Marebonus: Confitarma, necessaria un'interpretazione chiara per garantire l'incentivo

lunedì 18 settembre 2017 12:00:54

Alla vigilia del decreto attuativo del provvedimento, l'associazione Confitarma chiede chiarimenti sull'effettiva applicazione del Marebonus, l’incentivo pensato per consolidare il trasferimento modale dalla strada al mare. La risposta ad un quesito rivolto dal ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti alla Commissione, spiegano da Confitarma, sarà decisiva poiché conterrà l’interpretazione del termine “aiuto” utilizzato nella decisione del 19 dicembre 2016 con cui la Commissione europea ha autorizzato l’incentivo.

“La decisione – si legge nella nota dell'associazione - da un lato prevede l’obbligo per l’armatore di ribaltare almeno il 70% dell''aiuto' agli autotrasportatori; dall’altro prevede che lo stesso “aiuto” non possa superare l’importo degli investimenti sostenuti dall’armatore per poter far accedere gli autotrasportatori all’incentivo. Considerando che il Marebonus è rivolto all’autotrasporto e che gli armatori non ne devono beneficiare se non per compensare gli investimenti richiesti, secondo l’interpretazione logica, da sempre sostenuta da Confitarma, le compagnie di navigazione devono poter recuperare il costo degli investimenti effettuati per poter accedere al Marebonus, 'ribaltando' agli autotrasportatori almeno il 70% del contributo ricevuto. In pratica, considerati i 128 milioni di euro stanziati, gli armatori dovrebbero investire non meno di 38 milioni di euro per attivare l’incentivo di 90 milioni di euro a favore degli autotrasportatori (70% del contributo), con una compensazione di non più di 38 milioni di euro (30% del contributo) per gli investimenti effettuati".

"Invece, secondo l’interpretazione letterale più restrittiva - aggiungono da Confitarma -, l’intero contributo ricevuto dalle compagnie di navigazione viene considerato “aiuto” e pertanto, per garantire agli autotrasportatori gli stessi 90 milioni di euro, le compagnie di navigazione dovrebbero investire per miglioramenti dei servizi esistenti ben 128 milioni di euro, ovvero l’intero stanziamento previsto per il Marebonus, recuperando al massimo 38 milioni di euro. Se così fosse resterebbero privi di compensazione ben 90 milioni di investimenti che l’armamento dovrebbe sostenere per poter consentire all’autotrasporto di usufruire dell’incentivo”.
Confitarma valuta l'ipotesi “incoerente con le indicazioni della Commissione europea”.


© Trasporti-Italia.com - Riproduzione riservata


Leggi anche

Leggi gli altri articoli della categoria: Mare

Altri articoli della stessa categoria

Trieste primo porto d'Italia con 62.000.000 tonnellate movimentate

giovedì 13 febbraio 2020 14:29:51
Trieste si conferma primo porto d’Italia nel 2019 con 62.000.000 tonnellate movimentate, a cui si aggiungono 4.000.000 dello scalo di Monfalcone....

Nautica: innalzata a 900cc la cilindrata limite per la conduzione senza patente

giovedì 13 febbraio 2020 16:51:50
Innalzato a 900cc il limite di cilindrata ammesso per la conduzione senza patente nautica per i fuoribordo 2 tempi a iniezione diretta di carburante."Grazie a...

Gruppo Onorato Armatori: escursioni in Sardegna scontate per i viaggiatori del gruppo

mercoledì 12 febbraio 2020 14:29:21
Il Gruppo Onorato Armatori rinnova la partnership con il portale Escursi.com contribuendo alla valorizzazione dei territori raggiunti dalle sue...

Apm Terminal Vado Ligure: approda la prima portacontainer

mercoledì 12 febbraio 2020 15:34:09
E' approdata all'APM Terminals di Vado Ligure la M/V Maersk Kotka, prima delle sette navi del servizio ME2 di Maersk che collega il Mediterraneo con il Medio...

Cruise 2030: nuovi standard più sostenibili nel futuro della crocieristica

lunedì 10 febbraio 2020 09:48:44
Definire strategie comuni all’interno delle quali ciascun porto potrà individuare una via per supportare lo sviluppo sostenibile della...