Sezione: Mercato

Mercato dell’auto stabile a ottobre. Da inizio 2020 oltre 500 mila vetture in meno

CONDIVIDI

mercoledì 11 novembre 2020

A ottobre sono state immatricolate nel nostro Paese 157.168 auto nuove, -0,1% su ottobre 2019. Nel cumulato dei primi dieci mesi, le vendite di auto nuove hanno totalizzato 1.123.469 unità, -30,9% su gennaio-ottobre 2019. I dati elaborati da Anfia indicano come le oltre 500mila immatricolazioni in meno, rispetto allo stesso periodo del 2019, abbiano fortemente impattato su tutto il settore automotive (industria, commercio e servizi) e rimangono evidenti le difficoltà di ripresa del mercato e dei volumi produttivi pre-Covid-19. Gli effetti degli incentivi – sottolinea l’associazione – si sono esauriti nel mese di settembre, confermando l'insufficienza dei fondi stanziati dal Governo a supporto dell’automotive. Si rendono pertanto necessarie ulteriori e immediate misure che supportino gli investimenti delle imprese e il mercato.

A fine 2019, in Italia, circolano 39,5 milioni di autovetture, un parco cresciuto negli ultimi 3 anni del 4,4% e del quale, oltre il 59% ha standard emissivi ante Euro 5. A fronte della nuova ondata di contagi e delle conseguenti misure di contenimento, che determineranno un maggior utilizzo del mezzo privato, diventa fondamentale mettere in atto misure che favoriscano un rapido rinnovo del parco e che, potenziando contestualmente la rete delle infrastrutture, guidino la transizione verso una mobilità elettrificata e meno inquinante. Le vendite registrate negli ultimi mesi dimostrano l’interesse dei consumatori verso le vetture a basse emissioni, è quindi necessario che il sistema sostenga e stimoli la domanda per poter rendere l’offerta accessibile ad una platea ancora più ampia.

Il Gruppo Fiat Chrysler Automobiles (incluso Maserati) vale il 23,7% del mercato auto dei primi dieci mesi, con un calo delle nuove registrazioni del 31,6%. Fiat Panda rimane l’auto più amata dagli italiani, in testa alla top ten delle vetture più vendute in Italia da ormai 7 anni.

Le vendite di auto diesel di ottobre si riducono del 14,2% e valgono il 30,5% del mercato, 5 p.p. in meno di dello stesso mese del 2019, mentre rappresentano il 34,1% nel cumulato, contro il 40,6% dei primi dieci mesi dell’anno precedente, il 42% in meno in termini di volumi.
La quota di mercato delle auto a benzina si attesta al 31,7% nel mese e al 39,1% nel cumulato, i volumi scendono del 31,2% a ottobre e del 38,5% nei dieci mesi.
Le immatricolazioni delle vetture ad alimentazione alternativa raddoppiano anche nel mese di ottobre (+105,1%), raggiungendo una quota del 37,8%, mentre, da inizio 2020, rappresentano il 26,8% del totale del mercato, registrando 11,4 p.p. in più rispetto allo stesso periodo del 2019, con una crescita del 20%.

La crescita delle vendite di autovetture elettrificate, in controtendenza rispetto alla pesante contrazione del mercato, ha contribuito ad abbassare le emissioni medie di CO2 delle nuove autovetture acquistate: a 105,4 g/km a settembre e a 110,2 g/km a gennaio-ottobre 2020.
Con 164.058 ibride mild/full e 36.503 ricaricabili immatricolate da inizio anno, le auto elettrificate valgono quasi il 18% del mercato. L’attenzione dei consumatori verso le automobili elettrificate, che in futuro avranno meno limitazioni alla circolazione è dunque marcata. Ad oggi le auto ricaricabili valgono il 3,2% del mercato nel suo complesso, mentre nello stesso periodo dello scorso anno la loro quota di mercato non raggiungeva l’1% (0,8%).

Per il quinto mese consecutivo le vendite di autovetture in Lombardia superano quelle del Trentino Alto Adige, regione tradizionalmente al primo posto grazie alle immatricolazioni di auto a noleggio. In Lombardia, la quota di mercato è del 17,3% e in Trentino Alto Adige del 10,9%, 0,1 p.p. in più della Toscana, al terzo posto. Rispetto a ottobre 2019, sono molte le regioni che perdono unità immatricolate: crescono al Nord, la Liguria (+8,6%), il Friuli (+1,3%) e l’Emilia Romagna (+0,6%); al Centro Toscana, Umbria e Marche, rispettivamente del 7,2%, del 5,6% e dello 0,4%. Infine al Sud, la crescita è abbastanza generalizzata e ammonta al 7,2% nel solo mese di ottobre.

