Assarmatori rilancia il proprio impegno sullo shipping sostenibile

CONDIVIDI

venerdì 18 giugno 2021

Come prolungare il Genoa Blue Agreement, aggiornamento delle misure per ridurre le emissioni di fumi nei porti, i progetti per l’elettrificazione delle banchine. Questi alcuni dei temi sui quali Assarmatori rilancia con forza il suo impegno per la sostenibilità.

Gran parte delle aziende associate ad Assarmatori scalano il porto il Genova con linee regolari, l’associazione è da sempre proattiva e collaborativa sui temi della sostenibilità ambientale. Per questo motivo nel corso dell’audizione presso la IV Commissione, Territorio e Ambiente, della Regione Liguria, Michele Francioni, componente della Commissione tecnica ShipTechnology, Maritime Safety & Environment di Assarmatori, ha ribadito la disponibilità dell’associazione a fornire il proprio contribuito nei tavoli istituzionali sui temi ambientali che occupano grande interesse e rilevanza per l’armamento.

In particolare Assarmatori si è espressa favorevolmente sulla possibilità di un prolungamento del Genoa Blue Agreement, l’accordo volontario promosso dalla Capitaneria di porto di Genova con il quale le compagnie di navigazione si impegnano a utilizzare sulle proprie navi gasolio con tenore di zolfo non superiore allo 0,10% anche nelle fasi di entrata e uscita dai porti di Genova e Savona, per 3 miglia, e non solo 2 ore dopo l'ormeggio come già previsto dalle norme, ma mantenendo la caratteristica della volontarietà. Qualora si volesse rendere l’accordo obbligatorio ed estenderlo anche ad altre tipologie di navi, l’Associazione ritiene indispensabile che le medesime norme vengano applicate in modo univoco e uniforme anche in tutti gli altri porti italiani, evitando così di penalizzare alcuni scali o alcune tipologie di navi e di creare distorsioni nel mercato del trasporto marittimo.

Sempre nel corso dell’audizione si è parlato anche di altri temi fondamentali per lo sforzo di riduzione delle emissioni in ambito portuale, come i progetti di cold ironing e il ricorso al Gas liquido naturale (Gnl). La posizione di Assarmatori è che l’elettrificazione delle banchine sia un progetto fondamentale e per questo è stato giustamente inserito fra quelli da finanziare con il PNRR, a condizione però di concentrare le risorse nei porti in cui sono operati i servizi regolari di linea e sulle banchine in cui attraccano le navi che possono realmente beneficiare del collegamento alla linea elettrica portuale. Disperdere a pioggia le risorse sarebbe un errore grave.

Quanto al Gnl, l’Associazione ritiene che si tratti della miglior soluzione ponte verso l’obiettivo di una riduzione definitiva delle emissioni di carbonio, fissata dall’International Maritime Organization (Imo) per il 2050.

Tag: porto di genova, AssArmatori

© Trasporti-Italia.com - Riproduzione riservata

Leggi anche

Protesta Green pass: al porto di Genova proseguono le manifestazioni

Quinta giornata consecutiva per la protesta no Green pass davanti ai varchi del porto di Genova. Il blocco con presidio davanti all'accesso di ponte Etiopia è ancora presente, ma la...

Green Pass autotrasporto: la situazione al 18 ottobre

La protesta contro il Green pass in alcuni scali italiani (qui il nostro ultimo aggiornamento) ha avuto a Trieste un primo epilogo, oggi, con lo sgombero da parte delle forze dell'ordine dei...

Green Pass autotrasporto: aggiornamento della situazione alle 16 del 18 ottobre

Il blocco dei manifestanti no green pass al varco portuale 'Albertazzi' di Genova, che conduce sia a uno scalo mercantile che al terminal traghetti, non è più presente. (Qui il nostro...

Obbligo Green pass: a Trieste presidio dei lavoratori. Fedriga: il porto funziona

I primi riscontri parlano di oltre duemila persone radunate davanti al Varco 4 del Porto di Trieste, luogo di ritrovo della manifestazione annunciata dal Coordinamento dei lavoratori portuali di...

Aspi: accordo con il Mims per 13,6 miliardi di investimenti sulla rete autostradale

Il Ministero delle Infrastrutture e della Mobilità Sostenibili (Mims) e Autostrade per l'Italia SpA (Aspi) hanno sottoscritto un Accordo con cui, a seguito del crollo del Ponte Morandi, si...

Caos a Genova: ancora lunghe code per i tir. Le proposte di Spediporto per agevolare l’autotrasporto

  L’annoso problema del congestionamento dei terminal e della viabilità portuale di Genova, aggravato nelle ultime ore a causa di alcuni scioperi in corso, è nuovamente al...

Code al porto di Genova: Trasportounito chiede l'intervento dell'Autorità portuale

I disagi per l'autotrasporto derivanti dalle code ai varchi dei terminal portuali continuano a destare preoccupazione nel mondo delle associazioni del settore. In un comunicato Giuseppe Tagnochett...

Porto di Genova: aggiudicati interventi per 80 milioni nell’ambito del Programma straordinario

Sono stati aggiudicati tre appalti integrati complessi relativi ad altrettante opere del Programma straordinario degli interventi per la ripresa del porto di Genova. A comunicarlo in una nota...