Il MIT semplifica l'aggiornamento della carta di circolazione

CONDIVIDI

lunedì 15 febbraio 2021

Ci sono delle novità sull’art.78 del Codice della Strada. Il ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti ha infatti firmato negli scorsi giorni un decreto che semplifica l’aggiornamento della carta di circolazione.

Il decreto ha innanzitutto fornito chiarimenti sule modifiche delle caratteristiche costruttive e funzionali dei veicoli per le quali, fermo restando l’aggiornamento della carta di circolazione, non è più richiesta la visita e prova presso i competenti Uffici del Dipartimento.

Il documento del MIT specifica anche i requisiti per l’accreditamento presso gli Uffici Motorizzazione Civile delle officine di autoriparazione che eseguono le modifiche nell’ambito delle relative competenze; stabilisce le procedure per l’aggiornamento della carta di circolazione; individua le modalità di vigilanza da parte degli Uffici Motorizzazione Civile per le attività rientranti nel campo di applicazione del decreto.

Le modifiche introdotte dal MIT con il decreto sull'aggiornamento della carta di circolazione

Rientrano nel campo di applicazione del decreto queste modifiche:


1. Sostituzione del serbatoio GPL del sistema di alimentazione bifuel o monofuel;


2. Installazione gancio di traino sui veicoli delle categorie internazionali M1 ed N1;


3. Installazione doppi comandi per veicoli da adibire ad esercitazioni ed esami di guida;

4. Installazione dei seguenti adattamenti per la guida dei veicoli da parte di conducenti disabili: pomello al volante; centralina comandi servizi, inversione dei pedali acceleratore-freno nella configurazione speculare a quella originaria; spostamento leve comandi servizi (luci, tergicristalli, etc.), specchio retrovisore grandangolare interno, specchio retrovisore aggiuntivo esterno.

Cosa devono fare le officine per adeguarsi alle nuove disposizioni?

Le officine di autoriparazione eseguono le modifiche alle caratteristiche costruttive o funzionali che rientrano nel campo di applicazione del decreto, devono accreditarsi presso l’Ufficio Motorizzazione Civile territorialmente competente. Ad ogni officina accreditata l’Ufficio Motorizzazione Civile assegna un codice identificativo meccanografico utilizzando la procedura già in essere per gli allestitori, senza però creare l’utenza per il sistema. Per ogni modifica effettuata l’officina rilascia una dichiarazione di esecuzione dei lavori a regola d’arte, compilata secondo il fac-simile riportato nell’allegato B del decreto e annota, in ordine progressivo, su apposito registro, con pagine numerate e preventivamente vidimato dall’Ufficio Motorizzazione Civile, il numero di targa e numero di telaio del veicolo, il nominativo dell’intestatario, il tipo di modifica e la data in cui è stata effettuata la modifica stessa. Pertanto, in fase di accreditamento l’officina dovrà presentare, tra l’altro, il registro per la vidimazione.

Aggiornamento della carta di circolazione


Il decreto prevede che la domanda di aggiornamento della carta di circolazione possa essere presentata dall’intestatario del veicolo interessato presso l’Ufficio Motorizzazione Civile (UMC) competente per territorio in relazione alla sede della ditta che ha eseguito i lavori di modifica oppure presso uno studio di consulenza automobilistica.
Tuttavia, in una prima fase applicativa in attesa dell’allineamento e dell’implementazione delle procedure informatiche, la procedura potrà essere attivata solo presso l’UMC.
In ogni caso, la domanda di aggiornamento, da presentare entro 30 giorni dal completamento dei lavori, deve essere redatta sul modello denominato TT 2119 e ad essa vanno allegati:
•  Attestazione del versamento di € 10,20 sul cc postale 9001;
•  Attestazione del versamento di € 16,00 sul cc postale 4028;
•  Attestazione dei lavori dell’officina accreditata;
•  Certificazione di origine dei componenti installati
•  Certificato di conformità, laddove previsto

L'aggiornamento della carta di circolazione a seguito delle modifiche effettuate è eseguito dall’Ufficio Motorizzazione Civile competente ed ha luogo mediante l'emissione di un tagliando adesivo, da applicare sulla carta di circolazione del veicolo, che riporta:
-  i dati variati o integrati conseguentemente alle modifiche apportate;
-  il numero identificativo dell’officina che ha eseguito i lavori.

