Mobilità sostenibile: a Parma via al progetto Bike to Work

CONDIVIDI

venerdì 16 ottobre 2020

“Bike to work, è un progetto che vuole incentivare la ciclabilità e nello specifico lo spostamento casa-lavoro, ma è anche un modello che vede ancora una volta una rete tra pubblico e privato che collabora e che coopera in sinergia all’interno di una stessa visione legata alla mobilità sostenibile”. Così l’assessora alle Politiche di Sostenibilità Ambientale del Comune di Parma, Tiziana Benassi, durante la conferenza stampa di presentazione del progetto regionale.

Grazie a “Bike to Work” potranno usufruire di contributi i dipendenti di aziende, Enti pubblici o privati e di altre attività lavorative che si recano al lavoro utilizzando le due ruote, attraverso la figura del mobility manager aziendale in essere o nominato per l’occasione.

Per raccogliere le adesioni al progetto il Comune di Parma ha pubblicato un avviso di manifestazione di interesse al quale hanno aderito, tra gli altri, OCME Srl, Azienda USL di Parma, Azienda Ospedaliera di Parma, Cooperativa Sociale “Il Cigno Verde”, Barilla SpA, Chiesi farmaceutici SpA, ACER – Azienda Emilia Romagna Parma e Number 1 Logistic Group.
Sono sedici i mobility manager che lavorano all’interno delle aziende e degli enti pubblici che si sono formati per sviluppare sempre più azioni che incentivino l’uso di una mobilità sostenibile da parte dei propri dipendenti.

“Bike to work è un tassello di un percorso che insieme alla rete dei Mobility Manager stiamo portando avanti – ha spiegato Gianfranco Bertè, mobility manager interaziendale –. Attraverso i mobility manager possiamo agevolare e trovare le soluzioni più adeguate per i nostri dipendenti. Ad esempio installando postazioni di Bike sharing, di colonnine per ricaricare le bici, di percorsi in sicurezza. È una visione culturale quella che portiamo avanti insieme e sta dando molti risultati positivi sia numerici, viste le adesioni al progetto, che di soddisfacimento da parte dei colleghi. Inoltre, come mobility manager interaziendale (Azienda Ospedaliera Universitaria di Parma e Azienda Usl di Parma) questo progetto rientra nella mission delle nostre aziende sul tema di prevenzione e promozione di sani stili di vita”.

"Avere il Comune di Parma come capofila ha rafforzato la rete. È un progetto molto partecipato e attivo nella nostra azienda Barilla – ha aggiunto Davide Stocchi, mobility manager Barilla –. Tantissimi dipendenti hanno già scaricato la app e hanno iniziato a muoversi in modo sostenibile, nonostante la posizione della nostra azienda decentrata, rispetto al centro città, non aiuti in moltissimi la raggiungono quotidianamente in bicicletta. Come azienda cerchiamo costantemente di incentivarne l'uso, la sostenibilità è per noi un modo di vivere e va messa in pratica a 360°".

La Regione Emilia-Romagna, a supporto di quanto stabilito dal “Decreto Rilancio”, ha approvato l’attuazione del progetto “Bike to Work” per affrontare, per quanto alla mobilità sostenibile, la Fase 3 della pandemia Covid-19 disponendo un consistente trasferimento di risorse – € 147.452,34 – al fine di incentivare l’utilizzo della bicicletta principalmente nei trasferimenti casa-lavoro nella auspicata nuova fase di ripresa delle attività economiche e della attività didattiche dopo l’emergenza sanitaria.

I contributi previsti dal progetto regionale riguardano nello specifico:
Incentivi chilometrici per gli spostamenti casa-lavoro in bicicletta, nella misura massima di 20 centesimi a km e di 50 euro mensili cadauno;
Incentivi per la riduzione del costo dell’utilizzo del bike sharing, da utilizzare in modo prioritario per gli spostamenti casa-lavoro;
Incentivi per la riduzione del costo dell’abbonamento annuale al deposito biciclette, presso la Cicletteria in Stazione.

 

Tag: mobilità sostenibile

© Trasporti-Italia.com - Riproduzione riservata

Leggi anche

Moto: perché l'elettrificazione delle due ruote va più a rilento?

Si parla sempre di digitalizzazione e di elettrificazione dell’auto, ma ovviamente anche le due ruote stanno seguendo la stessa tendenza. La differenza sostanziale è che pare si vada a...

Carburanti alternativi: Porto Marghera diventa hub per l'idrogeno verde

L’idrogeno è stato più volte definito il carburante del futuro. Secondo gli esperti di settore si tratta di un’alimentazione altamente sostenibile che potrebbe muovere con...

Toscana Carbon Neutral: 5 milioni di euro per 20 progetti destinati a verde urbano e piste ciclabili

Un nuovo bando green per la Toscana. Dal verde urbano alle piste ciclabili: la Regione punta alla sostenibilità grazie al finanziamento di 20 nuovi progetti. Grazie ai 5 mln di euro messi a...

Torna la Formula E nella veste di Campionato del Mondo: appuntamento a Roma il 10 e 11 aprile

Le monoposto elettriche sfrecceranno nuovamente nel circuito della Capitale per la terza volta dall’esordio del 2018. Sabato 10 aprile e domenica 11 aprile sbarca a Roma il Campionato del Mondo...

MIMS: Mauro Bonaretti e Daniela Marchesi alla guida dei dipartimenti

Durante il consiglio dei Ministri di ieri, su proposta del ministro delle Infrastrutture e della Mobilità Sostenibili, Enrico Giovannini, è stato conferimento dell'incarico di capo del...

Riduzione emissioni CO2: ACEA, pronti a obiettivi Ue più severi ma servono punti di ricarica e stazioni

Secondo l'Associazione europea dei produttori di automobili ACEA, la revisione del regolamento sulle emissioni di CO2 per le autovetture e i furgoni, ora sul tavolo dell'Ue,  dovrà...

Nasce ConfMobility, la nuova associazione per la mobilità sostenibile

Supportare le aziende italiane che producono, vendono, distribuiscono e utilizzano mobilità in questa fase di transizione verde e digitale, fornendo loro gli strumenti e le competenze...

Sostenibilità: carbon neutrality entro il 2050, 9 Paesi chiedono all'Ue di eliminare i motori a combustione interna

Fissare un cronoprogramma per l'eliminazione graduale della vendita di nuove autovetture e veicoli commerciali leggeri con motori a combustione interna in linea con l'obiettivo di una carbon...