Delrio: il Piano dei Porti indica obiettivi e strategie chiare

mercoledì 22 luglio 2015 17:03:37

"Lavorare per il rilancio del sistema portuale e della logistica italiana non significa solo occuparsi di un segmento delle infrastrutture, ma contribuire in maniera decisiva alla ripresa economica del Paese". Con queste parole, il ministro delle infrastrutture e trasporti Graziano Delrio, è intervenuto oggi all'Assemblea di Assoporti che si è svolta a Roma.

Il nuovo Piano dei porti "non è il libro dei sogni ma la esplicitazione degli obiettivi che il sistema Paese si vuole porre, indica la direzione - ha detto Delrio -. Il Piano indica obiettivi molto chiari e ha già individuato tutti gli strumenti per raggiungere quegli obiettivi".
Il ministro ha poi chiesto ad Assoporti di fare squadra: "Sono molto consapevole della scarsa consapevolezza dell'importanza del sistema mare - ha precisato - è necessario che il sistema portuale venga visto nella sua interezza da tutto il Paese e non solo dagli addetti ai lavori: serve un grande upgrading culturale, il Paese deve capire che le sue opportunità di crescita sono accresciute dal sistema mare. La politica ha indicato con chiarezza cosa vogliamo: in primo luogo si parte dall'economia reale, cioè la portualità e la governance dei porti deve essere al servizio del sistema produttivo e per questo serve maggior coordinamento. Nel sistema mare c'è una delle risposte ai problemi del Mezzogiorno: dobbiamo continuare una forte cooperazione con gli altri Paesi del Mediterraneo, lo sviluppo del mezzogiorno passa anche da qui".

Delrio ha poi sottolineato che la portualità è anche legata alla vocazione turistica dell'Italia, spiegando che i nostri porti devono essere più accoglienti e le Autorità portuali devono stare in collegamento con le autorità cittadine. A proposito della riduzione delle Autorità, infine, ha confermato che il numero di 14 è una delle ipotesi.

"Abbiamo fatto il Piano degli aeroporti e il Piano dei porti e presto presenteremo il progetto di riforma del Tpl - ha detto poi il ministro -. L'Italia ha bisogno di due cure: una cura del ferro, di sposare molto il trasporto sul ferro e renderle le varie modalità interconnesse; e una dell'acqua, con una strategia molto decisa di investimento sulla portualità. Dobbiamo integrare il Piano dei porti e della logistica con il contratto di programma di Rfi e fare della cura dell'acqua e del ferro una soluzione integrata e dialogante".


© Trasporti-Italia.com - Riproduzione riservata


Leggi anche

Leggi gli altri articoli della categoria: Mare

Altri articoli della stessa categoria

Porti Mar Tirreno Centro Settentrionale: in crescita i traffici per crociere, ro-ro e container

giovedì 6 dicembre 2018 16:16:54
Crescita dei traffici del network nei settori crocieristico, RO-RO e container per l’Autorità di Sistema Portuale del Mar Tirreno Centro...

Tirrenia: nuovi collegamenti merci Genova-Napoli e Napoli-Livorno

giovedì 6 dicembre 2018 18:36:42
La compagnia di navigazione Tirrenia lancia due nuovi collegamenti merci, il Genova-Napoli e il Napoli-Livorno, peraltro già attivi, nell'ambito delle...

Porti: un progetto Italia-Francia per tutelare il mare di Piombino, Ajaccio, Livorno e Cagliari

mercoledì 5 dicembre 2018 13:44:11
Migliorare la qualità delle acque marine nei porti limitando l'impatto dell'attività portuale e del traffico marittimo attraverso la definizione...

Sicilia: sciopero di 24 ore e sit in al porto di Palermo per i dipendenti della Europea Servizi Terminalistici

martedì 4 dicembre 2018 15:53:28
Sono in stato di agitazione e sciopereranno per 24 ore il prossimo 13 dicembre gli otto lavoratori dello scalo marittimo di Termini Imerese (Palermo)...

Toscana, Porto di Piombino: 54 milioni complessivi per il potenziamento

lunedì 3 dicembre 2018 15:45:47
Firmati due protocolli d’intesa tra la Regione Toscana, l’Autorità portuale, il Comune e rispettivamente Nuovo Pignone-BHGE e Piombino...