Nel cumulato, tutte le regioni mostrano segni negativi, in particolare Trentino Alto Adige (-37,4%) e Valle D’Aosta (-36,5), regioni notoriamente “trainanti”, soprattutto grazie alle vetture destinate al noleggio. Le zone del nord hanno un andamento peggiorativo rispetto al mercato complessivo, con il Nord-Est che scende del 33,6% ed il Nord-Ovest che perde il 31,9% in confronto ai primi dieci mesi del 2019. Sud e Isole totalizzano nel cumulato un -28% mentre il Centro Italia registra un -27,1%.

Per quanto riguarda i principali mercati esteri, in Germania, a ottobre 2020, si sono registrate 274.303 immatricolazioni, con una variazione negativa del 3,6% rispetto allo stesso mese del 2019. Nei primi dieci mesi dell'anno le immatricolazioni di autovetture sono state 2.316.134, il 23,4% in meno rispetto al cumulato del 2019.

In Francia il mercato dell’auto mostra, a ottobre, un calo del 9,5% con 171.049 immatricolazioni, mentre, nei primi dieci mesi del 2020 è in flessione del 26,9% con 1.337.747 nuove registrazioni, 493 mila vetture in meno del 2019.

In Spagna, ad ottobre le immatricolazioni registrano una diminuzione del 21%, con 74.228 unità immatricolate, mentre nei primi dieci mesi dell’anno sono state registrate 669.662 nuove autovetture (-36,8%).

Il mercato auto del Regno Unito registra una flessione delle immatricolazioni dell’1,6% a ottobre 2020, con 140.945 unità, il peggiore ottobre dal 2011. Nei primi dieci mesi del 2020 le immatricolazioni sono state 1.384.601, in flessione del 31,0%.

A ottobre 2020 le immatricolazioni di light vehicle (LV) negli Stati Uniti registrano una crescita dello 0,9% e, nei primi dieci mesi del 2020, le vendite risultano in diminuzione del 17%.

© Trasporti-Italia.com - Riproduzione riservata

Leggi anche

Mercato automotive: confermato il segno positivo a novembre (+10,7%)

Secondo dati Istat, a novembre 2020, la produzione dell’industria automotive italiana nel suo insieme registra un aumento tendenziale del 10,7%, mentre chiude i primi undici mesi del 2020 a...

Mercato auto: nel 2020 vendite in calo del 27,93%

Che il 2020 sarebbe stato un anno complicato per il settore auto era chiaro fin dalla primavera. Il comparto, come molti altri settori, aveva subito una flessione netta, soccombendo sotto il peso...

Auto, dal mercato segnali negativi a dicembre 2020: le immatricolazioni calano del 14,95%

Nel mese di dicembre 2020 la Motorizzazione ha immatricolato 119.454 autovetture, con una variazione di -14,95% rispetto a dicembre 2019, durante il quale ne furono immatricolate 140.448.Nel mese di...

Veicoli industriali: a novembre il mercato cresce a doppia cifra (+21,7%)

Dopo il rallentamento di ottobre, il mercato degli autocarri e dei rimorchi e semirimorchi pesanti torna a crescere a doppia cifra, chiudendo il mese di novembre rispettivamente a +21,7% e +17,5%....

Auto: da gennaio a novembre crollo per tutti i maggiori mercati europei

La crescita registrata nei mesi estivi sulla scia degli incentivi governativi è solo un ricordo: il mercato dell’auto torna a crollare. E non solo in Italia. Come comunicato da Anfia...

Mercato auto in rosso: l'allarme lanciato da Anfia, Unrae e Federauto

Finito l'effetto incentivi, il mercato dell’auto torna in rosso. Lo confermano Anfia, Unrae e Federauto, che in comunicato congiunto  - numeri alla mano – chiedono nuovi interventi a...

Anfia-Federauto-Unrae: rinnovare incentivi auto con la prossima Legge di Bilancio

Il mercato auto è fermo. L’emergenza sanitaria e l’esaurimento degli incentivi fanno crollare gli ordini e riportano il settore in profonda crisi. Da tutto il Paese giungono...

Rallenta la ripresa del mercato autocarri e veicoli trainati a ottobre. In discesa libera gli autobus

Dopo un terzo trimestre 2020 in netto recupero (+29% rispetto a luglio-settembre 2019), a ottobre il mercato degli autocarri registra una contrazione del 3,2%. Per i rimorchi e semirimorchi pesanti...