Mobilità sostenibile: a Parma via alle piste ciclabili soft

CONDIVIDI

lunedì 12 ottobre 2020

Presentato a Parma il progetto di realizzazione delle “piste ciclabili soft”, dette anche corsie ciclabili o bike lane. Il provvedimento riguarderà in prima battuta i tratti di via Pasini, via Carra, via Langhirano, viale Villetta, via Zarotto, che saranno messe “a dieta”: attraverso la delimitazione di una linea tratteggiata, parte della carreggiata sarà destinata alle biciclette. Nel complesso saranno oltre 15 i km di piste ciclabili hard e soft che andranno ad aggiungersi alla rete ciclabile cittadina.

“Le piste ciclabili soft sono strumenti tecnici che con investimenti minimi permettono di aumentare la sicurezza di chi si sposta in bicicletta in ambito urbano senza bisogno di lunghi e costosi interventi infrastrutturali – ha dichiarato l’assessora alle Politiche di Sostenibilità Ambientale Tiziana Benassi – laddove non si sviluppano velocità elevate non servono pesanti infrastrutture per garantire la sicurezza, ma basta una linea tratteggiata a terra per creare un corridoio di scorrimento per chi va in bici.”

La realizzazione delle nuove piste – spiega l’amministrazione in una nota – è considerata strategica: “l'obiettivo è quello di favorire sempre di più l'uso della bici negli spostamenti urbani, soprattutto in un periodo in cui il contenimento del Covid rende necessario alleggerire la pressione sul trasporto pubblico locale” ha sottolineato il Dirigente Settore Mobilità ed Energia del Comune di Parma, Nicola Ferioli.
Dal momento che si tratta di uno strumento funzionale a fronteggiare l'emergenza sanitaria in corso, le prime piste ciclabili soft saranno cofinanziate dalla Regione Emilia Romagna.

“Trascorsa l’emergenza sanitaria dovremo continuare a lavorare per fronteggiare anche l’emergenza climatica e ambientale e questo è il momento per iniziare ad affrontare le sfide future – ha aggiunto l’assessore Benassi – stiamo ampliando la rete ciclabili esistente, che ha un'estensione di 137 chilometri, anche grazie ai nuovi tratti di ciclabili soft. Ma serve fare di più”.

“Attuiamo anche a Parma un modello internazionale di convivenza – ha commentato il progettista Matteo Dondé, illustrando appunto il progetto e la concreta realizzazione nei vari tratti di strada interessati – che aumenta la sicurezza dei pedoni, dei ciclisti e dalle auto. In questo modo restituiamo anche a qualsiasi soggetto fragile il loro spazio”.

L'obiettivo della Regione è raddoppiare, nei prossimi anni, gli spostamenti in bici e a piedi sull'intero territorio, oggi in media del 20 %, tramite nuovi collegamenti tra piste ciclabili esistenti e nuove piste. Parma c'è ed è pronta ad affiancare agli investimenti annuali sulle piste ciclabili tradizionali, anche il nuovo progetto di piste ciclabili soft.

 

Tag: piste ciclabili, mobilità sostenibile

© Trasporti-Italia.com - Riproduzione riservata

Leggi anche

Moto: perché l'elettrificazione delle due ruote va più a rilento?

Si parla sempre di digitalizzazione e di elettrificazione dell’auto, ma ovviamente anche le due ruote stanno seguendo la stessa tendenza. La differenza sostanziale è che pare si vada a...

Carburanti alternativi: Porto Marghera diventa hub per l'idrogeno verde

L’idrogeno è stato più volte definito il carburante del futuro. Secondo gli esperti di settore si tratta di un’alimentazione altamente sostenibile che potrebbe muovere con...

Toscana Carbon Neutral: 5 milioni di euro per 20 progetti destinati a verde urbano e piste ciclabili

Un nuovo bando green per la Toscana. Dal verde urbano alle piste ciclabili: la Regione punta alla sostenibilità grazie al finanziamento di 20 nuovi progetti. Grazie ai 5 mln di euro messi a...

Torna la Formula E nella veste di Campionato del Mondo: appuntamento a Roma il 10 e 11 aprile

Le monoposto elettriche sfrecceranno nuovamente nel circuito della Capitale per la terza volta dall’esordio del 2018. Sabato 10 aprile e domenica 11 aprile sbarca a Roma il Campionato del Mondo...

MIMS: Mauro Bonaretti e Daniela Marchesi alla guida dei dipartimenti

Durante il consiglio dei Ministri di ieri, su proposta del ministro delle Infrastrutture e della Mobilità Sostenibili, Enrico Giovannini, è stato conferimento dell'incarico di capo del...

Riduzione emissioni CO2: ACEA, pronti a obiettivi Ue più severi ma servono punti di ricarica e stazioni

Secondo l'Associazione europea dei produttori di automobili ACEA, la revisione del regolamento sulle emissioni di CO2 per le autovetture e i furgoni, ora sul tavolo dell'Ue,  dovrà...

Nasce ConfMobility, la nuova associazione per la mobilità sostenibile

Supportare le aziende italiane che producono, vendono, distribuiscono e utilizzano mobilità in questa fase di transizione verde e digitale, fornendo loro gli strumenti e le competenze...

Sostenibilità: carbon neutrality entro il 2050, 9 Paesi chiedono all'Ue di eliminare i motori a combustione interna

Fissare un cronoprogramma per l'eliminazione graduale della vendita di nuove autovetture e veicoli commerciali leggeri con motori a combustione interna in linea con l'obiettivo di una carbon...