Aci-Istat, sicurezza stradale: nel 2020 gli incidenti sono calati del 31,3%

CONDIVIDI

giovedì 22 luglio 2021

A mobilità ridotta corrispondono meno incidenti: è sostanzialmente matematico.  Lo conferma anche il Report incidenti stradali 2020 Aci-Istat.

Nell’anno nero del Covid, a causa di lockdown, blocchi della mobilità e coprifuoco, rispetto al 2019, gli incidenti stradali e i feriti si sono ridotti di un terzo (rispettivamente -31,3% e
-34%), le vittime di un quarto (-24,5%), i feriti gravi di un quinto (-20%).

Gli incidenti stradali nel 2020

In valori assoluti, gli incidenti sono stati 118.298 (in media 324 al giorno, 13,5 ogni ora; erano 172.183 nel 2019), le vittime 2.395 (6,5 al giorno, 1 ogni 3 ore ½; 3.173 nel 2019) e i feriti 159.249 (436 al giorno, 18 ogni ora; 241.384 nel 2019), dei quali gravi 14.102 (38,6 al giorno: 17.600 nel 2019). Tra le 2.395 vittime della strada, 1947 (81,29%) sono uomini, 448 donne (18,71%).
La diminuzione di incidenti più consistente si è registrata sulle autostrade (-39,9%), seguite da strade urbane (-31,7%) ed extraurbane (-27,5%). Sempre sulle autostrade, si è registrata la riduzione maggiore (-37,1%) di vittime. Seguono strade extraurbane (-25,7%) e urbane (-20,3%).

2020: cala la mortalità stradale

Nel 2020 è calato il tasso di mortalità stradale (morti per milione di abitanti): da 52,6 a 40,3. In ben 13 Regioni, però, il numero di morti per 100mila abitanti è risultato più elevato rispetto alla media nazionale (4,0). Tra queste, gli scostamenti più rilevanti si registrano in Molise (8,4), Sardegna (5,9), Bolzano/Bozen (5,8), Umbria (5,2) ed Emilia-Romagna (5,0). Seguono Veneto (4,7), Abruzzo, Marche, Trento (tutte a 4,6), e Lazio (4,5).

Le cause più frequenti di incidente

Tra le cause principali di incidenti figurano distrazione, precedenza, velocità, guida distratta o andamento indeciso (23.802 incidenti: il 15,7% del totale), mancato rispetto di precedenza o semaforo (21.985 incidenti: 14,5%) e velocità troppo elevata (15.194: 10%) si confermano le principali cause di incidenti. Seguono mancato rispetto della distanza di sicurezza (13.148 casi: 8,7%) e manovre irregolari (es.retromarcia, inversione, invasione di corsia, manovre irregolari per sostare o attraversare la carreggiata) (11.294: 8,7%). La mancata precedenza al pedone (4.838) e il comportamento scorretto del pedone (4.252) rappresentano, infine, il 3,2% e il 2,8% delle cause di incidente.

Le multe elevate nel 2020

L’analisi delle principali contravvenzioni elevate da Polizia Stradale, Carabinieri e Polizia Locale conferma, inoltre, l’aumento della velocità (oltre 2,2milioni di multe: più di 6mila al giorno, 251 ogni ora) e dell’uso del telefonino mentre si è al volante (circa 120mila multe: 335 al giorno, 14 ogni ora). Mentre quasi 30mila persone sono state multate per guida in stato di ebbrezza (25.902: 70 al giorno, quasi 3 ogni ora) o guida sotto l’effetto di sostanze stupefacenti (3.831: 10 al giorno).

