Cicloturismo: nasce il sistema delle ciclovie turistiche nazionali

CONDIVIDI

venerdì 29 luglio 2016

Sono stati firmati ieri da parte del Ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti, Graziano Delrio, del Ministro dei Beni e delle Attività culturali e del Turismo, Dario Franceschini, e dei rappresentanti delle Regioni coinvolte, i tre protocolli d’intesa per la progettazione e la realizzazione delle prime ciclovie turistiche nazionali.

“Per la prima volta si riconosce alle ciclovie turistiche la valenza di infrastrutture nella pianificazione nazionale del Ministero – dichiara il Ministro Delrio – nell’ambito delle politiche di mobilità sostenibile e interconnessa”. Mentre, il Ministro Franceschini ha ricordato che il sistema delle ciclovie turistiche nazionali è un fatto concreto che il Governo realizza in attuazione della legge di stabilità di quest’anno con lo stanziamento di 91 milioni per il triennio 2016-2018.

“Ciclovia Ven-To” da Venezia a Torino, siglato tra Mit, Mibact e  Regioni Veneto, Lombardia, Emilia Romagna e Piemonte. Prende spunto dal progetto Ven-To «In bicicletta da Venezia a Torino lungo il fiume Po» redatto dal Dipartimento di Architettura e Pianificazione del Politecnico di Milano consiste in una ciclovia di 680 chilometri che vuole collegare Venezia a Torino attraversando altri 121 comuni, ricchi di beni artistici e architettonici e arrivando a Milano accanto ai navigli. Sarebbe la più lunga infrastruttura per il cicloturismo in Italia e nel sud Europa.

“Ciclovia del Sole” da Verona a Firenze siglato tra Mit, Mibact e Regioni Veneto, Lombardia, Emilia Romagna e Toscana. Lunga circa 300 chilometri, fa parte del  più ampio progetto della Ciclopista del Sole, ideato dalla Fiab per coprire 3 mila chilometri. Una prima tratta, dal Brennero a Verona e Lago di Garda, è stata già completata. La prossima tappa e di attraversare 4 regioni da Verona a Firenze, con l'obiettivo successivo di raggiungere la Capitale. Il tracciato è già costellato di numerose ciclabili in sede propria.

“Ciclovia dell’Acquedotto Pugliese” da Caposele a Santa Maria di Leuca, siglato tra Mit, Mibact e Regioni Campania, Basilicata e Puglia. Questo terzo tragitto nasce dalla volontà della Regione Puglia, di rendere accessibile al pubblico e percorribile in bicicletta, quale greenway, la strada di servizio, normalmente vietata all’accesso e al transito ordinario in quanto destinata soltanto al personale autorizzato, che corre lungo il Canale Principale dell’Acquedotto pugliese. Si tratta di circa 500 chilometri attraverso 3 regioni.

I protocolli d’intesa concordati da Mit, Mibact e Regioni prevedono che queste vie di comunicazione siano riservate a viaggi non motorizzati, sviluppati in modo integrato, con l’intento di salvaguardare sia l'ambiente sia la qualità della vita del territorio circostante, con standard soddisfacenti per garantire che siano itinerari user-friendly anche per gli utenti di tutte le abilità.

Oltre a inserirsi in una politica per la mobilità sostenibile e a promuovere in generale l’uso della bicicletta, che in Italia è al 3,8%, la rete delle ciclovie turistiche nazionali vuole sviluppare il cicloturismo in Italia. In Europa, al 2012, il cicloturismo ha contato oltre 2 milioni di viaggi e 20 milioni di pernottamenti per un valore totale di 44 miliardi di euro. La Francia, principale meta, ha generato un fatturato di oltre 2 miliardi e, inoltre, è la più importante destinazione per i tour-operator che si occupano di cicloturismo. In Germania nello stesso anno il cicloturismo ha generato 9 miliardi di fatturato. Il valore potenziale del cicloturismo in Italia è stimabile in circa 3,2 miliardi annui.

 

Gloria De Rugeriis

Tag: cicloturismo, mobilità sostenibile

© Trasporti-Italia.com - Riproduzione riservata

Leggi anche

PNRR, le sfide delle grandi aree urbane: aperto un tavolo di confronto tra MIMS, Anci e Città Metropolitane

Avviato un confronto tra ministero delle Infrastrutture e della mobilità sostenibili, Anci e Città Metropolitane sul tema rigenrazione urbana e PNRR.Il tavolo nasce per...

Sharing mobility: arrivano anche a Milano i monopattini TIER

Migliorare i livelli di inquinamento delle principali città del Paese e offrire una soluzione innovativa e sicura, grazie agli indicatori di direzione. Con questi obiettivi TIER, operatore...

Emilia Romagna approva il Piano regionale integrato dei trasporti 2025 e il Programma della mobilità sostenibile 2022-2025

La Regione Emilia Romagna ha approvato il Piano regionale integrato dei trasporti (Prit) 2025. Il documento è integrato dal Programma 2022-2025 per la mobilità sostenibile col...

Transizione energetica: Federauto chiede un piano di accompagnamento per l'autotrasporto

Il Comitato interministeriale per la transizione ecologica-CITE ha fissato al 2040 la fine della vendita dei veicoli commerciali con motori a combustione interna (ICE) e la sostituzione entro il 2025...

Turchia & mobilità elettrica: le opportunità di investimento e i progetti della Ford-Otosan

Quali sono le opportunità e le soluzioni di investimento offerte dalla E- mobility? Come si sta adattando e sviluppando la Turchia, con un mercato dei veicoli elettrici in costante aumento ed...

Commissione europea: quattro proposte per la transizione verso una mobilità green e smart

Aumentare la connettività e spostare più passeggeri e merci sulle linee ferroviarie e sulle vie navigabili interne; sostenere l'introduzione di punti di ricarica, infrastrutture di...

Conftrasporto: no all'emendamento Cingolani, servono sostegni per le imprese che hanno investito nel GNL

Il ministro della Transizione ecologica, Roberto Cingolani ha annunciato un emendamento per ridurre le agevolazioni sui carburanti fossili. Ma da Conftrasporto arriva parere negativo e, con una...

Mobilità: Firenze è la città più sostenibile. A seguire Milano e Torino

Qual è la città più sostenibile d’Italia? A dircelo è il quindicesimo rapporto di Euromobility sulla mobilità sostenibile nelle principali 50 città...