Sezione: Mercato

Anfia-Federauto-Unrae: rinnovare incentivi auto con la prossima Legge di Bilancio

CONDIVIDI

venerdì 27 novembre 2020

Il mercato auto è fermo. L’emergenza sanitaria e l’esaurimento degli incentivi fanno crollare gli ordini e riportano il settore in profonda crisi. Da tutto il Paese giungono segnali allarmanti sulla caduta degli acquisti che, a seconda della zona (gialla, arancione, rossa), si attestano su flessioni variabili, fra il 50 e il 70%. Parte da queste premesse la nota congiunta Anfia-Federauto e Unrae per sensibilizzare il governo sulla crisi del mercato auto e la necessità che vengano rinnovate le misure di sostegno che in estate avevano permesso una – seppur temporanea – ripresa.

Oltre a favorire una ripresa dei consumi, sulla base dei dati recentemente resi noti da Invitalia sul numero delle rottamazioni cresciuto in maniera esponenziale da luglio a ottobre, le associazioni sottolineano l’efficacia degli incentivi anche sotto il profilo ambientale. Le misure hanno permesso quindi di sostenere la ripresa economica del settore auto intervenendo allo stesso tempo sul ricambio del parco circolante a beneficio dell’ambiente.

Questi incentivi, seppur per un brevissimo arco temporale, hanno dimostrato fin da subito la loro efficacia ed è per questo – chiedono con forza le associazioni – che devono essere riattivati fino a che l'emergenza sanitaria è in atto. Le condizioni del settore auto sono critiche e senza un forte sostegno per il 2021 è a rischio il 10% del PIL e una parte ingente degli 80 miliardi di gettito fiscale che l'automotive garantisce ogni anno all'Erario dei quali peraltro – sottolineano ancora le associazioni – lo Stato ha “disperato bisogno” senza contare, soprattutto, le migliaia di posti di lavoro che si perderanno e che si dovranno sostenere con ulteriore cassa integrazione. Non inserire nel testo della prossima Legge di Bilancio fondi adeguati per il rifinanziamento degli incentivi configurerebbe una gravissima perdita sia in termini di strategia economica e di visione ambientale per il Paese. In conclusione le associazioni ribadiscono a gran voce al governo l’auspicio che nell’ambito delle discussioni parlamentari ci sia spazio per un rinnovo consistente di quanto già approvato con decreto legge Agosto.

 

© Trasporti-Italia.com - Riproduzione riservata

Leggi anche

Rimorchi e semirimorchi: mercato in perdita del 21,2% nel 2020

Nel mese di dicembre 2020 il mercato dei rimorchi e semirimorchi con massa totale a terra superiore a 3,5t denuncia una condizione di stabilità rispetto al dicembre 2019, facendo registrare...

Auto, Peugeot: buone le quote di mercato nel 2020 anche grazie ai suv

Nonostante la crisi che ha coinvolto il mondo dell’auto, nel 2020 Peugeot ha mantenuto una buona quota di mercato. Soprattutto i suoi modelli più venduti, 3800 e 5800, hanno spinto la...

Auto: l'emergenza Covid-19 sta accelerando il processo di vendita online

Se è vero che, in generale, l’e-commerce è esponenzialmente cresciuto negli ultimi anni, è pur vero che per le spese importanti ci sia ancora un po’ di resistenza ad...

Mercato automotive: confermato il segno positivo a novembre (+10,7%)

Secondo dati Istat, a novembre 2020, la produzione dell’industria automotive italiana nel suo insieme registra un aumento tendenziale del 10,7%, mentre chiude i primi undici mesi del 2020 a...

Unrae: nel 2020 il mercato dei veicoli commerciali ha perso il 15,1%

Se il 2020 dei veicoli industriali non è stato uno degli anni migliori (ne avevamo parlato qui), non è andata meglio per i veicoli commerciali. Lo conferma Unrae, l’associazione...

Mercato auto: nel 2020 vendite in calo del 27,93%

Che il 2020 sarebbe stato un anno complicato per il settore auto era chiaro fin dalla primavera. Il comparto, come molti altri settori, aveva subito una flessione netta, soccombendo sotto il peso...

Unrae: il mercato dei veicoli industriali ha chiuso il 2020 con un calo a doppia cifra

Il 2020 è stato un anno in perdita per il settore dei veicoli industriali. Il comparto, infatti, dopo i mesi di grande difficoltà affrontati nel primo lockdown, non è riuscito a...

Unrae: il mercato di rimorchi e semirimorchi in caduta libera

Il mercato dei rimorchi e semirimorchi ha messo a segno un novembre positivo che, però, non è riuscito a compensare l'annus horribilis del settore, in perdita, nei primi undici mesi del...