Incidenti stradali: il profilo dei conducenti

I conducenti coinvolti in incidenti stradali sono stati 213.196: 163.593 uomini (76,7%) e 49.603 donne (23,3%). Di questi, 22mila circa (il 10,3%) sono cittadini stranieri. 114.295 conducenti coinvolti sono risultati infortunati (il 56,3% del totale). Di questi, 1.697 (1.516 uomini e 181 donne) sono morti (0,8%) e 112.598 sono rimasti feriti (52,8%). 98.901, invece, (46,4%) sono gli incolumi. Due le fasce d’età più ferite (20-24 e 25-29), mentre le vittime si concentrano tra i giovani e i più anziani. Gli incolumi sono prevalentemente 45-49enni.
I conducenti deceduti sono stati 1.697 (1.516 uomini e 181 donne); i passeggeri deceduti, 289 (166 uomini e 123 donne). La maggiore riduzione di decessi (-34,8%), si registra tra 15 e 19 anni; segue la fascia d’età 45-49 (-33,2%). Le riduzioni più contenute, invece, riguardano le fasce 55/59 anni (-12,7%) e 60/64 anni (-10,3%). Tra i più giovani, appaiono più penalizzati i 30-34enni (-19,4%).
Gli occupanti dei veicoli per trasporto merci fanno registrare la diminuzione di vittime più contenuta, anche se in valore assoluto rappresentano il numero più basso (117 morti; -14,59%). Su ciclomotori e motocicli, invece, hanno perso la vita 645 persone (erano state 786 nel 2019; -17,9%).

Incidentalità e mobilità dolce

Sono 409 (265 uomini, 144 donne) i pedoni vittime della strada. Erano stati 534 nel 2019: 23,4%. La mobilità dolce (biciclette e monopattini), infine, ha fatto registrare 176 vittime, di cui una su monopattino. Da maggio 2020, sono stati 564 gli incidenti rilevati con almeno un monopattino elettrico (più di 2 al giorno) – con 1 decesso e 518 feriti su monopattino, 33 pedoni investiti e feriti e 44 feriti su altri veicoli, soprattutto biciclette e motocicli.

Tag: aci, istat, sicurezza stradale

© Trasporti-Italia.com - Riproduzione riservata

Leggi anche

UNASCA-Voi Technology: un progetto per facilitare la convivenza fra automobilisti e conducenti di monopattini

Lo sviluppo della mobilità dolce e in sharing è probabilmente il fattore che ha contrassegnato maggiormente la mobilità delle città a seguito della pandemia, in...

Ansfisa: al via le nuove linee guida per la gestione della sicurezza di strade e autostrade

Attuare controlli e manutenzione più uniformi su strade e autostrade uniformando i processi. È questo l’obiettivo delle nuove Linee guida emanate dall’Ansfisa come...

Al via le trasmissioni di ACI Radio, la nuova voce dell'Automobile Club d’Italia

Via all’emittente radiofonica dell’Automobile Club d’Italia. Nelle auto degli italiani da oggi sarà possibile ascoltare le trasmissioni di ACI Radio, la nuova voce...

Sicurezza stradale in musica: il cantautore Gero Riggio vince il contest Anas e sale sul palco del Primo maggio

La campagna di Anas 'Guida e Basta', che ha l’obiettivo di promuovere tra i giovani il tema della sicurezza stradale, quest'anno salirà anche sul palco del concerto del Primo maggio....

Aree sosta camion: nuove regole dall'Europa

In Europa mancano 100.000 stalli per il parcheggio notturno dei veicoli pesanti. Il dato è emerso da uno studio della Commissione Ue. Le cause? Non ci sono aree di parcheggio dedicate al...

Autotrasporto: controlli intensificati tra Italia e Slovenia con l'operazione Side by Side

Italia e Slovenia hanno condiviso i risultati dell'operazione "Side by side" che ha messo in campo controlli mirati sui mezzi pesanti adibiti al trasporto di merci e di persone come autobus e...

Via libera dal Cipess al Piano Nazionale Sicurezza Stradale: obiettivo, ridurre del 50% vittime e feriti gravi degli incidenti

Ridurre del 50% entro il 2030 le vittime e i feriti gravi degli incidenti rispetto al 2019. Questo l’obiettivo del Piano Nazionale per la Sicurezza Stradale (PNSS) 2030 che ha ricevuto il via...

Incidente su A4: furgone si scontra con un mezzo pesante, due morti e due feriti

Un grave incidente stradale si è verificato questa mattina sull'autostrada A4 Torino-Milano all'altezza di Vicolungo, in provincia di Novara. Il bilancio è di due morti e due feriti....