Fase2 Covid-19: il settore crociere rischia di perdere 8 miliardi

mercoledì 6 maggio 2020 12:41:30

23 milioni di turisti in meno: il settore crocieristico italiano corre il rischio di subire un "buco" da 8 miliardi di euro. La previsione è stata fatta da Unimpresa, secondo cui per le aziende e gli artigiani italiani specializzati nei servizi di mantenimento a bordo nave sarà un'ecatombe: si tratta di imbianchini, idraulici, saldatori, elettricisti, camerieri, cuochi, macchinisti, ingegneri, facchini, personale di bordo.

Dal punto di vista geografico è Napoli, il maggior porto italiano per attracco di navi da crociera, a intravedere il peggior calo nel fatturato complessivo, tra valore diretto ed indotto, ma anche altre città come Palermo, Catania, Genova e Venezia subiranno un danno economico enorme. A farne le spese saranno anche i venditori di souvenir, gli organizzatori di gite ed escursioni, i ristoranti e i bar.

Secondo Unimpresa, oltre agli 8 miliardi di euro legati ai lavori "a bordo" e ai mancati incassi "a terra", vanno aggiunti 2,3 miliardi di gettito fiscale, tra tassazione diretta e imposizione indiretta, che potrebbero sfumare e non entrare nelle casse dello Stato. "Quando il settore ripartirà, si dovrà trovare la soluzione per far convivere i crocieristi a bordo e questa non è a portata di mano. Una nave trasporta una media di 3.800 persone tra equipaggio (40%) e crocieristi (60%). Le grandi compagnie di navigazione come Costa o Msc sono in grado di far fronte all'emergenze mentre per le compagnie più piccole potrebbe essere vicino il baratro" commenta il vicepresidente di Unimpresa, Giuseppe Spadafora.

"Il paradosso è che in questo momento le navi sono ferme dei porti e potrebbero quanto meno essere manutenute, ma non si può viaggiare. In pratica, se una impresa italiana di manteinance ha l'appalto per una nave ormeggiata in Spagna, in questo momento, col trasporto aereo sostanzialmente fermo, gli operai non possono viaggiare e raggiungere il luogo di lavoro - aggiunge Spadafora secondo il quale prima della pandemia, questo era un settore in crescita e generava nuove assunzioni ogni anno. "La tipologia di crisi non fa sperare in una rapida riapertura, figuriamoci una ripresa".

© Trasporti-Italia.com - Riproduzione riservata


Leggi anche

Leggi gli altri articoli della categoria: Mare

Altri articoli della stessa categoria

Gnv: in costruzione nuova unità ro/pax, in flotta nella primavera del 2021

martedì 4 agosto 2020 12:31:29
GNV annuncia l’ingresso in flotta di una nuova unità, attualmente in costruzione presso i Cantieri Visentini e prevista in consegna nella...

MSC Crociere: presentato il nuovo protocollo per la ripresa dei viaggi in sicurezza

lunedì 3 agosto 2020 16:29:23
MSC Crociere ha messo a punto un protocollo di salute e sicurezza per supportare la ripresa delle attività a bordo e ideato per proteggere gli ospit...

Matthieu Gasselin nuovo Amministratore Delegato del Gruppo Sogemar

venerdì 31 luglio 2020 15:23:08
Matthieu Gasselin sarà il nuovo amministratore delegato del Gruppo Sogemar dal 1 settembre 2020. Gasselin, 46 anni, nato in Francia, prende il testimone...

Porto di Trieste: scendono i volumi totali di traffico ma buona la tenuta dei container e del Ro-Ro

venerdì 31 luglio 2020 15:48:49
Gli effetti della pandemia in corso si ripercuotono sui traffici del porto di Trieste, anche se lo scalo non ha mai smesso di lavorare, e alcuni comparti hanno...

Porto di Salerno: il traffico ro-ro recupera nel primo semestre 2020

mercoledì 29 luglio 2020 11:24:15
Segnali di recupero per il traffico ro-ro del porto di Salerno nel primo semestre 2020. Nonostante i mesi di lockdown, a giugno il segmento ha registrato un...