Personale marittimo extracomunitario: polemica tra Onorato e Confitarma

lunedì 25 gennaio 2016 12:26:56

In merito all’avviso a pagamento pubblicato su alcuni quotidiani nazionali dall’armatore Onorato, presidente della Moby Lines e proprietario della Tirrenia, Emanuele Grimaldi, presidente Confitarma ha voluto precisare in un comunicato ufficiale che la Confederazione Italiana Armatori "non sta facendo alcuna pressione per estendere i benefici della bandiera italiana ad unità di bandiera comunitaria".

"Esiste invece una procedura in corso in tal senso avviata dalla Commissione europea nei confronti del nostro Governo - prosegue Grimaldi - L’armatore Onorato, se non ritiene credibili le parole della Confederazione, può avere contezza di ciò contattando il Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti".

Il presidente della Moby Lines venerdì scorso aveva comprato una pagina su diversi giornali per chiedere al Governo di riservare gli sgravi solo alle compagnie che imbarcano marittimi italiani. Altrimenti "il rischio è che aumenti la disoccupazione". Secondo l'armatore Onorato, Grimaldi vivrebbe un conflitto d'interessi visto che il suo Gruppo "Impiega extracomunitari su ben 29 navi, anche su tratte nazionali: a bordo solo il 40% dei marittimi è italiano. Sulle restanti navi del gruppo che navigano con altre bandiere, la percentuale degli italiani scende drammaticamente sotto il 10%”.

"La flessibilità relativa alla nazionalità degli equipaggi imbarcati su navi operanti su rotte miste (internazionali e di cabotaggio) - risponde Grimaldi nella nota - è regolata da norme dello Stato italiano, da disposizioni ministeriali nonché, per motivi di sicurezza dei passeggeri connessi alla lingua parlata a bordo, da norme degli altri paesi interessati a quei collegamenti".

La risposta di Onorato non si è fatta attendere per ribadire che, riguardo al Gruppo Grimaldi, "su ben 29 navi impiegate sulle seguenti rotte nazionali italiane quali la Savona-Catania, la Salerno-Cagliari, la Livorno-Palermo, la Venezia-Ravenna-Bari, la Livorno-Catania, la Civitavecchia-Porto Torres ed altre ancora, il 60 per cento del personale di bordo risulta essere extracomunitario.  Alla luce di questa incontestabile contraddizione, devo riconoscere che quando il presidente di Confitarma mi dà dell''ignorante' è nel giusto: pensavo che la regola così precisamente esposta da Grimaldi valesse per tutti ma, evidentemente, lui gode di un regime speciale".

© Trasporti-Italia.com - Riproduzione riservata


Leggi anche

Leggi gli altri articoli della categoria: Mare

Altri articoli della stessa categoria

Porto di Civitavecchia, arriva il servizio informazioni turistiche della Regione Lazio

venerdì 3 luglio 2020 12:29:18
Porto di Civitavecchia portavoce del turismo laziale. All’interno degli uffici sarà a breve presente un punto di informazione per la promozione...

Dl Rilancio: Confitarma chiede un dialogo costruttivo sull’autoproduzione

venerdì 3 luglio 2020 15:26:48
La Confederazione Italiana Armatori ha espresso preoccupazione per le iniziative volte a modificare il regime dell’autoproduzione delle operazioni...

Assologistica chiede regole condivise per l'autoproduzione portuale

mercoledì 1 luglio 2020 15:29:20
Sull'autoproduzione in ambito portuale servono regole chiare e condivise. Lo afferma il presidente di Assologistica, Andrea Gentile, ricordando come il tema di...

GNV ottiene la Biosafety Trust Certification di RINA

martedì 30 giugno 2020 17:41:00
GNV è la prima compagnia nel settore dei traghetti a ricevere la Biosafety Trust Certification di RINA, schema di certificazione messo a punto per...

Federazione del mare: rinnovati i vertici, Mattioli confermato presidente

venerdì 26 giugno 2020 10:49:10
Rinnovati i vertici della Federazione del sistema marittimo italiano (Federazione del Mare), l’organizzazione che riunisce il cluster nazionale delle...