Applicazione del decreto e fase transitoria


Nell’attesa dell’adeguamento delle procedure alle nuove disposizioni introdotte dal decreto, è prevista una fase transitoria durante la quale potrà verificarsi la coesistenza delle due diverse procedure per l’aggiornamento della carta di circolazione: quelle introdotte dal novellato articolo 78 del Codice della strada, cioè senza visita e prova, con quelle preesistenti con visita e prova.
Le vecchie procedure potranno trovare applicazione sia per le domande già presentate e, quindi, per le visite e prove già prenotate, sia per le domande ancora da presentare relative a modifiche i cui lavori siano già stati effettuati alla data di entrata in vigore del decreto.
Se gli interessati volessero avvalersi delle semplificazioni introdotte, le domande già presentate potranno essere definite con la nuova procedura a condizione che la domanda venga opportunamente integrata e resa conforme alle prescrizioni del decreto, con particolare riferimento all’accreditamento dell’officina e alle relative dichiarazioni. Inquesto caso, nel presentare la richiesta di aggiornamento della carta di circolazione, al fine di agevolare il richiedente, potranno essere scelte in alternativa queste due soluzioni:
- allegare la ricevuta di prenotazione della visita e prova del veicolo senza presentare ulteriori versamenti (in tal caso l’UMC archivierà tramite procedura informatica la precedente prenotazione per evitarne il riutilizzo)
- allegare i nuovi versamenti (provvedendo alla richiesta di rimborso o di riutilizzo di quelli associati alla precedente prenotazione, con le modalità già in uso).

© Trasporti-Italia.com - Riproduzione riservata

Leggi anche

Il Mims si riorganizza: tre dipartimenti per una maggiore efficienza

Il ministero delle Infrastrutture e della Mobilità Sostenibili si riorganizza e, con specifico regolamento già pubblicato in Gazzetta Ufficiale, istituisce un nuovo dipartimento che va...

MIMS: Giovannini incontra i sindacati. Un primo confronto sulle priorità del settore

Si è tenuto oggi, in videoconferenza, l'incontro tra il ministro delle Infrastrutture e della Mobilità Sostenibili, Enrico Giovannini, e i segretari generali di Filt Cgil, Stefano...

Conftrasporto: no all'ipotesi del nuovo nome per il ministero delle Infrastrutture

Inaccettabile l’idea di trasformare il nome del ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti in ministero delle Infrastrutture e della Mobilità sostenibile. Lo ha detto  il...

Il MIT cambia nome: si chiamerà Ministero delle Infrastrutture e della Mobilità Sostenibili

Un cambio di nome per una visione di sviluppo allineata alle attuali politiche europee e ai principi del Next Generation Eu. Con questa motivazione, il dicastero di Porta Pia cambia nome e diventa...

MIT: nominati i due viceministri, Bellanova e Morelli, e il sottosegretario Cancelleri

Teresa Bellanova di Italia Viva e Alessandro Morelli della Lega sono i due viceministri alle infrastrutture e ai Trasporti del Governo guidato da Mario Draghi. A ricoprire la carica di...

Autotrasporto, Unatras scrive al neo ministro Giovannini e chiede un tavolo di confronto

Attraverso una lettera a firma del presidente Amedeo Genedani, Unatras ha chiesto un incontro al neo ministro dei Trasporti Enrico Giovannini per discutere delle questioni più...

Patrizio Bianchi, ministro dell'Istruzione: trasporti momento fondamentale della vita collettiva

Si è tenuto oggi 'Una proposta per l'organizzazione futura della scuola, della mobilità e degli orari delle città', il webinar organizzato da Federmobilità...

Enrico Giovannini nuovo ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti

Enrico Giovannini è il nuovo ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti del Governo guidato da Mario Draghi. Giovannini ha giurato al Quirinale lo scorso 13 febbraio e succede a Paola De...