Confitarma e Assarmatori: non far pagare agli armatori l’impasse della normativa sul conferimento dei rifiuti nei porti

CONDIVIDI

giovedì 20 ottobre 2022

Un provvedimento che nell'intenzione doveva semplificare e rendere più chiare le procedure, si sta invece rivelando origine di maggiori costi e nuovi lacci burocratici. Questa la situazione che si è venuta a creare nei porti italiani a seguito dell’entrata in vigore del decreto legislativo 8 novembre 2021 relativo al recepimento della direttiva (UE) sugli impianti portuali di raccolta per il conferimento dei rifiuti delle navi.

La denuncia è contenuta in una nota congiunta di Confitarma e Assarmatori, che riportano come emblematico in tal senso il caso delle navi di linea delle Autostrade del Mare, per le quali la nuova normativa ha confermato l’impianto dell’esenzione preesistente, in base al quale le navi in possesso dei necessari requisiti verificati dall’Autorità marittima potevano conferire i rifiuti solo in un porto lungo la rotta.

L’unica vera novità – prosegue la nota – in aggiunta all’obbligo di stipula di un contratto di servizio con un impianto di raccolta situato in uno dei porti lungo la rotta della nave (condizione, talvolta, difficile da rispettare), è rappresentata dal fatto che i requisiti devono ora essere verificati dall’Autorità di Sistema Portuale, che dovrebbe rilasciare apposito certificato di esenzione.

Condizionale d’obbligo, dal momento che le AdSP non rilasciano tali certificati. Con il risultato che molte navi, pur mantenendo i requisiti di legge, hanno di fatto perso lo status di esenzione con un conseguente immotivato aggravio di costi e oneri amministrativi per il ritiro rifiuti, in precedenza non previsti.

Al contrario, per gli erogatori del servizio di raccolta e smaltimento, che nella maggioranza dei casi continuano a operare in regime di monopolio sebbene la nuova norma non preveda più la presenza a prescindere di un unico operatore, si sta registrando un ingiustificato incremento degli introiti, senza che siano mutati né i piani di raccolta dei rifiuti né i relativi piani di investimento.

Anomalie nell’interpretazione del concetto di esenzione

Altra grave anomalia applicativa – denunciano le associazioni – si registra nell’interpretazione del concetto di esenzione. Il Decreto Legislativo 197/2021, recependo fedelmente la direttiva, ha finalmente chiarito che l’esenzione nei porti lungo la rotta della nave riguarda tutti e tre gli obblighi (notifica, conferimento, pagamento) e che le Autorità di Sistema Portuale devono definire specifici criteri per la determinazione delle tariffe da applicare nel solo porto dove effettivamente avviene il conferimento.

Purtroppo, invece, diverse Autorità di Sistema Portuale stanno prevedendo espressamente l’esenzione solo dagli obblighi di notifica e di conferimento ma non dal pagamento della tariffa - rivendicano le associazioni - mortificando l’essenza e la portata della norma stessa.

Da anni - conclude la nota - si parla di semplificazione, trasparenza e sburocratizzazione del settore dello shipping ma un quadro del genere configura una situazione opposta. Confitarma e Assarmatori chiedono dunque con forza che tali normative siano applicate nella loro interezza, senza ingiustificate ed errate interpretazioni di regole chiare e indiscutibili.

Tag: confitarma, AssArmatori

© Trasporti-Italia.com - Riproduzione riservata

Leggi anche

Credito navale: risparmi per le banche e disponibilità maggiori per gli Armatori

  Successo di Confitarma a Basilea. Recepite dal Parlamento europeo le richieste del sindacato Armatori navali e dell’Ecsa. In Basel III, il nuovo regolamento di Basilea, infatti, è...

Decreto rinnovo flotta mercantile: Confitarma chiede di non disperdere risorse non assegnate

“Grazie al prezioso lavoro e alla dedizione della nostra Amministrazione, in primis della Direzione Generale competente, è stata portata a termine la prima fase di attuazione di questo...

Confitarma: Mario Mattioli confermato presidente fino alla fine del 2023

“Il 2022 ha dimostrato che l’industria nazionale del trasporto via mare, componente trainante dell’intero cluster marittimo, è un’infrastruttura mobile strategica...

Assarmatori: modal shift a rischio in caso di tempi e modalità diverse dell'ETS tra mare e strada

Appello di Assarmatori ai negoziatori UE in vista dell’accordo provvisorio di compromesso che dovrebbe essere raggiunto questa sera sull’inserimento del trasporto marittimo nell’ETS...

Alleanza UE sui carburanti rinnovabili: Assarmatori alla prima tavola rotonda

Un partenariato pubblico-privato lanciato nel mese di aprile dalla commissaria UE ai Trasporti Adina Vălean volto ad allineare l'intera catena industriale, contribuendo a rafforzare la produzion...

Ministero del Mare e del Sud: soddisfazione di Confitarma per il segnale di attenzione dal nuovo Governo

“L’istituzione del Ministero per le politiche del mare e del sud è un importante segnale di attenzione alla Blue Economy e di consapevolezza della rilevanza strategica ed economica...

Assarmatori: su Fuel EU il Parlamento Europeo confermi le esenzioni

Assarmatori lancia un appello al Parlamento Europeo a confermare il regime di esenzione per i collegamenti soggetti a obblighi di servizio pubblico e per quelli con le isole minori e rigettare quegli...

Assarmatori: prevedere esenzione dall’ETS per i collegamenti insulari e le Autostrade del Mare

Nei giorni in cui le forze politiche uscite vittoriose dall’ultima tornata elettorale stanno lavorando alla composizione del nuovo esecutivo che riceverà il testimone dal Governo Draghi...