Turchia: economia circolare e sostenibilità al centro del vertice di Uludağ

CONDIVIDI

venerdì 26 novembre 2021

Si è svolto nei giorni 24-25 novembre l’Uludağ Economy Summit, uno dei più importanti incontri di economia e commercio della Turchia, organizzato dalle riviste Capital, Economist e StartUp dal 2012 e che ha visto la presenza di importanti relatori e figure istituzionali provenienti dalla Turchia e da tutto il mondo. Tema principale del vertice: "Sostenibilità e futuro".

In particolare, nella seconda giornata del summit, durante la sessione "Economia circolare: non sprecare il futuro", sono stati discussi nuovi modelli di produzione e di business che enfatizzano l'innovazione e la sostenibilità. Emrah Bilge, direttore generale della Fondazione Çöpüne Sahip Çık, l'ex CEO della Fondazione Ellen MacArtur Jamie Butterworth, il direttore del Programma alimentare delle Nazioni Unite per la Turchia Nils Grede e il responsabile marketing di P&G Turchia Onur Yaprak hanno partecipato al panel moderato dal CEO di Doğan Burda Cem Başar, Demirören.

Un’economia circolare ancora lontana e l’obiettivo della consapevolezza

“Siamo lontani dall'economia circolare sia nel mondo che in Turchia. Ogni anno nel mondo vengono prodotti 270 kg di spazzatura a persona. Questa cifra è di 538 kg nei paesi dell'OCSE e di 420 kg in Turchia. Per quanto riguarda il riciclaggio, viene raggiunto un tasso del 20 percento, 25-30 percento nell'OCSE e solo il 12 percento in Turchia”- ha affermato Bilge- “In Turchia continuiamo a seppellire l'88% di tutti i nostri rifiuti nella terra. Così facendo danneggiamo la natura e rifiutiamo materie prime che possono invece essere riutilizzate in un mondo con scarse risorse"- conclude Bilge.

Afferma invece Butterworth: “Sprechiamo un terzo del cibo che produciamo, ovvero circa un trilione di dollari. Se questo fosse un paese, sarebbe il terzo paese a produrre più carbonio dopo Cina e Stati Uniti".

Da parte sua, Grede ha dichiarato: “Se non sprecassimo cibo, ne avremmo sufficienza per tutti nel mondo. Il COVID-19 ha accelerato questa tendenza. Abbiamo ricevuto il Premio Nobel l'anno scorso per il nostro lavoro sui campi di battaglia per la sicurezza alimentare. Le zone di guerra sono i luoghi in cui siamo più in grado di aiutare e dove abbiamo più sicurezza alimentare. Il numero di persone che necessitano di cibo aumenta ogni anno. Sarebbe fantastico se le aziende potessero aiutarci di più. Ogni giorno vengono trasferite centinaia di navi cariche di cibo, ma anche i lunghi viaggi aumentano la nostra impronta di carbonio. Trovare risorse locali sarà vantaggioso per noi. Gli obiettivi principali dei nostri programmi sono donne e bambini. Aiutiamo anche gli agricoltori di molti paesi ad adattarsi alle nuove realtà del cambiamento climatico e a rivolgersi a colture sostenibili”.

Yaprak ha affermato che il pubblico si aspetta da aziende e marchi non solo di fornire buoni prodotti, ma di andare oltre e agire sulla sostenibilità ambientale: “Produrremo i nostri 20 marchi leader in imballaggi riciclabili al 100% entro il 2030, in linea con la nostra promessa. Risparmieremo circa 5 miliardi di litri d'acqua. Abbiamo in programma di essere carbon neutral in tutte le nostre operazioni entro il 2040. Agiamo con il principio di ridurre, riutilizzare, riciclare. Abbiamo iniziato il nostro percorso di sostenibilità con il cibo, abbiamo lanciato una campagna per non sprecare cibo con il nostro marchio Fairy. Gli individui devono essere incoraggiati e istruiti sull'importanza di questo problema. Stiamo cercando di creare una seria consapevolezza su questo tema"- conclude Yaprak.

