MIMS: al Sud investimenti del PNRR per circa 34 miliardi per accelerare il recupero del divario infrastrutturale

CONDIVIDI

venerdì 14 gennaio 2022

“I forti investimenti in infrastrutture e mobilità previsti per il Mezzogiorno hanno l’obiettivo di ridurre le disuguaglianze tra le aree del Paese, sviluppare le interconnessioni ferroviarie, potenziare i sistemi portuali, ridurre l’inquinamento e migliorare la qualità della vita delle persone. Si tratta di interventi senza precedenti, che confermano la volontà del Governo di rispondere alle esigenze di aree finora penalizzate da una mancanza di investimenti protratta per anni e per favorirne lo sviluppo sociale e la competitività economica, oltre che a ridurre le disuguaglianze e accelerare la transizione ecologica”.

Così il ministro delle Infrastrutture e della Mobilità Sostenibili, Enrico Giovannini, commenta l’ammontare degli investimenti assegnati al MIMS e destinati alle regioni del Mezzogiorno nell’ambito delle risorse del Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza (PNRR) e del Piano Nazionale Complementare (PNC); 33,8 miliardi di euro sui 61,4 miliardi complessivi.

Si tratta del 56% delle risorse allocabili territorialmente, una quota ben superiore al 40% da destinare al Sud prevista nel PNRR. Considerando poi le sole risorse aggiuntive rispetto a quelle previste a legislazione vigente, la quota per il Sud degli investimenti di competenza del MIMS sale al 63%, segno della chiara volontà – sottolinea il Ministero – di accelerare il recupero del divario territoriale in termini di infrastrutture e mobilità che ancora penalizza le aree meridionali.


Potenziamento e velocizzazione delle tratte ferroviarie

In particolare – spiega il MIMS – è destinato alle regioni del Mezzogiorno il 48% delle risorse del PNRR di competenza del ministero e il 75% delle risorse del PNC. Per alcuni investimenti le allocazioni territoriali sono già individuate all’interno dei due piani, come quelle relative all’alta velocità ferroviaria per passeggeri e merci per le linee Salerno-Reggio Calabria (1,8 miliardi dal PNRR per i lotti che saranno completati entro il 2026 e 9,4 miliardi da PNC per il resto della tratta), Napoli-Bari e Palermo-Catania. Allo stesso modo sono già allocati dal PNRR i fondi destinati al potenziamento e velocizzazione delle tratte ferroviarie che consentono le connessioni “diagonali”, come la Roma-Pescara e la Taranto-Metaponto-Potenza-Battipaglia.


Migliorare la mobilità e ridurre l’inquinamento nei centri urbani

Per gli investimenti di competenza diretta o indiretta del MIMS, la ripartizione e allocazione delle risorse su base regionale riguarda oltre 25 miliardi di euro. Di essi 13 miliardi (oltre il 50%) sono stati attribuiti alle regioni del Mezzogiorno.

Un’attenzione particolare è stata rivolta alle misure per migliorare la mobilità e gli spostamenti locali, che interessano soprattutto lavoratori e studenti, e per ridurre l’inquinamento nei centri urbani. Vanno in questa direzione gli investimenti per 983 milioni di euro dedicati al Mezzogiorno per il rinnovo degli autobus extraurbani e urbani, così da migliorare la qualità dell’aria e ridurre le emissioni inquinanti, con particolare riguardo ai grandi Comuni e a quelli che presentano tassi di inquinamento più elevati.

Al Mezzogiorno va oltre il 50% delle risorse previste per lo sviluppo della mobilità ciclistica (urbana e turistica), il 74% delle risorse dedicate al potenziamento delle ferrovie regionali (oltre 2 miliardi su un totale di 2,7 miliardi).

Il Sud beneficerà anche del 100% delle risorse previste per i treni ‘Intercity verdi’, pari a 200 milioni di euro.

Una quota importante di risorse è anche attribuita ai porti del Mezzogiorno, oltre 1,5 miliardi pari al 44% del totale nazionale di 3,4 miliardi e 80 milioni sono destinati al rinnovo e potenziamento delle navi che operano sullo Stretto di Messina.

