i trasporti globali, già messi a dura prova...

Digitalizzare il trasporto marittimo: Tim e Confitarma siglano un accordo di collaborazione

Per rispondere alle sfide del PNRR il settore del trasporto marittimo deve intraprendere un percorso di sinergia tra la transizione ecologica e quella digitale, rivolgendo particolare attenzione alle...

Codice della Navigazione, Confitarma-Assarmatori: necessario semplificare e deburocratizzare

Ricorrono gli 80 anni del Codice della Navigazione e il 21 aprile a Roma, Luca Sisto, direttore generale di Confitarma, e Alberto Rossi, segretario generale di Assarmatori, sono intervenuti...

Roma Capitale di un Paese Marittimo? Il convegno organizzato da Confitarma e Shipping 4.0

“Abbiamo visto quello che è successo con energia e carburante, e per questi aspetti condividiamo l’urgenza di implementare e rendere strutturali strumenti come il Marebonus e il...