Dl Semplificazioni: De Micheli, un piano con oltre 130 opere per un'Italia meno diseguale

CONDIVIDI

martedì 7 luglio 2020

"Il risultato del nostro lavoro servirà a rendere quest'Italia meno diseguale e rispetto anche alla discussione che si è animata in questi mesi sulla questione legata agli appalti, ai cantieri e alla strategicità delle opere, il decreto approvato questa notte ci consente si raggiungere sul fronte semplificatorio tre risultati importanti", ha detto la ministra delle Infrastrutture e dei trasporti, Paola De Micheli, alla conferenza stampa convocata a Palazzo Chigi sul dl Semplificazioni.

I tre aspetti menzionati dalla titolare del Mit riguardano il rafforzamento del codice degli appalti, soprattutto sulle sue questioni fondative, come la qualificazione, la trasparenza e la legalità, cui si aggiungono l'apertura di una finestra di deroghe per chi è pronto a partire, e un nuovo modello di commissari che avranno poteri nuovi rispetto alle precedenti norme che davano poteri ai commissari.

"Anche rispetto a dibattito che si è aperto nel Paese, e che abbiamo approfondito negli Stati Generali, mi sento di poter dire che siamo arrivati ad una sintesi, una sintesi che è Italia Veloce, il documento strategico per le infrastrutture del Paese, oltre 130 opere che hanno un obiettivo fondamentale: ridurre le disuguaglianze tra Nord e Sud e tra Est e Ovest", ha aggiunto - in questo Paese passano dalle infrastrutture e arrivano alla vita delle persone, le infrastrutture come strumento di miglioramento della vita del Paese, e poi rendere più competitivo il sistema Paese".  

"Abbiamo approvato anche un elenco di 12 opere, il cui proponente è il ministero dell'Interno, che riguardano la sicurezza, ovvero un intervento su caserme che soprattutto nelle zone del Centro Sud andranno a rappresentare dei presidi di sicurezza e strategici per il nostro Paese.

ItaliaVeloce è il piano elaborato per sbloccare le infrastrutture italiane. I tecnici a supporto della ministra Paola De Micheli hanno redatto un progetto che movimenterebbe fino a 200 miliardi di euro di opere, di cui 130 già stanziati, da mettere in circolo per ravvivare la domanda interna e il Pil. Circa 113 per i nodi ferroviari, con metà delle risorse già assegnate.

Ecco alcune delle opere che figurano nella lista: nove dighe (di nuova realizzazione o per cui è necessaria la messa in sicurezza) in Sardegna; la Traversa Lago d'Idro in provincia di Brescia, l'Acquedotto del Peschiera per aumentare la sicurezza dell'approvvigionamento potabile e il Mose per la salvaguardia di Venezia.
Tra le opere ferroviarie figurano il raddoppio della Codogno-Cremona-Mantova; il completamento dei lavori del nodo ferroviario di Genova e il collegamento dell'ultimo miglio tra il Terzo Valico dei Giovi e il porto di Genova; il completamento del raddoppio della Genova-Ventimiglia e del raddoppio della Pontremolese; la chiusura dell'anello ferroviario di Roma; il potenziamento tecnologico e gli interventi infrastrutturali sulla linea Salerno-Reggio Calabria; la linea Palermo-Trapani via Milo; la realizzazione dell'asse AV Palermo-Catania-Messina; il potenziamento della linea Fortezza-Verona e della Venezia-Trieste; la linea Roma-Pescara; il completamento del raddoppio Pescara-Bari; la realizzazione delle opere relative alla tratta ferroviaria Napoli-Bari; la realizzazione nuova linea Ferrandina-Matera La Martella; il potenziamento tecnologico e gli interventi infrastrutturali della linea Taranto-Metaponto-Potenza-Salerno.
Infine, tre le opere stradali e autostradali compaiono la A24-A25, la statale 106 Ionica, la Ragusana, il completamento della Orte-Civitavecchia con la nuova tratta Monte Romano-Civitavecchia; la Tarquinia-San Pietro in Palazzi; la Roma-Latina; il potenziamento a 4 corsie della via Salaria; il Ponte ad Albiano Magra (di competenza dell'Anas crollato in provincia di Massa Carrara ad aprile

Tag: infrastrutture

© Trasporti-Italia.com - Riproduzione riservata

Leggi anche

Gruppo FS: fino a 12 miliardi l’anno nei prossimi 10 anni per infrastrutture più sostenibili e digitali

Rendere l’Italia un Paese più sostenibile, digitale e innovativo entro i prossimi dieci anni, non solo attraverso l’utilizzo delle risorse previste dal Piano Nazionale di Ripresa e...

Turchia: pubblicato il programma economico di medio termine 2022-2024

È stato pubblicato nella gazzetta ufficiale lo scorso 5 settembre il nuovo Programma di Medio Termine (MTP) della Turchia relativo al periodo 2022-2024. Il programma è stato sviluppato...

La tecnologia al servizio della tracciabilità dei bagagli in ambito aeroportuale

Dal tracking con RFID tag alle notifiche in real time a passeggeri e staff, dal laser all’intelligenza artificiale, la “Nuova normalità” post-pandemia sarà...

A24: 4 e 5 ottobre chiusure notturne Traforo del Gran Sasso. Gli itinerari alternativi

Chiusure in vista per il Traforo del Gran Sasso. Per esigenze di manutenzione, sarà disposta la chiusura al traffico della tratta in A24 Assergi-Colledara/San Gabriele in entrambe le...

Dl Infrastrutture: Bonavitacola (Regioni), più risorse per adeguati controlli nei servizi aggiuntivi

Vanno avanti le audizioni in Commissione Trasporti e Ambiente sul DL Infrastrutture. Dopo le associazioni di categoria (ne avevamo parlato qui), è stata la volta della Conferenza delle Regioni...

Ferrovie: dal PNRR 1,55 miliardi di euro per potenziare le reti regionali

“Prosegue a ritmo serrato la fase attuativa dei progetti del Pnrr che attribuisce al Ministero un ruolo di primo piano per l’ammodernamento del sistema dei trasporti e delle relative...

Il Tunnel del Brennero costerà 8,8 miliardi euro

Aggiornato il nuovo programma lavori e il costo dell'opera del tunnel di base del Brennero. Il costo base aggiornato per la realizzazione del tunnel del Brennero a prezzi 2021 è di 7,7...

Bilancio estivo di Autovie Venete: il traffico torna ai livelli pre-pandemia

Nel periodo dal 20 luglio al 1° settembre - quello maggiormente caratterizzato dall’esodo e dal contro esodo - i volumi di traffico sono risultati superiori al 2019 dell’1,95%. Lo ha...