DHL Global Forwarding annuncia la riduzione di emissioni per le spedizioni via mare LCL

lunedì 2 novembre 2020 12:32:02

DHL Global Forwarding, operatore di trasporto aereo e marittimo del Gruppo Deutsche Post DHL, annuncia la volontà ridurre le emissioni di anidride carbonica per tutte le spedizioni via mare con carichi less-than-container load (LCL) a partire dal 1° gennaio 2021.

“Come player nel settore della logistica a livello mondiale, e in linea con la "Mission 2050 - Zero Emissioni" del Gruppo Deutsche Post DHL, DHL Global Forwarding si impegna a guidare la transizione verso un trasporto marittimo pulito e sostenibile – ha dichiarato Mario Zini, amministratore delegato di DHL Global Forwarding Italia –. Le spedizioni LCL compenseranno le emissioni di CO2 utilizzando biocarburanti marittimi e avvalendosi di partnership esistenti e nuove”.

"Per contrastare il cambiamento climatico, il settore dei trasporti ha bisogno di una vera e propria trasformazione, che passa dalla neutralizzazione delle emissioni – ha sottolineato Tim Scharwath, Ceo di DHL Global Forwarding, Freight –. Per noi i carburanti sostenibili costituiscono una valida alternativa per decarbonizzare il servizio di trasporto marittimo; per questo motivo abbiamo deciso di limitare le emissioni di tutte le nostre spedizioni LCL. Anche se stiamo vivendo un periodo senza precedenti a causa della pandemia in corso, dobbiamo garantire che la salvaguardia dell’ambiente e gli sforzi per raggiungere la sostenibilità siano considerati una priorità".

I nuovi servizi "green" di DHL Global Forwarding sono un'importante tappa nel percorso del Gruppo Deutsche Post DHL verso una logistica a zero emissioni e contribuiscono a ridurre l'impatto di carbonio. Senza alcun costo aggiuntivo per i clienti, il combustibile pesante normalmente utilizzato viene sostituito con biocombustibili marini sostenibili a bordo di navi porta container preselezionate. Inoltre, DHL Global Forwarding dispone di un programma di valutazione dei fornitori GoGreen, che consente ai vettori di dare la preferenza a veicoli con forti performance ambientali.

I carburanti rinnovabili devono essere prodotti in modo sostenibile secondo criteri chiave per stabilirne l'idoneità e soddisfare rigorosi standard di qualità.
Questo comprende la riduzione del consumo di energia, l'aumento dell'uso di fonti e combustibili rinnovabili e l'ottimizzazione delle reti di trasporto, nonché il routing dei ritiri e delle consegne. Inoltre, i subappaltatori nell’ambito dei trasporti sono incoraggiati ad acquistare veicoli a basse emissioni e, attraverso la formazione e altre attività, i dipendenti sono indotti ad assumere una visione più “green”.

“Noi come DHL Global Forwarding Italia abbiamo a cuore questi temi e ci impegniamo da tempo, investendo anche in progetti locali – conclude l’amministratore delegato Mario Zini – recentemente abbiamo sostenuto ad esempio l’iniziativa all’interno del progetto GoGreen
provvedendo alla piantumazione di larici e abeti nella Val di Zoldo per ricostruire le foreste distrutte dalla tempesta VAIA nel 2018”.

 

© Trasporti-Italia.com - Riproduzione riservata

CONDIVIDI
Leggi anche

Veicoli industriali, a fine ottobre mercato in calo del 17%. Starace (Unrae): servono misure strutturali

  L’anno in corso è certamente un anno difficile per il settore dei veicoli industriali, uno dei più colpiti dalla crisi economica scatenata dalla pandemia. Lo scorso giugno...

Porto di Trieste: traffico ro-ro in crescita del 3%, container in calo del 2%

Segnali di ripartenza ad ottobre al porto di Trieste che dimostrano la tenuta dello scalo e il recupero avviato, nonostante la pesante contrazione dei traffici mondiali, dovuta al Covid-19. In cima...

Il GNL nel futuro green dei trasporti: Italia primato europeo degli impianti di distribuzione

Il gas naturale liquefatto è una delle opzioni migliori fra le soluzioni green per coniugare il rispetto per l’ambiente e le esigenze del mondo dei trasporti in tema di carburanti. Poco...