Blue economy, Ue a Napoli: 10 paesi del Mediterraneo adottano dichiarazione comune

giovedì 30 novembre 2017 15:23:36

Sostenere e lanciare l'iniziativa per lo sviluppo sostenibile della blueconomy nel Mediterraneo occidentale, questo l'intento dei ministri dei paesi del Mediterraneo occidentale che si sono riuniti oggi a Napoli per una serie di azioni comuni orientato all’obiettivo di rendere lo spazio marittimo comune più sicuro, pulito e più produttivo. La blueconomy offre infatti un enorme potenziale per la creazione di posti di lavoro e gli investimenti nel Mediterraneo, e quindi per lo sviluppo regionale e la stabilità politica. Questo potenziale non sfruttato - fanno sapere - può essere sfruttato solo attraverso una stretta cooperazione nei settori marittimo e marittimo tra tutti i paesi mediterranei.

I ministri - si legge in una nota - hanno concordato sul sistema di governance dell'iniziativa e hanno deciso che il suo comitato direttivo sarà copresieduto da Algeria e Francia nel 2018, Francia e Marocco nel 2019 e Marocco e Italia nel 2020. La riunione informale è stata l'occasione per l'adozione di una dichiarazione firmata dai 10 paesi partecipanti (Algeria, Francia, Italia, Libia, Malta, Mauritania, Marocco, Portogallo, Spagna e Tunisia).

Karmenu Vella, commissario europeo per l'Ambiente, gli affari marittimi e la pesca, ha dichiarato: "La dichiarazione ministeriale adottata oggi testimonia la volontà politica dei paesi di promuovere una crescita sostenibile nella regione WestMed Se vogliamo un mare mediterraneo sicuro e pulito, dobbiamo unire i nostri sforzi. Se vogliamo creare posti di lavoro e disporre di una blu economy sana e sostenibile, dobbiamo tutti lavorare nella stessa direzione ed è bello vedere che sia i paesi partner dell'UE che quelli del Sud stanno recependo l'iniziativa con la stessa convinzione".

Graziano Delrio, Ministro delle infrastrutture e dei trasporti italiano, ha dichiarato: "La geografia è un destino e la geografia non può essere accantonata: il Mediterraneo è una parte del destino comune dei dieci Paesi che oggi hanno concordato con l'Unione Europea e l'Unione per il Mediterraneo sul fatto che la salvaguardia e lo sviluppo sostenibile della risorsa mare sono essenziali per il nostro futuro.

Fathallah Sijilmassi, Segretario Generale dell'Unione per il Mediterraneo, ha dichiarato: "la blueconomy è un motore trainante per lo sviluppo sostenibile e la creazione di posti di lavoro nella regione, contribuendo così allo sviluppo umano, all'integrazione regionale e alla stabilità. Siamo qui oggi per rafforzare le dimensioni regionali e sub-regionali dei nostri sforzi comuni di cooperazione al fine di promuovere un'agenda positiva e condivisa per iniziative e progetti tangibili nel Mediterraneo. Per dare un contributo importante alla crescita delle nostre società, ci impegniamo a promuovere dei paesi del  Mar Mediterraneo occidentale uno sviluppo pacifico e sostenibile a livello sociale, economico e ambientale. Dobbiamo garantire che questo comune destino geografico si traduca in una politica di welfare per le persone in questa area ".

Parallelamente alla riunione ministeriale, si è svolto il convegno dell'Unione europea sulla blueconomy. La conferenza ha riunito 400 partecipanti provenienti da 30 paesi che rappresentano autorità nazionali, regionali e locali, il settore privato, organizzazioni internazionali, università e organizzazioni della società civile impegnate in questioni marittime. Le parti interessate hanno discusso opportunità e sfide per i settori della blueconomy nel Mediterraneo e i modi per stimolare l'economia e creare posti di lavoro.
Al termine della sessione plenaria della conferenza, il Segretariato dell'Unione per il Mediterraneo e la Commissione generale per la pesca nel Mediterraneo (GFCM-FAO) hanno firmato un memorandum d'intesa sulla pesca sostenibile.

Per maggiori informazioni clicca qui

© Trasporti-Italia.com - Riproduzione riservata


Leggi anche

Leggi gli altri articoli della categoria: Mare

Altri articoli della stessa categoria

Rilancio porto di Civitavecchia: banchina 24 multipurpose e Piano di Sviluppo alla Regione

giovedì 28 maggio 2020 10:15:01
In campo azioni per il rilancio del comparto commerciale del porto di Civitavecchia per far fronte alla devastante crisi derivante dall’emergenza...

Dalla Regione Emilia Romagna 3 milioni per incentivare lo sviluppo dei servizi merci ferroviari e fluvio-marittimi

mercoledì 20 maggio 2020 13:38:25
Nell’ottica di ridurre inquinamento e congestione del traffico, via libera della Giunta regionale dell’Emilia-Romagna alla graduatoria di un bando...

Una copertura radar europea a tutela delle aree marine protette

mercoledì 20 maggio 2020 14:32:45
Il progetto europeo Impact aggiunge alle proprie attività il potenziamento della rete transfrontaliera di misura e monitoraggio delle correnti...

La Spezia Container Terminal: Alfredo Scalisi è il nuovo AD

venerdì 15 maggio 2020 20:07:51
Alfredo Scalisi è stato nominato amministratore delegato di La Spezia Container Terminal S.p.A. Alfredo Scalisi ricopriva, dal 1 luglio 2019 la...

Crociere, Federlogistica-Conftrasporto: necessario intervento per far ripartire il settore

giovedì 14 maggio 2020 12:15:17
Necessario un intervento a favore del settore crocieristico, in vista anche del fondamentale apporto che può dare al turismo e al commercio di...