Porto di Civitavecchia, passi avanti per i collegamenti con l’interporto e il Polo logistico di Santa Palomba

martedì 5 novembre 2019 12:09:13

Si continua a lavorare per realizzare un collegamento funzionale tra il porto e l’interporto di Civitavecchia e il Polo logistico di Santa Palomba.

Presso la sede dell’AdSP di Fiumicino si è svolto il secondo incontro programmatico per la promozione della sottoscrizione dell’accordo tra l’Autorità di Sistema Portuale del Mar Tirreno Centro Settentrionale, la RTC, la CFFT e l’Interporto di Civitavecchia volto a sviluppare  nuovi traffici commerciali. Alla riunione hanno partecipato oltre ai rappresentanti delle società RTC, CFFT e ILP (che svolge attività in partner con la società Laziale Distribuzione di Santa Palomba), anche i rappresentanti della Dogana di Civitavecchia e della Direzione Interregionale di Roma.

Nel corso dell'incontro è stato deciso di procedere su specifici tavoli di lavoro al fine di approfondire le diverse tematiche di carattere normativo, tecnico e tecnologico. A quest’ultimo riguardo, l’AdSP ha invitato gli operatori presenti a rispondere alle richieste formulate dall’ente per consentire la sperimentazione del progetto pilota PCS (Port Community System).

Si è evidenziata anche la necessità di accompagnare lo sviluppo del predetto collegamento con misure volte a superare alcune criticità che attualmente limitano l’uscita/ingresso delle merci dal porto. A questo proposito è stata ribadita l’importanza di creare in prospettiva, una volta soddisfatti i presupposti previsti dalla normativa, corridoi doganali (fast corridors) tra il porto di Civitavecchia e l’Interporto e tra il porto e il Polo Logistico di Santa Palomba, rispetto ai quali è stata manifestata la disponibilità dei rappresentanti della Dogana.

“Anche oggi gli operatori presenti hanno dato prova di voler affrontare in termini costruttivi il percorso volto alla promozione e al coordinamento di un collegamento funzionale tra area commerciale e interporto e i centri logistici laziali - dichiara il Presidente dell’Autorità di Sistema Portuale del Mar Tirreno Centro Settentrionale, Francesco Maria di Majo -. Percorso che, auspico, possa finalizzarsi entro la fine del mese e che possa dare luogo ad uno sviluppo economico ed occupazionale del territorio”.

Lo sviluppo del traffico merci in container potrà essere favorito dal predetto collegamento che consentirà anche al terminal contenitori di essere funzionale all’interporto di Civitavecchia, come peraltro previsto all’epoca della realizzazione, in gran parte con contributi pubblici, di queste due importanti strutture. Lo sviluppo di tale collegamento, è bene ricordarlo, si inserisce pienamente tra gli obiettivi che la Regione Lazio ha voluto dare nel quadro della istituzione della Zona Logistica  Semplificata (ZLS) laziale e consentirà di minimizzare, con positive ricadute sull’ambiente (poiché si riducono le emissioni nocive), le percorrenze veicolari della tratta terrestre da parte degli spedizionieri che trasportano le merci verso i centri logistici siti  nella regione che, purtroppo, ancora oggi, utilizzano solo in misura marginale il porto di Civitavecchia”, conclude il Presidente dell’AdSP.

 

Leggi anche