La Turchia tra i Paesi che hanno aumentato di più l'export

Il ministro del Commercio Mehmet Muş, che ha partecipato al vertice in video, ha affermato che è necessario lavorare sodo per realizzare il potenziale della Turchia nel cambiamento dell'economia mondiale. Muş ha affermato che nei primi due trimestri del 2021 si è registrata una forte ripresa grazie all'espansione delle politiche fiscali nel mondo, e che questa ripresa continuerà nel 2022. Affermando di voler massimizzare il contributo di esportazioni nette verso la crescita, Muş ha aggiunto: "Il nostro paese è diventato il paese che ha aumentato di più le sue esportazioni, dopo il Sudafrica e l'India, tra i paesi del G20".

Concentrarsi sulla sostenibilità per mantenere il primato

Richiamando l'attenzione sul cambiamento climatico, ha affermato: “La crisi climatica non può essere rinviata, trascurata o ignorata. Dovremmo concentrarci meglio sulla sostenibilità per rendere permanenti i record che abbiamo battuto nelle esportazioni di beni e servizi del nostro paese e per creare una Turchia prospera". Muş ha concluso ricordando che l'accordo di Parigi sul clima è stato approvato in Turchia e che è stato sviluppato un piano d'azione per una trasformazione green, ed ha espresso la convinzione che il peso della crisi climatica dovrebbe essere condivisa tra tutti i paesi.

Tag: Turchia, infrastrutture

© Trasporti-Italia.com - Riproduzione riservata

Leggi anche

Approvato il decreto Mims: nuove misure per infrastrutture e trasporti più efficienti e sostenibili

Migliorare il sistema infrastrutturale e la qualità dei servizi di mobilità per rispondere in modo innovativo alle esigenze delle persone, delle imprese e dell’ambiente.  Il...

Liguria: Free To X attiva una nuova stazione di ricarica elettrica sulla A12

Free To X, società del gruppo Autostrade per l’Italia, dedicata allo sviluppo di servizi avanzati per la mobilità,  attiva una nuova stazione di ricarica ad alta potenza per...

Garantire sicurezza e continuità di strade e infrastrutture: accordo MIMS-ENEA-INGV

Mettere in campo le tecnologie più avanzate per rafforzare la sicurezza di strade e ferrovie del nostro Paese e garantire la continuità delle infrastrutture nazionali e dei servizi di...

Dal Cipess via libera a investimenti per 23mld: tra i progetti anche il potenziamento della linea adriatica

''Con il solo contratto di Programma Rfi sblocchiamo investimenti da qui al '26 per oltre 23 miliardi di euro con l'obiettivo di garantire al Paese rilancio, lavoro, mobilità sostenibile e...

Emergenza siccità: assegnati 27mln di euro alle Autorità di Bacino e alle Zone Economiche Speciali

Via libera alla ripartizione di 27 milioni di euro tra le Autorità di Bacino distrettuale e le Zone Economiche Speciali (ZES) per la realizzazione di opere idriche per fare fronte...

Esodo estivo: grandi partenze nel weekend, registrato traffico intenso

 Il fine settimana appena trascorso, contrassegnato dal bollino rosso, è stato caratterizzato dalle grandi partenze di fine luglio per gli spostamenti di media e lunga...

Divieti camion Tirolo: chiusura dei percorsi alternativi nelle date del dosaggio

Il Tirolo dispone nuove limitazioni al traffico. Il provvedimento riguarda alcune strade alternative e si collega al sistema di dosaggio già attivo per i mezzi pesanti sulla A12 per...

A16 Napoli-Canosa: sospesi i cantieri per agevolare l'esodo estivo

Per agevolare gli utenti negli spostamenti verso le località turistiche, Autostrade per l’Italia ha predisposto un calendario di interruzione dei lavori dei cantieri, sulla base...