Porti, i sindacati: aumentano i tentativi di autoproduzione, pronti alla mobilitazione

venerdì 23 marzo 2018 16:47:18

“In vari porti, nonostante i nostri appelli ad un maggior controllo sulle previsioni di legge in tema di autoproduzione, si stanno moltiplicando i tentativi di utilizzare questo tipo di pratica che da sempre ci vede schierati contro”. E’ quanto scrivono unitariamente Filt Cgil, Fit Cisl e Uiltrasporti al ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti sul tema del lavoro in autoproduzione che “alcune compagnie di navigazione stanno tentando di attuare impiegando propri marittimi, in sostituzione dei lavoratori portuali”.

“Ci riferiamo – precisano i sindacati nella lettera al ministero – alle ultime istanze, in ordine temporale, presentate in alcuni porti siciliani da società quali Caronte & Tourist Isole Minori, GNV e CIN-Tirrenia ed anche ad altre situazioni analoghe denunciate in altri porti italiani che fanno pensare ad un disegno strategico in atto che ci vedrà contrari e pronti eventualmente alla mobilitazione dei lavoratori portuali”.

“Riteniamo che l’autoproduzione – scrivono le tre organizzazioni sindacali dei trasporti – possa essere autorizzata solo nei porti in cui non è possibile avvalersi di lavoratori portuali, come definito dagli accordi internazionali, e comunque limitatamente a singole toccate di navi che devono essere dotate di mezzi adeguati alle operazioni da svolgere e che abbiano personale esclusivamente dedicato all’esercizio di tali operazioni, non fungibile, assunto con libretto di navigazione e aggiunto in sovrannumero rispetto al personale previsto in tabella minima di sicurezza”.

“L’utilizzo di lavoratori marittimi, compreso il personale di macchina, non in possesso delle necessarie competenze per effettuare le operazioni portuali, – scrivono infine Filt Cgil, Fit Cisl e Uiltrasporti, rendendosi disponibili ad un confronto preventivo – creerebbe un pesante squilibrio dell’organico del porto e della sicurezza”.

© Trasporti-Italia.com - Riproduzione riservata

CONDIVIDI
Leggi anche

Assarmatori chiede aiuti urgenti per il settore dei traghetti e il cabotaggio

Necessari aiuti urgenti per le compagnie che gestiscono i traghetti sulle Autostrade del Mare e sulle rotte per le isole maggiori e a quelli che garantiscono i collegamenti di corto raggio. Lo chiede...

Avvicendamento marittimi: appello delle organizzazioni marittime per un’azione urgente del governo italiano

Tredici organizzazioni rappresentanti le parti sociali marittime europee e internazionali hanno scritto una lettera al Presidente del Consiglio, Giuseppe Conte, per sollecitare una urgente azione...

Marittimi, Assarmatori e Confitarma chiedono misure urgenti per i cambi equipaggio

Assarmatori e Confitarma chiedono risposte immediate sull’avvicendamento dei marittimi. Mario Mattioli e Stefano Messina, rispettivamente Presidenti di Confitarma e Assarmatori, hanno...