Delrio: il Piano dei Porti indica obiettivi e strategie chiare

mercoledì 22 luglio 2015 17:03:37

"Lavorare per il rilancio del sistema portuale e della logistica italiana non significa solo occuparsi di un segmento delle infrastrutture, ma contribuire in maniera decisiva alla ripresa economica del Paese". Con queste parole, il ministro delle infrastrutture e trasporti Graziano Delrio, è intervenuto oggi all'Assemblea di Assoporti che si è svolta a Roma.

Il nuovo Piano dei porti "non è il libro dei sogni ma la esplicitazione degli obiettivi che il sistema Paese si vuole porre, indica la direzione - ha detto Delrio -. Il Piano indica obiettivi molto chiari e ha già individuato tutti gli strumenti per raggiungere quegli obiettivi".
Il ministro ha poi chiesto ad Assoporti di fare squadra: "Sono molto consapevole della scarsa consapevolezza dell'importanza del sistema mare - ha precisato - è necessario che il sistema portuale venga visto nella sua interezza da tutto il Paese e non solo dagli addetti ai lavori: serve un grande upgrading culturale, il Paese deve capire che le sue opportunità di crescita sono accresciute dal sistema mare. La politica ha indicato con chiarezza cosa vogliamo: in primo luogo si parte dall'economia reale, cioè la portualità e la governance dei porti deve essere al servizio del sistema produttivo e per questo serve maggior coordinamento. Nel sistema mare c'è una delle risposte ai problemi del Mezzogiorno: dobbiamo continuare una forte cooperazione con gli altri Paesi del Mediterraneo, lo sviluppo del mezzogiorno passa anche da qui".

Delrio ha poi sottolineato che la portualità è anche legata alla vocazione turistica dell'Italia, spiegando che i nostri porti devono essere più accoglienti e le Autorità portuali devono stare in collegamento con le autorità cittadine. A proposito della riduzione delle Autorità, infine, ha confermato che il numero di 14 è una delle ipotesi.

"Abbiamo fatto il Piano degli aeroporti e il Piano dei porti e presto presenteremo il progetto di riforma del Tpl - ha detto poi il ministro -. L'Italia ha bisogno di due cure: una cura del ferro, di sposare molto il trasporto sul ferro e renderle le varie modalità interconnesse; e una dell'acqua, con una strategia molto decisa di investimento sulla portualità. Dobbiamo integrare il Piano dei porti e della logistica con il contratto di programma di Rfi e fare della cura dell'acqua e del ferro una soluzione integrata e dialogante".


© Trasporti-Italia.com - Riproduzione riservata


Leggi anche

Leggi gli altri articoli della categoria: Mare

Altri articoli della stessa categoria

Napoli, Shipping and the Law: Mattioli ottimista sulla ripresa del settore

lunedì 15 ottobre 2018 15:56:20
Lo shipping italiano guarda con ottimismo alle opportunità di crescita dei mercati marittimi e fondamentale è che possa contare sul...

Grimaldi potenzia i collegamenti merce tra Nord Italia e regione Sardegna

venerdì 12 ottobre 2018 10:16:06
Nuova linea merci tra Genova e Porto Torres a partire dal prossimo 13 ottobre. Il Gruppo Grimaldi potenzia i propri collegamenti per il trasporto merci tra...

Sostenibilità: MSC Crociere elimina la plastica monouso e introduce prodotti eco-friendly

giovedì 11 ottobre 2018 12:54:27
MSC Crociere ha presentato oggi un nuovo capitolo del suo programma di gestione ambientale, annunciando l'impegno ad eliminare la plastica monouso dall'intera...

Trasporto sostenibile: a Pisa la prima infrastruttura mobile del Mar Mediterraneo dedicata al Gnl

giovedì 11 ottobre 2018 14:14:36
Prende avvio la rete italiana del Gas Naturale Liquefatto. Consegnati negli stabilimenti di Gas and Heat Spa a Pisa, due serbatoi criogenici che verranno...

Porti: a Civitavecchia il convegno di Intesa San Paolo per presentare il 5° rapporto Italian Maritime Economy

giovedì 11 ottobre 2018 16:59:32
Le vie del mare asset strategici per lo sviluppo del territorio laziale. I porti italiani crescono grazie alla crescente importanza della componente...