Marebonus: Confitarma, necessaria un'interpretazione chiara per garantire l'incentivo

lunedì 18 settembre 2017 12:00:54

Alla vigilia del decreto attuativo del provvedimento, l'associazione Confitarma chiede chiarimenti sull'effettiva applicazione del Marebonus, l’incentivo pensato per consolidare il trasferimento modale dalla strada al mare. La risposta ad un quesito rivolto dal ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti alla Commissione, spiegano da Confitarma, sarà decisiva poiché conterrà l’interpretazione del termine “aiuto” utilizzato nella decisione del 19 dicembre 2016 con cui la Commissione europea ha autorizzato l’incentivo.

“La decisione – si legge nella nota dell'associazione - da un lato prevede l’obbligo per l’armatore di ribaltare almeno il 70% dell''aiuto' agli autotrasportatori; dall’altro prevede che lo stesso “aiuto” non possa superare l’importo degli investimenti sostenuti dall’armatore per poter far accedere gli autotrasportatori all’incentivo. Considerando che il Marebonus è rivolto all’autotrasporto e che gli armatori non ne devono beneficiare se non per compensare gli investimenti richiesti, secondo l’interpretazione logica, da sempre sostenuta da Confitarma, le compagnie di navigazione devono poter recuperare il costo degli investimenti effettuati per poter accedere al Marebonus, 'ribaltando' agli autotrasportatori almeno il 70% del contributo ricevuto. In pratica, considerati i 128 milioni di euro stanziati, gli armatori dovrebbero investire non meno di 38 milioni di euro per attivare l’incentivo di 90 milioni di euro a favore degli autotrasportatori (70% del contributo), con una compensazione di non più di 38 milioni di euro (30% del contributo) per gli investimenti effettuati".

"Invece, secondo l’interpretazione letterale più restrittiva - aggiungono da Confitarma -, l’intero contributo ricevuto dalle compagnie di navigazione viene considerato “aiuto” e pertanto, per garantire agli autotrasportatori gli stessi 90 milioni di euro, le compagnie di navigazione dovrebbero investire per miglioramenti dei servizi esistenti ben 128 milioni di euro, ovvero l’intero stanziamento previsto per il Marebonus, recuperando al massimo 38 milioni di euro. Se così fosse resterebbero privi di compensazione ben 90 milioni di investimenti che l’armamento dovrebbe sostenere per poter consentire all’autotrasporto di usufruire dell’incentivo”.
Confitarma valuta l'ipotesi “incoerente con le indicazioni della Commissione europea”.


© Trasporti-Italia.com - Riproduzione riservata


Leggi anche

Leggi gli altri articoli della categoria: Mare

Altri articoli della stessa categoria

Porto di Trieste, al via il progetto COMODALCE per rendere competitivo il trasporto intermodale

venerdì 12 aprile 2019 15:01:43
Prende avvio a Trieste il progetto COMODALCE "Enhancing COordination on multiMODAL freight   transport in CE", che mira a rendere il trasporto...

Mit, tavolo istituzionale per il porto di Pescara: rientrerà tra le opere oggetto del Decreto Sbloccacantieri

venerdì 12 aprile 2019 15:42:26
Le problematiche relative al porto di Pescara al centro di un tavolo istituzionale al Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti. Il vertice, convocato dal...

Seatrade Cruise Global: Sistema Mar Ligure Occidentale si conferma secondo polo in Italia

giovedì 11 aprile 2019 15:23:21
I porti di Genova e Savona movimenteranno oltre due milioni di passeggeri nel 2019, confermando il Sistema Mar Ligure Occidentale secondo polo in Italia e...

Sea Trade Cruise Global: per Civitavecchia aumento di oltre 125.000 crocieristi nel 2019

giovedì 11 aprile 2019 17:39:52
E' positivo il bilancio per l’Autorità di Sistema Portuale del Mar Tirreno Centro Settentrionale presente all’edizione 2019 del Sea Trade...

Msc Crociere presenta il progetto del nuovo terminal innovativo di PortMiami

mercoledì 10 aprile 2019 15:14:40
Una politica aziendale che mira a una maggiore presenza in Nord America e Mar dei Caraibi anche attraverso infrastrutture innovative: MSC Crociere presenta il...