Porti: un progetto Italia-Francia per tutelare il mare di Piombino, Ajaccio, Livorno e Cagliari

mercoledì 5 dicembre 2018 13:44:11

Migliorare la qualità delle acque marine nei porti limitando l'impatto dell'attività portuale e del traffico marittimo attraverso la definizione di un set di buone pratiche per la gestione di rifiuti e reflui. E' l'obiettivo di Grrinport (acronimo di Gestione sostenibile dei rifiuti e dei reflui nei porti), il progetto triennale che riguarderà in via sperimentale i porti di Piombino, Ajaccio, Livorno e Cagliari.

Finanziato dal Programma Interreg Marittimo Italia - Francia, il progetto ha come partner il Dipartimento di Ingegneria dell'Energia, dei Sistemi, del Territorio e delle Costruzioni dell'Università di Pisa che opererà con un consorzio italo-francese di cui fanno parte l'Università di Cagliari come capofila, la Regione Sardegna, il Mediterranean Sea and Coast Foundation (Medsea), l'Università della Corsica 'Pasquale Paoli', l'ufficio dei trasporti corso e Ispra.

"Nei mesi scorsi - spiega Renato Iannelli dell'ateneo pisano - abbiamo effettuato i primi prelievi nei porti di Piombino e Livorno per raccogliere sedimenti con diverse caratteristiche chimico-fisiche su cui effettuare le analisi. Sulla base dei livelli e del tipo di contaminazione stabiliremo quindi i trattamenti da fare per bonificarli". Nell'ambito del progetto, l'Università di Pisa metterà a disposizione la propria esperienza di ricerca e sperimentazione su trattamento e gestione dei sedimenti di dragaggio contaminati. In particolare, i campioni raccolti saranno prima lavati e separati per grandezza fine, media e grossolana e quindi attraverso successivi trattamenti verranno rimossi i metalli pesanti e degradati gli inquinanti organici. I partner coinvolti lavoreranno anche alla raccolta dati e all'analisi della normativa, perché il piano di raccolta e gestione dei rifiuti portuali è un obbligo di legge ma manca un'azione di raccordo nazionale e transfrontaliera, che uniformi le modalità di gestione delle diverse tipologie di rifiuti e di reflui, sia a bordo delle imbarcazioni che in porto.

"Nell'area presa in esame dal progetto - conclude Iannelli - l'inquinamento è causato principalmente dall'uso di combustibili
inquinanti e dai fumi emessi dai traghetti che effettuano il trasporto da e per la Corsica, ma anche dalla presenza di rifiuti e reflui organici prodotti a bordo delle navi e nelle strutture a terra. Noi vogliamo fornire indicazioni comuni per gestirli al meglio e limitarne l'impatto ambientale".

© Trasporti-Italia.com - Riproduzione riservata


Leggi anche

Leggi gli altri articoli della categoria: Mare

Altri articoli della stessa categoria

Al Porto di Taranto di nuovo attivo il traffico container dopo 5 anni di azzeramento

lunedì 13 luglio 2020 14:30:48
Riparte il traffico container al porto di Taranto. L’arrivo di una nave container del nuovo concessionario Yilport ha segnato un'altra tappa della...

Nuovo traffico commerciale nel porto di Gaeta

lunedì 13 luglio 2020 15:41:38
“Prysmian Group” di Milano ha ottenuto, per il tramite della Società Futura srl, che ne cura la logistica, la possibilità di operare...

Dl Rilancio: Confitarma, delusione per la norma che impedisce l'autoproduzione

venerdì 10 luglio 2020 12:46:03
Confitarma ha espresso delusione per l’inserimento nel Disegno di legge di conversione del Decreto Rilancio, approvato il 9 luglio dalla Camera dei...

Fincantieri acquisisce il controllo di Support Logistic Services

giovedì 9 luglio 2020 14:20:13
Fincantieri, attraverso la propria controllata Insis, ha acquisito una quota di maggioranza del capitale di Support Logistic Services (SLS), società con...

Msc Crociere: nuovo protocollo operativo per la salute e la sicurezza

martedì 7 luglio 2020 11:24:40
Msc Crociere insieme al team di esperti Blue Ribbon COVID Expert Group per sviluppare un nuovo protocollo operativo per la salute e la sicurezza da attuare...