Fedespedi: Riforma dei porti soddisfacente, attendiamo la piena applicazione

lunedì 25 gennaio 2016 12:07:42

“Soddisfazione per una riforma che il nostro settore ha lungamente atteso, soprattutto in relazione al tema della semplificazione burocratica, e fortemente auspicato per quanto riguarda l’altra grande tematica del coordinamento nazionale”. E’ questo il commento del presidente Roberto Alberti di Fedespedi (Federazione Nazionale delle Imprese di Spedizioni Internazionali), in merito all’approvazione da parte del Consiglio dei Ministri del decreto di “Riorganizzazione, razionalizzazione e semplificazione delle autorità portuali”.

“Sulla carta sono state date risposte a numerose richieste provenienti dall’utenza portuale – ha aggiunto Alberti -: l’assegnazione ai presidenti delle Autorità di Sistema dei poteri reali di coordinamento e controllo su tutte le amministrazioni che intervengono all’interno degli scali portuali, lo snellimento dei processi decisionali interni alle autorità di sistema con il superamento dei Comitati Portuali e l’introduzione del tavolo di partenariato della risorsa del mare, con cui si garantisce agli stakeholders comunque una partecipazione consultiva ai progetti strategici di crescita dei sistemi portuali. Prima di dare un giudizio definitivo bisognerà attendere la piena implementazione organizzativa e normativa della riforma – continua il presidente -, ma non vi è dubbio che, leggendo il testo del Decreto, la volontà sia quella di aggiornare il nostro sistema di governance portuale guardando a modelli più evoluti e che molte delle battaglie condotte dagli spedizionieri in questi anni, come ad esempio quella per l’introduzione dello Sportello Unico Doganale, hanno trovato finalmente grande attenzione da parte del Governo”.

Ora, spiega in conclusione il presidente di Fedespedi, gli operatori devono capire e vedere tempi e modalità di effettiva attuazione della riforma, che prevede un processo progressivo di superamento dell’attuale modello: “Siamo soddisfatti ma vogliamo essere prudenti: la riforma dovrà ora diventare, come dicono gli anglosassoni “law in action” e sappiamo che spesso, in Italia, le migliori riforme sono state spesso svilite da non adeguate norme applicative”.


© Trasporti-Italia.com - Riproduzione riservata


Leggi anche

Leggi gli altri articoli della categoria: Mare

Altri articoli della stessa categoria

Sardegna: continuità territoriale marittima, in atto il processo per il trasferimento della competenza alla Regione

venerdì 25 maggio 2018 10:48:02
Avviato in Sardegna dalla giunta il procedimento per il trasferimento alla Regione delle funzioni sulla continuità territoriale marittima attraverso...

Sicilia, traghetti: Siremar rinnova la flotta

giovedì 17 maggio 2018 13:01:14
La società Siremar che gestisce i collegamenti per le isole minori di Sicilia si appresta a rinnovare la flotta. Lo studio d'ingegneria triestino "Naos"...

Anas, Cas e Caronte: un protocollo per potenziare i flussi di traffico nello Stretto di Messina

giovedì 17 maggio 2018 13:19:38
Un protocollo di collaborazione che ha l’obiettivo di scambiare dati sui flussi di traffico, rilevati in tempo reale, sulle infrastrutture di competenza...

Taranto, sciopero porti: venerdi 18 confermato fermo nazionale dopo la morte dell'operaio

giovedì 17 maggio 2018 16:59:52
Dopo l'incidente mortale di un operaio, Angelo Fuggiano, avvenuto al porto di Taranto - l'uomo era legato ad un'azienda appaltatrice alla manutenzione...

Porto di Civitavecchia: nuove infrastrutture per lo sviluppo dell'attività commerciale

martedì 15 maggio 2018 12:49:49
Presso il porto di Civitavecchia si è tenuto l’ultimo sopralluogo, propedeutico all’emissione del certificato di collaudo tecnico...