Federagenti: lo shipping italiano attira 3,5mld di investimenti dall'estero

venerdì 11 maggio 2018 20:44:59

Fra acquisizioni, fusioni, partnership lo shipping è il settore che attrae più investimenti esteri in Italia. Negli ultimi dieci anni sono quasi sessanta le aziende totalmente o parzialmente acquisite oppure partecipate nel settore portuale, logistico e marittimo italiano da gruppi internazionali sia del settore finanziario che marittimo con un investimento stimato di oltre 3,5 miliardi di euro. E' la mappa della presenza internazionale dalle agenzie alle case di spedizione, dai terminal alle aziende di logistica, un fenomeno in forte crescita, presentata a Porto Cervo, all'assemblea di Federagenti, la federazione nazionale degli agenti e dei broker marittimi dal presidente Gian Enzo Duci che ha svolto l'analisi nell'ambito dei suoi incarichi presso l'Università di Genova.

"Il risultato di questi interventi dissipa il sospetto che si tratti solo di una massiccia operazione di colonizzazione - ha spiegato Duci -: nei tre anni successivi all'intervento di investitori esteri, l'Ebitda dei gruppi oggetto dell'intervento, e di cui si sono potuti reperire i dati, ha registrato un incremento medio del 70%, per poi attestarsi negli anni a seguire su tassi di crescita annui del 5%". Secondo lo studio nella maggior parte dei casi gli investitori internazionali hanno radicato in Italia le proprie attività e hanno creato valore aggiunto nel nostro Paese, anche se il processo di globalizzazione non è stato e non è indolore.

"L'istituzione di un ministero del mare non è la risposta adeguata alle esigenze dei porti e del sistema logistico nazionale. Sarebbe meglio piuttosto rafforzare il ruolo di pianificazione nazionale del ministero dei Trasporti", ha detto il presidente di Confetra, Nereo Marcucci all'assemblea di Federagenti. "Oggi ai grandi investitori internazionali - dice Marcucci - interessa parlare di porti solo se insieme si discute di ferrovia in banchina, di collegamenti di ultimo miglio su ferro e gomma tra infrastrutture di nodo e corridoi TEN-T, di connessioni con retroporti ed interporti quali buffer zone per organizzare la vezione delle merci caricate e scaricate in porto o con funzione di magazzinaggio e semi lavorazione delle stesse. Ma anche se si discute di tempi dei controlli doganali o di possibili attivazioni di ZES e punti franchi. In questo senso - conclude - a noi appare viceversa auspicabile un rafforzamento dello stesso Ministero nella capacità di predisporre una programmazione coerente ed integrata di azioni ed interventi che guardino all'intera filiera logistica del trasporto merci".


© Trasporti-Italia.com - Riproduzione riservata


Leggi anche

Leggi gli altri articoli della categoria: Mare

Altri articoli della stessa categoria

Napoli, Shipping and the Law: Mattioli ottimista sulla ripresa del settore

lunedì 15 ottobre 2018 15:56:20
Lo shipping italiano guarda con ottimismo alle opportunità di crescita dei mercati marittimi e fondamentale è che possa contare sul...

Grimaldi potenzia i collegamenti merce tra Nord Italia e regione Sardegna

venerdì 12 ottobre 2018 10:16:06
Nuova linea merci tra Genova e Porto Torres a partire dal prossimo 13 ottobre. Il Gruppo Grimaldi potenzia i propri collegamenti per il trasporto merci tra...

Sostenibilità: MSC Crociere elimina la plastica monouso e introduce prodotti eco-friendly

giovedì 11 ottobre 2018 12:54:27
MSC Crociere ha presentato oggi un nuovo capitolo del suo programma di gestione ambientale, annunciando l'impegno ad eliminare la plastica monouso dall'intera...

Trasporto sostenibile: a Pisa la prima infrastruttura mobile del Mar Mediterraneo dedicata al Gnl

giovedì 11 ottobre 2018 14:14:36
Prende avvio la rete italiana del Gas Naturale Liquefatto. Consegnati negli stabilimenti di Gas and Heat Spa a Pisa, due serbatoi criogenici che verranno...

Porti: a Civitavecchia il convegno di Intesa San Paolo per presentare il 5° rapporto Italian Maritime Economy

giovedì 11 ottobre 2018 16:59:32
Le vie del mare asset strategici per lo sviluppo del territorio laziale. I porti italiani crescono grazie alla crescente importanza della componente...