Trieste primo porto d'Italia con 62.000.000 tonnellate movimentate

giovedì 13 febbraio 2020 14:29:51

Trieste si conferma primo porto d’Italia nel 2019 con 62.000.000 tonnellate movimentate, a cui si aggiungono 4.000.000 dello scalo di Monfalcone.

L’anno appena concluso ha messo a segno due importanti traguardi. Da un lato il traffico container ha registrato lo sviluppo più dinamico, toccando i 790.000 TEU con un incremento del +9% sul 2018. Si tratta del record storico per il porto, oltre che dell’aumento più alto fra tutti i settori merceologici. Dall’altro il traffico ferroviario, già fortemente irrobustito negli ultimi anni, porta al consolidamento dei dati raggiunti nel 2018, arrivando al traguardo di 10.000 treni e 210.000 camion tolti dalla strada.

“Per quanto riguarda i treni - conclude D’Agostino - i risultati raggiunti in questi anni sono stati estremamente incoraggianti, sia dal punto di vista della performance che ha portato al raddoppio dei numeri dal 2014 ad oggi da 5.000 a 10.000 treni, sia per quanto riguarda il percorso di investimenti futuri nel settore ferroviario che ammontano a 200 milioni di euro. Ora si aprono nuove sfide. Già nel 2019 sono partiti i cantieri di Campo Marzio. Ma il 2020 sarà l’anno dell’avvio dei lavori più importanti”.

Va rilevato che nel settore dei container, il 56% del traffico sbarcato o imbarcato a Trieste nel 2019, ha usato la ferrovia. Questa quota è in continua crescita e già oggi supera la quota che l'UE ha posto come obiettivo del traffico ferroviario europeo di merci per il 2050 (che è del 50%). Anche nel settore delle autostrade del mare, nonostante la contrazione dei traffici, la ferrovia sta acquisendo un valore rilevante: il 29% di tutti i camion imbarcati o sbarcati a Trieste (principalmente da/verso Turchia) nell’anno appena concluso, sono stati trasferiti su treno.

Per quanto riguarda i singoli settori merceologici, stabili le rinfuse liquide che si attestano sopra a 43.000.000 di tonnellate movimentate (+0,30%). In crescita il settore delle rinfuse solide che registra un incremento del +3% con 1.700.000 tonnellate movimentate. Rallentano invece le merci varie (-5%), in discesa a causa del risultato negativo del comparto Ro-Ro (-24%) che passa da 299.000 unità transitate nel 2018 a 228.000 nel 2019. Tale risultato ha portato alla lieve flessione (-1%) dei volumi totali del porto da 62.600.000 a 62.000.000.

© Trasporti-Italia.com - Riproduzione riservata

CONDIVIDI
Leggi anche

Piattaforma Logistica di Trieste: HHLA diventa azionista di riferimento

Nuovo partner europeo per la Piattaforma Logistica di Trieste. HHLA (Hamburger Hafen und Logistik AG) operatore terminalistico del porto di Amburgo ha siglato un accordo con i sociICOP e Francesco...

Apm Terminals Vado Ligure attiva un nuovo collegamento con il porto del Pireo

Nuovo servizio per il Container Terminal di Vado Gateway, l'infrastruttura portuale realizzata in Italia negli ultimi decenni gestita da APM Terminals Vado Ligure. Da metà ottobre 2020 presso...

Salerno Container Terminal: operativa la quarta gru Liebherr. Attivo anche il nuovo servizio per l'autotrasporto

Complesse operazioni di sbarco hanno accompagnato l'ingresso di una nuova gru a Salerno lo scorso 14 agosto. Si tratta della quarta macchina Liebherr di questa generazione in esercizio presso...