Assarmatori: nuovi accordi commerciali per superare blocco delle materie prime da Russia e Mar Nero

CONDIVIDI

lunedì 21 marzo 2022

Con il Mar Nero e Mar d’Azov interdetti alle unità mercantili italiane e il rischio nei porti russi del Baltico, come San Pietroburgo e Murmansk, di ritorsioni contro le navi italiane per le sanzioni imposte da Roma e per i sequestri, avvenuti nel nostro Paese nei giorni scorsi, di grandi imbarcazioni russe, in particolare maxi-yacht, l’Italia rischia un blocco delle esportazioni di materie prime essenziali dalla Russia e dall’Ucraina come acciaio, semilavorati siderurgici, carbone, argilla, ma anche cereali. E, come conseguenza, un calo di oltre il 20-25% dei trasporti marittimi nel bacino mediterraneo per alcune compagnie di navigazione.

Questi i temi che il presidente di Assarmatori, Stefano Messina, ha portato all’attenzione del Ministero degli Affari Esteri, nell’ambito dell’ultimo tavolo settoriale per la valutazione degli effetti sulle imprese del conflitto russo-ucraino, presieduto dal sottosegretario Manlio Di Stefano.

Nuovi accordi commerciali per non interrompere gli approvvigionamenti

Messina – che ha offerto la piena disponibilità del mondo armatoriale a fornire collaborazione e informazioni utili al Governo – ha sottolineato la necessità per l’Italia di negoziare in tempi brevi nuovi accordi commerciali, ad esempio con gli Stati Uniti e importanti Paesi produttori del Sud America – fra cui il Brasile – nonché l’India, per attivare nuovi flussi di approvvigionamento per l’economia del nostro Paese visto che non è più possibile fare affidamento sui collegamenti in tal senso con Russia e Ucraina.

Solo per fare un esempio, per quanto riguarda il grano tenero, dal 1° gennaio al 23 febbraio 2022 (giorno prima dell’inizio del conflitto) l’Italia aveva importato 142mila tonnellate dall’Ucraina e 116mila dalla Russia. Oggi questa materia prima ha superato – per la prima volta in Italia – quota 40 euro al quintale.

Nuovi accordi commerciali eviteranno – ha sottolineato Messina – che si venga a creare un effetto domino sui prezzi ancor più marcato di quello odierno per carburanti ed energia anche nel campo delle altre materie prime. E sulla base di questi accordi – ha aggiunto – occorre prevedere al più presto una ottimizzazione della rete dei collegamenti marittimi che già oggi consentono all’Italia il rifornimento di tutte le materie prime indispensabili.

 

 

Tag: AssArmatori, trasporti internazionali, trasporto marittimo

© Trasporti-Italia.com - Riproduzione riservata

Leggi anche

Porti sardi: riallineamento dei traffici al pre-covid nonostante la crisi economica

I numeri registrati nel 2022 dagli otto porti di competenza dell'AdSP del Mare di Sardegna mostrano un totale riallineamento, e in alcuni casi una crescita rispetto al 2019. A partire dai traffici...

Regno Unito, Brexit: dal 2023 cambiano le norme per i trasporti internazionali

Trasporti internazionali e Regno Unito: nel 2023 entrano in vigore le modifiche delle condizioni per l’accesso al mercato a seguito della Brexit.Lo ha ricordatola Fedit con una nota. A...

Decreto rinnovo flotta mercantile: Confitarma chiede di non disperdere risorse non assegnate

“Grazie al prezioso lavoro e alla dedizione della nostra Amministrazione, in primis della Direzione Generale competente, è stata portata a termine la prima fase di attuazione di questo...

Nuova linea container tra Venezia e il Far East

Inaugurata una nuova tratta di collegamento tra Venezia e il Far East. Al porto di Venezia, presso il terminal Psa Venice Vecon, è giunta la MV Rijnborg, nave portacontainer di 176...

Assiterminal chiude il 2022 con un attivo di 83 operatori portuali associati

Il Gruppo Midolini, Alkion di Vado Ligure e Gruppo Amoruso di Salerno entrano in Assiterminal. L'associazione chiude così il 2022 con un attivo di 83 operatori portuali associati: imprese...

Zone franche, energia, reshoring: Monti lancia l’appello per la Sicilia hub d’Europa

“Per la prima volta forse dal dopoguerra a oggi la Sicilia ha la possibilità di diventare il centro effettivo non solo del Mediterraneo ma anche di un’Europa che dovrà...

Fast corridor Gioia Tauro-Padova: terminato l'iter per la realizzazione del corridoio ferroviario veloce per le merci

Il nuovo Fast corridor Gioia Tauro-Padova consentirà il trasporto rapido delle merci, su rotaia, dall'hub portuale calabrese all'interporto veneto e, da lì, di raggiungere...

Italia e Grecia sempre più vicine: Grimaldi e Gruppo Smet potenziano i collegamenti marittimi dalla Puglia

Grimaldi Group e il Gruppo Smet uniscono le forze per potenziare due linee fondamentali per il turismo e il trasporto merci intermodale tra la Puglia e la Grecia. Una strategia che lavora nell'ottica...