Confitarma: mancano Ufficiali e Direttori di macchina italiani qualificati

CONDIVIDI

lunedì 25 ottobre 2021

Mancano Ufficiali e Direttori di macchina italiani in possesso delle competenze richieste dalle più moderne tecnologie presenti a bordo.
L'allarme è stato lanciato nel corso della prima riunione del Gruppo Tecnico “Education e Capitale Umano” di Confitarma, presieduta da Salvatore d’Amico.

Si tratta di una preoccupazione dell’armamento italiano per una carenza definita "ormai strutturale".

Nel corso della riunione è emersa una carenza di lavoratori marittimi italiani riguardante alcune importanti qualifiche di bordo e, in particolare, un forte squilibrio tra l’offerta di ufficiali di coperta e quella di ufficiali di macchina: infatti, sul totale degli studenti diplomati dagli Istituti nautici due terzi scelgono l’opzione coperta e solamente un terzo l’opzione macchina.

Diffondere tra le nuove generazioni la conoscenza delle carriere marittime

“È necessario avviare specifici progetti di informazione e orientamento, sin dalle scuole medie e nei primi anni degli Istituti nautici, al fine di diffondere tra le nuove generazioni la conoscenza delle carriere marittime – ha affermato Salvatore d’Amico – soprattutto per quanto riguarda il lavoro svolto nella sezione macchina, spesso legato a un ideale arcaico e stereotipato che non risponde alla realtà di questa carriera”.

“Per contrastare una tendenza che ha effetti fortemente negativi sull’occupazione marittima italiana – ha concluso Salvatore d’Amico – occorre intervenire subito evidenziando anche le importanti opportunità di carriera a bordo e a terra che gli ITS del mare offrono ai nostri giovani”.

Tag: trasporto marittimo, confitarma

© Trasporti-Italia.com - Riproduzione riservata

Leggi anche

Digitalizzare il trasporto marittimo: Tim e Confitarma siglano un accordo di collaborazione

Per rispondere alle sfide del PNRR il settore del trasporto marittimo deve intraprendere un percorso di sinergia tra la transizione ecologica e quella digitale, rivolgendo particolare attenzione alle...

Porto di Bari: via al bando di gara per la realizzazione del nuovo terminal passeggeri

Un nuovo terminal moderno e funzionale che si svilupperà su una superficie di circa 3.000 mq. La caratteristica principale dell’edificio sarà la sua polifunzionalità: oltre...

Al porto di Civitavecchia la nave portacontainer più lunga mai ormeggiata

Continua il processo di sviluppo e ampliamento dei traffici nel porto di Civitavecchia, che punta a crescere ulteriormente tra i più importanti scali del Mediterraneo, oltre che per le...

Governance, riforme e semplificazioni: Confindustria presenta Progetto Mare

L’Economia del Mare è un comparto sul quale è più che mai necessario elaborare una strategia complessiva e specifica, valorizzandone le singole e già rilevanti...

Porti dell’Adriatico centrale: traffico merci in aumento rispetto ai numeri pre Covid

Dati più che positivi i per il traffico merci dei porti di Ancona e Ortona nel primo trimestre 2022, che registrano una netta crescita anche rispetto al periodo precedente alla pandemia....

Approvata la legge Salvamare: i pescatori potranno portare a terra la plastica recuperata con le reti

Giornata storica per il mare: Marevivo e Federazione del Mare, insieme ad Assonave, Assoporti, Confindustria Nautica, Confitarma, Federpesca, Lega Navale, Lega Italiana Vela, Stazione Zoologica Anton...

Ucraina: 500 marittimi bloccati a bordo delle navi nei porti nel Mar Nero e nel Mar d'Azov

500 marittimi sono ancora a bordo di 109 navi bloccate nei porti ucraini o nei mari vicini. Lo ha reso noto l’ICS – International Chamber of Shipping che chiede la conservazione dei...

Vado Ligure: operativa la seconda aerea di scambio del nuovo Container Terminal

A disposizione degli autotrasportatori 17 nuove postazioni e una “flotta” di gru di piazzale che operano in modo autonomo e sono supervisionate “in remoto” da operatori...