La totalità delle risorse destinata a interventi per favorire la competitività e lo sviluppo delle Zone economiche speciali (ZES), pari a 630 milioni di euro, è stata allocata nelle aree del Sud.

Per migliorare le infrastrutture idriche sono state ripartite nelle regioni del Mezzogiorno risorse pari a 1 miliardo su complessivi 2 miliardi, mentre per la riqualificazione dell’edilizia residenziale pubblica e il progetto ‘Pinqua’ sulla qualità dell’abitare le risorse assegnate al Sud ammontano a 2 miliardi su complessivi 4,8 miliardi, il 42%. 


Investimenti in via di definizione

Per alcuni investimenti in via di definizione non è ancora possibile calcolare l’allocazione regionale ma i provvedimenti attuativi terranno comunque conto del rispetto della quota minima del 40% per le regioni del Sud.

È il caso dell’investimento sul progetto di mobilità integrata ‘Mobility as a service’ realizzato in collaborazione con il Ministro per l’Innovazione tecnologica e la Transizione Digitale e l’investimento per lo sviluppo della filiera industriale degli autobus elettrici.

Sono in via di definizione e non ancora regionalizzati gli interventi relativi alla sperimentazione dell’idrogeno nel trasporto ferroviario.

 

Tag: Ministero delle Infrastrutture e della Mobilità Sostenibili, trasporto ferroviario, porto di messina, zes, sostenibilità

© Trasporti-Italia.com - Riproduzione riservata

Leggi anche

Gruppo FS: 1,6 miliardi per autoproduzione di energia pulita ed efficientamento di treni e stazioni

Un’accelerata decisa verso la decarbonizzazione dei trasporti attraverso la produzione di energia rinnovabile grazie a pannelli fotovoltaici installati sui tetti delle stazioni, delle officin...

Autotrasporto, accesso alla professione: dal MIMS indicazioni sulle nuove disposizioni

Con una circolare il MIMS ha definito le disposizioni di attuazione del decreto dirigenziale relativo all'accesso alla professione e al mercato nel settore del trasporto stradale di merci.Lo ha...

Patente nautica: spostato al 1° giugno termine di entrata in vigore dei nuovi quiz

Slitta dal 13 maggio al 1° giugno la data di entrata in vigore dei nuovi esami teorici per il conseguimento della patente nautica (leggi l'approfondimento curato dalla redazione).Il provvedimento...

Mims e RFI premiati a Esri Italia per il progetto Collegamenti ciclabili stazioni-università

Il progetto di mobilità sostenibile “Collegamenti ciclabili stazioni-università”, realizzato dal Ministero delle Infrastrutture e della Mobilità Sostenibili (Mims) e...

Documento unico equiparato alla carta di circolazione: arriva il chiarimento dal MIMS

Ai fini del possesso e dell’esibizione della copia autenticata del documento di circolazione del veicolo, il documento unico (DU) deve ritenersi equiparato alla carta di circolazione. Lo ha...

Autotrasporto, al Transpotec i numeri del settore: nel 2022 cresce il parco veicoli Euro 6

A maggio 2022 i veicoli di ultima generazione sotto le 3,5 tonnellate hanno raggiunto la cifra di 982.696 unità, segnando un incremento del 23,9% rispetto allo stesso periodo del 2021, mentre...

Verso un nuovo modello di mobilità locale sostenibile: presentato il Rapporto del Mims

Grandi città italiane caratterizzate da una bassa domanda di mobilità urbana sostenibile, in particolare Roma, Palermo e Torino, ancora molto congestionate nel confronto con...

Approvata la legge Salvamare: i pescatori potranno portare a terra la plastica recuperata con le reti

Giornata storica per il mare: Marevivo e Federazione del Mare, insieme ad Assonave, Assoporti, Confindustria Nautica, Confitarma, Federpesca, Lega Navale, Lega Italiana Vela, Stazione Zoologica Anton...