La Federazione del Mare alla conferenza Future for Ocean Governance and Blue Growth

giovedì 4 aprile 2019 16:04:09

La Federazione del Mare ha partecipato alla conferenza “Future for Ocean Governance and Blue Growth” in rappresentanza dei cluster marittimi europei.

Presenti alla conferenza José Inácio Faria, deputato europeo portoghese della commissione Ambiente; per ENMC (European Network of Maritime Clusters), organizzazione di cui l’Italia detiene la vicepresidenza, è intervenuta Laurence Martin, vicesegretario generale della Federazione del Mare. Durante i lavori sono stati affrontati tre importanti temi: modellare la governance globale dell’oceano per il futuro, ottenere mari sani e puliti entro il 2030, promuovere un'economia blu sostenibile.

Laurence Martin ricorda che: “L’industria marittima è un settore vitale e strategico per l'Europa. Oltre ad avere un'enorme dimensione costiera […] l'Europa è una grande potenza marittima: il 90% del commercio internazionale, l'80% del commercio estero dell’UE e il 40% del commercio interno dell'UE utilizzano la navigazione. Inoltre, gli armatori europei controllano quasi il 40% della flotta mercantile mondiale e sono attori chiave nello shipping. L'industria cantieristica europea è leader mondiale per quanto riguarda le navi da crociera e gli yacht da diporto, mentre l'industria di produzione di apparecchiature e componenti dell'UE serve metà della flotta mondiale. L'attività europea di pesca svolge un ruolo importante nella nostra politica alimentare”.

Sulla sostenibilità ambientale delle attività marittime ha poi ricordato che gli armatori europei vogliono navigare con navi pulite e per questo hanno appoggiato la nuova normativa dell’International Maritime Organization che stabilisce al 2050 una crescita delle emissioni di gas-serra limitata al 50% del livello del 2008. Inoltre, dal 2020 entrerà in vigore in tutto il mondo la normativa IMO che prevede un limite di 0,5% dello zolfo nei carburanti marini.

Per compiere passi significativi, assicurare un trasporto a emissioni zero entro il 2050 e quindi contribuire a rendere entro quell’anno l'Europa un'economia e una società a impatto climatico neutro, il settore marittimo è aperto a continuare a investire e sperimentare, ma per farlo – sottolinea la Federazione Mare - chiede scelte politiche stabili e ha bisogno di una quota equa e sostanziale di finanziamento da programmi come Horizon Europe.

In tal modo, l'Europa contribuirà alla lotta globale al cambiamento climatico, oltre ad aiutare i cantieri navali europei a fronteggiare la concorrenza in termini di innovazione e consentire la progettazione e la costruzione dei tipi di navi più innovativi. Per questi motivi -ribadiscono - l'Europa e i suoi Stati membri devono agire ora a livello politico, a sostegno dei settori della navigazione, della costruzione e delle tecnologie marittime.

© Trasporti-Italia.com - Riproduzione riservata


Leggi anche

Leggi gli altri articoli della categoria: Mare

Altri articoli della stessa categoria

Federlogistica-Conftrasporto: decreto in extremis mette a rischio turismo marittimo da e per Sardegna

mercoledì 3 giugno 2020 14:59:12
Il decreto firmato  a sorpresa ieri in extremis dai ministri Speranza e De Micheli che impedirebbe  il trasporto marittimo da e verso la Sardegna a...

Venezia Terminal Passeggeri: rinnovato CDA, Spagna confermato presidente

mercoledì 3 giugno 2020 16:48:04
L’Assemblea dei Soci di Venezia Terminal Passeggeri ha confermato all’unanimità il presidente Fabrizio Spagna per ulteriori tre...

Assarmatori contraria all'emendamento Confitarma nel Dl Rilancio

lunedì 1 giugno 2020 15:24:19
Assarmatori si dichiara contraria all'emendamento ispirato da Confitarma al Dl rilancio, che permette alle navi da crociera iscritte al Registro internazionale...

Rilancio porto di Civitavecchia: banchina 24 multipurpose e Piano di Sviluppo alla Regione

giovedì 28 maggio 2020 10:15:01
In campo azioni per il rilancio del comparto commerciale del porto di Civitavecchia per far fronte alla devastante crisi derivante dall’emergenza...

Dalla Regione Emilia Romagna 3 milioni per incentivare lo sviluppo dei servizi merci ferroviari e fluvio-marittimi

mercoledì 20 maggio 2020 13:38:25
Nell’ottica di ridurre inquinamento e congestione del traffico, via libera della Giunta regionale dell’Emilia-Romagna alla graduatoria di un bando...