Tirrenia, Mediterranea alza l'offerta. Sicilia sotto il 37%

martedì 27 luglio 2010 08:35:09
Mediterranea Holding, l'unico concorrente nella gara per Tirrenia, ha aumentato l'offerta portando il capitale sociale da 10 a 25 milioni.  Una mossa che fa slittare l'annuncio dell'esito atteso per il 26 luglio da parte di Fintecna, che ha riunito il consiglio di amministrazione e che, alla presentazione della prima offerta da parte di Mediterranea, aveva obiettato che era insufficiente. La procedura deve comunque concludersi entro il 30 settembre, secondo quanto stabilito dall'Unione europea. La cordata guidata dalla Regione Sicilia (37%) e di cui fanno parte Ttt lines (30,5%) di Alexandros Tomasos, Lauro (18,5%), Isolemar (8%), Nicola Coccia (3%) e la famiglia Busi-Ferruzzi (3%), ha anche rafforzato la propria compagine societaria attribuendo la delega di consigliere delegato a Tomasos e con l'ingresso in consiglio di gestione di Cristina Busi Ferruzzi. Resta presidente del cda Salvatore Lauro. L'aumento dell'offerta è stato annunciato da Tomasos a Sky tg 24 economia spiegando che ''purtroppo, reduci e memori degli errori commessi con Alitalia, i debiti ora rimangono a chi se li compra. Per questo abbiamo scelto la cifra simbolica di 25 milioni di euro''. Mediterranea ha spiegato di attendere ''con fiducia che Fintecna, continuando a svolgere il lavoro puntuale e rispettoso del procedimento di gara che fin qui ha egregiamente svolto, possa completare la gara con esito favorevole alla stessa Mediterranea, visto che sono stati assolti tutti gli adempimenti e le prescrizioni'' previsti per conseguire l'aggiudicazione finale. La Regione Sicilia conferma di voler ridimensionare nel tempo la propria partecipazione lasciando spazio a privati, anche stranieri, e con interessi nel Mediterraneo. Una precisazione, quella della Regione guidata da Raffaele Lombardo, che ha l'obiettivo di rassicurare chi afferma si sia di fronte una ''finta privatizzazione'', vista la quota di maggioranza (37%). ''Nulla e' trapelato sulle garanzie per l'accollo dei debiti dei circa 520 milioni di euro'', osserva però il segretario generale della Uiltrasporti Giuseppe Caronia, spiegando: ''quello che in particolare a noi interessa, e Tomasos non ha detto, è se intende garantire gli attuali livelli occupazionali e le condizioni contrattuali dei lavoratori, e se ha abbandonato l'idea manifestata in precedenza di licenziarne 540''.
© Trasporti-Italia.com - Riproduzione riservata


Leggi anche

Leggi gli altri articoli della categoria: Mare

Altri articoli della stessa categoria

Rilancio porto di Civitavecchia: banchina 24 multipurpose e Piano di Sviluppo alla Regione

giovedì 28 maggio 2020 10:15:01
In campo azioni per il rilancio del comparto commerciale del porto di Civitavecchia per far fronte alla devastante crisi derivante dall’emergenza...

Dalla Regione Emilia Romagna 3 milioni per incentivare lo sviluppo dei servizi merci ferroviari e fluvio-marittimi

mercoledì 20 maggio 2020 13:38:25
Nell’ottica di ridurre inquinamento e congestione del traffico, via libera della Giunta regionale dell’Emilia-Romagna alla graduatoria di un bando...

Una copertura radar europea a tutela delle aree marine protette

mercoledì 20 maggio 2020 14:32:45
Il progetto europeo Impact aggiunge alle proprie attività il potenziamento della rete transfrontaliera di misura e monitoraggio delle correnti...

La Spezia Container Terminal: Alfredo Scalisi è il nuovo AD

venerdì 15 maggio 2020 20:07:51
Alfredo Scalisi è stato nominato amministratore delegato di La Spezia Container Terminal S.p.A. Alfredo Scalisi ricopriva, dal 1 luglio 2019 la...

Crociere, Federlogistica-Conftrasporto: necessario intervento per far ripartire il settore

giovedì 14 maggio 2020 12:15:17
Necessario un intervento a favore del settore crocieristico, in vista anche del fondamentale apporto che può dare al turismo e al commercio di...