Toscana: in arrivo 580 milioni per il rilancio dell'area livornese

CONDIVIDI

venerdì 21 ottobre 2016

E' stato firmato a Roma l'Accordo di programma definitivo per il rilancio dell'area livornese. L'accordo che prevede la destinazione di 578,85 milioni di euro, vede coinvolti i tre ministeri (Ministero dello sviluppo economico, Ministero del lavoro e Ministero delle infrastrutture e dei trasporti), la Presidenza del Consiglio dei Ministri (presente il Sottosegretario alla Presidenza del Consiglio Claudio De Vincenti), la Regione Toscana, Rfi, l'Agenzia nazionale per l'attrazione degli investimenti e lo sviluppo d'impresa (Invitalia), l'Autorità portuale, la Provincia e il Comune di Livorno e i comuni di Rosignano Marittimo e Collesalvetti.

A sottolineare l'importanza dell'accordo, accanto alla firma del presidente della Regione, Enrico Rossi, ci sono anche quelle del ministro dello sviluppo economico, Carlo Calenda e di quello dei trasporti e delle infrastrutture, Graziano Delrio.

La firma permetterà al Mise di dare il via al bando da 10 milioni di euro che sarà gestito da Invitalia per l'attrazione di nuove imprese, per rilanciare le attività produttive e favorire l'occupazione nel territorio. Inizia così la fase operativa, quella della presentazione formale delle richieste da parte di coloro che avevano manifestato interesse a partecipare al bando.

La realizzazione del progetto ha lo scopo di salvaguardare e consolidare le imprese dell'area di crisi industriale complessa di Livorno, attrarre nuove iniziative imprenditoriali e infine reimpiegare i lavoratori espulsi dal mercato del lavoro. 

L'ingente massa di risorse complessivamente stanziate è destinata alla realizzazione, già avviata, di importanti opere infrastrutturali come la darsena Europa e lo scavalco ferroviario, alla creazione di un polo tecnologico e di un incubatore di imprese, ai protocolli di insediamento e a percorsi di formazione e riqualificazione per i lavoratori.

In vista del bando del Ministero sono arrivate 71 proposte progettuali presentate da piccole, medie e grandi imprese, di cui 64 di investimenti produttivi e 7 programmi di ricerca e sviluppo, per un valore complessivo di circa 200 milioni di euro e una potenzialità stimata di impiego per circa 1.280 addetti. Nella valutazione dei progetti, avranno un punteggio più alto quelli che creano occupazione e utilizzano lavoratori dell'area espulsi dai processi produttivi.

Nella foto da sinistra: Graziano Delrio, Claudio De Vincenti, Caro Calenda ed Enrico Rossi.

Tag: ministero dello sviluppo economico, ministero del lavoro

© Trasporti-Italia.com - Riproduzione riservata

Leggi anche

Stellantis: le strategie del Governo per un futuro in Italia

Per garantire un futuro italiano a Stellantis scende in campo il Governo. È infatti previsto per il prossimo 15 giugno l’incontro con azienda e sindacati in cui il ministro dello...

Più bonus per le auto elettrificate: Motus-E scrive al ministro Giorgetti

Anche maggio è stato un mese sorprendente per il mercato delle elettrificate supportato dai bonus governativi e, sulla scorta di questo dato, Motus-E, l’associazione che raggruppa circa...

Autotrasporto: Conftrasporto, equo compenso importante per dare una maggiore sicurezza

Il problema dell'equo compenso nell'autotrasporto è tornato a infiammare il settore. Paolo Uggè, presidente di Conftrasporto-Confcommercio è intervenuto per sottolineare...

Rider: al via l'Osservatorio presieduto dal ministro Orlando

Sono ufficialmente partiti i lavori dell’Osservatorio permanente sulla tutela del lavoro svolto tramite piattaforme digitali (e in particolare dell’attività dei rider) presieduto...

Toscana: incontro in Regione per il rilancio della Perini navi

Si è riunita nuovamente l’unità di crisi per il lavoro per definire le condizioni di rilancio della Perini navi, in vista anche della presentazione del piano...

Dal Mise 100 milioni di euro per sostenere le imprese che investono nella mobilità sostenibile

Sostenere gli investimenti delle imprese produttrici di beni e servizi nella filiera dei mezzi di trasporto pubblico su gomma e di sistemi intelligenti per il trasporto. Una direttiva del Ministro...

In Toscana arrivano i tutor per evitare assembramenti di studenti alle fermate dei bus

'Ti accompagno' è il progetto voluto dalla Regione Toscana per gestire i flussi dei passeggeri, in particolare degli studenti, che torneranno su bus e treni regionali una volta terminato...

Toscana: trasporto pubblico, rimodulati i servizi. Previsto il potenziamento per aree ospedali e zone a domanda debole

La Regione Toscana ha deciso di dare mandato alle aziende di trasporto per una nuova rimodulazione dei servizi. La decisione è stata presa in considerazione di diversi fattori: la...