Assarmatori chiede incentivi per sviluppare tecnologie per flotte più sostenibili

CONDIVIDI

mercoledì 14 aprile 2021

Un trasporto marittimo più sostenibile e rispettoso dell’ambiente e delle comunità può essere considerato onere esclusivo degli operatori privati?
Secondo Assarmatori è indispensabile un uso intelligente degli incentivi pubblici per limitare nei tempi più stretti possibili gli impatti sui cambiamenti climatici per l’adeguamento delle flotte marittime.

Il presidente di Assarmatori (Conftrasporto-Confcommercio) Stefano Messina si è rivolto ai parlamentari europei, nel corso dell’audizione pubblica presso la Committee on Transport and Tourism del Parlamento Europeo.

Necesarie competenze e risorse finanziarie importanti

La politica degli incentivi deve essere coerente con gli investimenti in ricerca e sviluppo di soluzioni tecniche e uso di combustibili alternativi, ha spiegato Messina, che nel panel di esperti consultati per ogni settore del trasporto ha rappresentato il mondo dello shipping.

“La strada da percorrere è ancora lunga - ha detto Messina - e la ricerca dovrà fare ancora fare molti passi in avanti prima che metanolo, ammoniaca, bio-carburanti, idrogeno e celle a combustibile diventino soluzioni efficacemente applicabili su larga scala, con l'affidabilità e la sicurezza che il trasporto marittimo di passeggeri e merci richiede. Servono quindi competenze ma anche risorse finanziarie importanti, che devono essere adeguatamente sostenute sia dal settore privato sia dai Governi e dall’Unione Europea”.

Messina ha concluso spiegando che, in attesa delle soluzioni definitive, bisogna accompagnare la transizione con i carburanti e le tecnologie esistenti: con particolare attenzione al GNL (il Gas Naturale Liquefatto) nonché al Cold Ironing (l’elettrificazione delle banchine portuali) "che possono essere soluzioni a portata di mano, a patto che anche qui gli investimenti privati per l’adeguamento delle navi vengano affiancati da una lungimirante politica di incentivi pubblici e investimenti”.

Tag: gnl, AssArmatori, sostenibilità

© Trasporti-Italia.com - Riproduzione riservata

Leggi anche

Green Deal Turco: il piano per la progettazione di zone industriali verdi

Obiettivo green per la Turchia: al via zone e regioni industriali verdi come parte del piano d'azione Green Deal dell'Unione europea, che mira a rendere l'Europa il primo continente a impatto zero...

Trasporto pubblico: PNRR, in arrivo 860mln per nuovi autobus ecologici

Il mondo del trasporto pubblico italiano è in fase di transizione ecologica. Stanziati per le regioni seicento milioni di euro alle Regioni e alle Province Autonome di Trento e Bolzano per...

Uggè (Conftrasporto): Green Deal autolesionistico, nostre preoccupazioni condivise anche da Cingolani e Giorgetti

Il piano europeo sul green deal recentemente adottato dalla Commissione Ue, continua ad animare il dibattito nel mondo dell'autotrasporto. La decisione del Consiglio europeo, che tra le altre...

Navi a GNL: approvata la guida tecnica per il rifornimento in porto

Nell'ambito del processo di decarbonizzazione del settore del trasporto marittimo, e nella prospettiva di contribuire al raggiungimento dei nuovi obiettivi del Green New Deal, il mercato del GNL...

Alimentazioni: gpl e gnl possono essere alleati per la decarbonizzazione?

L’Italia e l’Europa in generale vanno verso la decarbonizzazione. In quest’ottica, spesso si parla di idrogeno e di elettrico, ma in realtà anche glp e gnl possono dare il...

Infogestweb-Golia presente all'evento ALIS dall'1 al 3 luglio a Sorrento

Infogestweb-Golia, azienda veronese del settore delle soluzioni informatiche ed innovative per il settore dell’autotrasporto merci e passeggeri parteciperà al nuovo evento ALIS...

Assarmatori rilancia il proprio impegno sullo shipping sostenibile

Come prolungare il Genoa Blue Agreement, aggiornamento delle misure per ridurre le emissioni di fumi nei porti, i progetti per l’elettrificazione delle banchine. Questi alcuni dei temi sui...

Msc Crociere: il nuovo terminal di Barcellona sarà operativo dal 2024

Sorgerà nel porto di Barcellona e entrerà in servizio nel 2024: è il nuovo terminal di Msc Crociere per cui la compagnia di navigazione ha appena ottenuto il via a procedere. La...