Direttiva europea ITS: approvata la proposta di modifica

CONDIVIDI

lunedì 6 giugno 2022

I Ministri dei Trasporti dell’Ue hanno approvato la modifica della direttiva relativa alla diffusione dei sistemi di trasporto intelligenti (ITS), proposta dalla Commissione europea a dicembre 2021 al fine di accelerare la transizione dell'Unione europea verso un'economia digitale.

La modifica è finalizzata a tenere conto degli sviluppi tecnologici verificatisi a partire dal 2010, come la mobilità connessa e automatizzata, le applicazioni di Mobility as a Service (MaaS) e l'offerta di trasporto multimodale. Intende inoltre migliorare la disponibilità e l'interoperabilità dei dati digitali che alimentano tali servizi. Si tratta dunque di un passo importante verso la realizzazione dello spazio comune europeo dei dati sulla mobilità.

 

Rafforzato il ruolo degli Stati membri nel decidere le condizioni di attuazione

L’orientamento generale adottato dal Consiglio mantiene l'ambizione di progredire nella diffusione sistematica e armonizzata dei sistemi di trasporto intelligenti, procedendo in modo graduale, per tenere pienamente conto dei benefici e dei costi indotti.

Il testo conferma gli importanti passi avanti contenuti nella proposta presentata dalla Commissione a dicembre 2021 rispetto alla direttiva in vigore, rafforzando nel contempo in modo significativo il ruolo degli Stati membri nel decidere le condizioni di attuazione dei nuovi obblighi, specificamente nel determinare la copertura geografica e la tempistica relativa ai dati e ai servizi da fornire.

Viene operata una distinzione che prevede, da un lato, la decisione politica sui tipi di dati indispensabili e i servizi critici da mettere a disposizione — che figurano nell'allegato della direttiva e possono essere modificati mediante atto delegato —, dall'altro, le questioni relative all'attuazione, in particolare lo scaglionamento nel tempo e nello spazio, da stabilire nel quadro di un atto di esecuzione che accompagnerà tale decisione politica.

Il testo dell'orientamento generale chiarisce e precisa inoltre diverse disposizioni della proposta, tra cui il trattamento provvisorio delle situazioni di emergenza, la questione dei dati personali e i principi applicabili all'elaborazione delle specifiche.

Il documento consentirà alla presidenza del Consiglio di avviare i negoziati con il Parlamento europeo non appena quest'ultimo avrà adottato la sua posizione.

Tag: its, smart mobility

© Trasporti-Italia.com - Riproduzione riservata

Leggi anche

MaaS: a Genova un esperimento per progettare la mobilità del futuro

Il concetto di Mobility-as-a-Service (MaaS) è il futuro della mobilità: una tecnologia capace di integrare diverse modalità di trasporto mettendole a disposizione del passeggero...

Accelerare la digitalizzazione delle infrastrutture: accordo tra Autostrade e Open Fiber

Velocizzare il processo di digitalizzazione del nostro Paese e collaborare in progetti e iniziative per rendere più smart le nostre città e le nostre strade. Questi gli obiettivi del...

Le raccomandazioni dei costruttori europei per la revisione della direttiva ITS

Negli ultimi 10 anni, la direttiva sui sistemi di trasporto intelligenti (Direttiva ITS) ha rappresentato il quadro normativo di riferimento per accelerare e coordinare la diffusione e l'uso degli...

Un monopattino elettrico per monitorare la salute delle infrastrutture

Gestori, aziende private e istituzioni sono sempre più consapevoli dell’importanza di monitorare costantemente lo stato di salute di strade, autostrade, ponti, viadotti, gallerie e delle...

Mai più parcheggio selvaggio dei monopattini: TIER Mobility acquisisce Fantasmo

“Un importante passo in avanti che contribuirà a rendere i monopattini elettrici più conformi e sicuri. Fin dall'inizio, siamo rimasti estremamente impressionati...

Waze ed Enel: la mobilità del futuro sarà elettrica, digitale e smart

Le città circolari richiedono una mobilità sostenibile e intelligente collegata a un insieme di infrastrutture, servizi digitali e di comunicazioni che portano aziende, istituzioni e...

Renault Group e Dassault Systèmes rafforzano la partnership per sviluppare programmi per nuovi veicoli e servizi di mobilità

  Le principali tendenze nel settore dei trasporti e della mobilità - l'aumento dei vincoli normativi, la complessità dei prodotti, l'elettrificazione, la connettività, la...

I trend della mobilità 2022: telematica per miglioramento del traffico veicoli e gestione della supply chain all’insegna della sostenibilità

La pandemia da Covid-19 impone di misurarci con un contesto continua evoluzione, anche nel settore della mobilità che ha risvolti sulla quotidianità dei singoli ma anche sulla gestione...