Blue economy: un incontro Italia-Tunisia per rafforzare la cooperazione

CONDIVIDI

mercoledì 22 settembre 2021

Si è tenuto nei giorni scorsi il primo incontro virtuale Italia-Tunisia Towards the States-General of the Blue-Economy in the Mediterranean: a roadmap between Italy and Tunisia, organizzato dal Cluster BIG - Blue Italian Growth e dal Cluster Maritime Tunisien.

Al tavolo di confronto, in cui Italia e Tunisia hanno discusso del loro impegno a lavorare insieme in tutti i settori della blue economy, sono intervenuti Giovanni Caprino, Blue Italian Growth Technology Cluster – BIG, Ezzedine Kacem, Cluster Maritime Tunisien – CMT, Daniele Bosio, Co-Presidente Westmed, Moez Sinaoui, Ambasciatore di Tunisia in Italia, Lorenzo Fanara, Ambasciatore d’Italia in Tunisia e Leonardo Manzari e Salem Miladi, Hub Nazionali di Westmed per l’Italia e la Tunisia.

Incontro Italia-Tunisia: gli argomenti

L’iniziativa è legata all’accordo strategico tra il cluster Blue Italian Growth (BIG) e il Cluster Maritime Tunisien (CMT), firmato il 9 giugno 2020, che stabilisce un quadro di collaborazione sistemica, al quale è stata associata la FdM, per progetti, iniziative e programmi di finanziamento comuni. Entrambi i paesi sono interessati a lavorare insieme in tutti i settori dell’economia blu: cantieristica navale, trasporto marittimo, pesca, acquacoltura. Il ruolo dei due cluster sarà quello di dirigere, armonizzare e implementare tali aree di cooperazione.

All’incontro ha preso parte anche la Federazione del Mare con il Panel “Maritime Transports, Ports Partnership and digitalization- Porto di Rades” che si è soffermato in particolare sulla necessità per i porti tunisini di riacquisire competitività attraverso interventi strutturali sia a livello di governance che di gestione portuale per snellire i flussi delle merci, condizione sine qua non per attrarre investimenti ed operatori.
Antonella Querci e Francesco Alberto De Bari, Autorità di Sistema Portuale del Tirreno Settentrionale, Antonia Autuori, Amministratore Delegato Michele Autuori S.r.l, e Lorella d'Amico, DBA group hanno dato la loro disponibità ad una cooperazione rafforzata con le autorità portuali tunisine sottolineando l’urgenza di promuovere la digitalizzazione della catena logistica sulle due sponde del Mediterraneo.
Il Segretario Generale della FdM, ha ricordato che sulla base dei dati dell'INS (Istituto Nazionale di Statistica della Tunisia), l'Italia è il primo fornitore del paese nordafricano con una quota di mercato di circa il 15% nel 2020 ed è il suo secondo cliente. La Tunisia è il quinto mercato di destinazione per le esportazioni italiane nella regione MENA nel 2020, il secondo in Nord Africa. Negli ultimi quattro anni si è registrato un aumento costante di circa il 14% degli scambi con la Tunisia (escluso il 2020 che ha registrato una contrazione di circa il 24% a causa della pandemia di Covid-19).

Tag: blue economy

© Trasporti-Italia.com - Riproduzione riservata

Leggi anche

Seafuture 2021: Confitarma, trasporto marittimo ruolo cruciale nel Green Deal europeo

“Green e digitale sono le parole chiave che guidano e definiscono gli orientamenti per gli investimenti dell'UE in ricerca e innovazione nei prossimi anni. Il successo del Green Deal europeo...

Federazione del Mare e Cluster BIG insieme per promuovere l'economia blu

Adottare iniziative per promuovere specifiche attività per la divulgazione verso il grande pubblico del valore dell’economia blu e favorire la coscienza pubblica di tutti gli aspetti del...

Mediterraneo: le opportunità della blue economy per l'Italia

Il mare assorbe più di un terzo dell’interscambio italiano e i porti del Mezzogiorno incidono su quasi la metà del traffico nazionale. Il Mediterraneo è quindi una grossa...

Dall’1 al 3 luglio appuntamento a Sorrento con un nuovo evento ALIS dedicato alla sostenibilità

Si svolgerà a Sorrento da giovedì 1 a sabato 3 luglio il nuovo evento Alis “Trasporti Logistica Sostenibilità. Green e blue economy per la ripartenza”. Un confronto...

Rilanciare l'economia del mare con i fondi del Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza

L’Italia si estende per l’80% nel mare e i suoi scali intercettano una fetta rilevante dei traffici del Mediterraneo. Per questo è necessario intervenire su più fronti per...

Economia Blu: l'Ue presenta un piano per decarbonizzare il trasporto marittimo

Una serie di azioni per favorire gli investimenti in aree marine protette, energia rinnovabile offshore e decarbonizzazione di trasporto marittimo e porti. Le ha inserite la Commissione...

Msc: illustrato il protocollo di sicurezza alla presenza della viceministra Bellanova

Oggi la viceministra alle Infrastrutture e alla Mobilità Sostenibili Teresa Bellanova è stata a bordo della Msc Grandiosa per un confronto sulla rilevanza economica del comparto...

Blocco nave Suez: Federlogistica, porti italiani impreparati ad affrontare le emergenze

Federlogistica lancia l’allarme dopo il blocco di Suez. Secondo l'associazione i porti italiani sono impreparati ad affrontare le emergenze. Una delle più grandi navi del mondo dopo aver...