Fase2 Covid-19: il settore crociere rischia di perdere 8 miliardi

mercoledì 6 maggio 2020 12:41:30

23 milioni di turisti in meno: il settore crocieristico italiano corre il rischio di subire un "buco" da 8 miliardi di euro. La previsione è stata fatta da Unimpresa, secondo cui per le aziende e gli artigiani italiani specializzati nei servizi di mantenimento a bordo nave sarà un'ecatombe: si tratta di imbianchini, idraulici, saldatori, elettricisti, camerieri, cuochi, macchinisti, ingegneri, facchini, personale di bordo.

Dal punto di vista geografico è Napoli, il maggior porto italiano per attracco di navi da crociera, a intravedere il peggior calo nel fatturato complessivo, tra valore diretto ed indotto, ma anche altre città come Palermo, Catania, Genova e Venezia subiranno un danno economico enorme. A farne le spese saranno anche i venditori di souvenir, gli organizzatori di gite ed escursioni, i ristoranti e i bar.

Secondo Unimpresa, oltre agli 8 miliardi di euro legati ai lavori "a bordo" e ai mancati incassi "a terra", vanno aggiunti 2,3 miliardi di gettito fiscale, tra tassazione diretta e imposizione indiretta, che potrebbero sfumare e non entrare nelle casse dello Stato. "Quando il settore ripartirà, si dovrà trovare la soluzione per far convivere i crocieristi a bordo e questa non è a portata di mano. Una nave trasporta una media di 3.800 persone tra equipaggio (40%) e crocieristi (60%). Le grandi compagnie di navigazione come Costa o Msc sono in grado di far fronte all'emergenze mentre per le compagnie più piccole potrebbe essere vicino il baratro" commenta il vicepresidente di Unimpresa, Giuseppe Spadafora.

"Il paradosso è che in questo momento le navi sono ferme dei porti e potrebbero quanto meno essere manutenute, ma non si può viaggiare. In pratica, se una impresa italiana di manteinance ha l'appalto per una nave ormeggiata in Spagna, in questo momento, col trasporto aereo sostanzialmente fermo, gli operai non possono viaggiare e raggiungere il luogo di lavoro - aggiunge Spadafora secondo il quale prima della pandemia, questo era un settore in crescita e generava nuove assunzioni ogni anno. "La tipologia di crisi non fa sperare in una rapida riapertura, figuriamoci una ripresa".

© Trasporti-Italia.com - Riproduzione riservata


Leggi anche

Leggi gli altri articoli della categoria: Mare

Altri articoli della stessa categoria

Rilancio porto di Civitavecchia: banchina 24 multipurpose e Piano di Sviluppo alla Regione

giovedì 28 maggio 2020 10:15:01
In campo azioni per il rilancio del comparto commerciale del porto di Civitavecchia per far fronte alla devastante crisi derivante dall’emergenza...

Dalla Regione Emilia Romagna 3 milioni per incentivare lo sviluppo dei servizi merci ferroviari e fluvio-marittimi

mercoledì 20 maggio 2020 13:38:25
Nell’ottica di ridurre inquinamento e congestione del traffico, via libera della Giunta regionale dell’Emilia-Romagna alla graduatoria di un bando...

Una copertura radar europea a tutela delle aree marine protette

mercoledì 20 maggio 2020 14:32:45
Il progetto europeo Impact aggiunge alle proprie attività il potenziamento della rete transfrontaliera di misura e monitoraggio delle correnti...

La Spezia Container Terminal: Alfredo Scalisi è il nuovo AD

venerdì 15 maggio 2020 20:07:51
Alfredo Scalisi è stato nominato amministratore delegato di La Spezia Container Terminal S.p.A. Alfredo Scalisi ricopriva, dal 1 luglio 2019 la...

Crociere, Federlogistica-Conftrasporto: necessario intervento per far ripartire il settore

giovedì 14 maggio 2020 12:15:17
Necessario un intervento a favore del settore crocieristico, in vista anche del fondamentale apporto che può dare al turismo e al commercio di...