Blocco ferrovia Reno: Arcese e Grimaldi avviano una nuova tratta via mare

mercoledì 20 settembre 2017 11:42:07

Il protrarsi della chiusura della linea ferroviaria del Reno e la ripresa, dopo il rallentamento del periodo estivo, dei flussi di merce sull’asse nord-sud Europa sono le principali responsabili del consistente deficit di capacità di carico attualmente in corso. “I camion attualmente disponibili non sono sufficienti a supplire la mancanza di treni lungo il corridoio svizzero e le soluzioni di backup messe in campo ad oggi dalle ferrovie sono ancora poco affidabili e comunque non sufficienti in termini di capacità” - afferma Marco Manfredini COO del Gruppo Arcese, e prosegue: “Gli ordini dei nostri clienti, dopo il consueto periodo di stasi estiva, stanno rientrando nel pieno dell’operatività comportando una concentrazione nei terminali ferroviari di semirimorchi pronti per essere caricati e limitando di conseguenza la capacità di accettarne di nuovi.”

Proprio per recuperare la capacità di carico e i carichi arretrati Arcese fa sapere di aver lavorato attivamente in maniera tempestiva per fronteggiare l’emergenza e garantire l’operatività dei servizi rafforzando e offrendo soluzioni di backup. Tra queste, l’iniziativa promossa in collaborazione con il Gruppo Grimaldi per l’avvio di un servizio ro-ro tra il porto di Anversa e Savona inaugurato il 2 settembre 2017. In questa prima data la nave è partita in direzione Italia con a bordo già 30 semirimorchi. Il nuovo servizio ha una frequenza settimanale, tempi di transito di 7 giorni e capacità di carico di oltre 100 semirimorchi. L’obiettivo di questa soluzione, che consolida ulteriormente la partnership tra le due aziende, è garantire al mercato una più ampia capacità di carico per far fronte all’emergenza e recuperare gli arretrati di spedizioni ma soprattutto fronteggiare nuove richieste. Allo stato attuale, infatti, le soluzioni di backup ferroviarie hanno una capacità limitata che non supera il 50% di quella ottimale e le infrastrutture terminalistiche sono sature.

“Grazie a questa operativa short-sea, unitamente ai servizi di backup ferroviari attivati e alla flotta di automezzi di proprietà, stiamo mettendo in campo tutta la nostra capacità nel ricercare soluzioni per minimizzare gli impatti della chiusura di Rastatt” - ha concluso Marco Manfredini - “Siamo molto soddisfatti del supporto ricevuto dal Gruppo Grimaldi anche in questa emergenza e della velocità di implementazione di un servizio che speriamo essere decisivo nel supportare le necessità dei nostri clienti in questo momento così delicato.”


© Trasporti-Italia.com - Riproduzione riservata


Leggi anche

Leggi gli altri articoli della categoria: Mare

Altri articoli della stessa categoria

Shipping: Maersk e IBM insieme per lo sviluppo di una piattaforma globale con tecnologia blockchain

mercoledì 17 gennaio 2018 11:57:28
Una joint venture per fornire metodi più sicuri ed efficienti di conduzione del commercio globale attraverso l’utilizzo della tecnologia...

Autostrade del mare, AssArmatori: allargare ulteriormente gli effetti positivi del Marebonus

mercoledì 17 gennaio 2018 15:04:03
AssArmatori ha accolto positivamente l’apertura del ministro Graziano Delrio, in occasione del convegno di Civitavecchia sul tema “Le...

Porti: Venice LNG, in studio un progetto innovativo per l'uso del gas naturale liquefatto

mercoledì 17 gennaio 2018 17:04:40
Per il 2030, la domanda di GNL prevista per il Porto di Venezia sarà pari a 873.000 tonnellate/anno, per utilizzi ripartiti al 73% per il trasporto...

Mare: presto anche Caronte & Tourist Isole Minori entrerà in AssArmatori

martedì 16 gennaio 2018 15:33:25
Caronte & Tourist Isole Minori intende definire a breve la propria partecipazione ad AssArmatori, in ragione dell'adesione pressoché totale di...

Mare: nasce AssArmatori, l'alternativa a Confitarma

lunedì 15 gennaio 2018 15:55:31
Dopo mesi di attesa è nata ufficialmente AssArmatori, nuova confederazione degli armatori operanti in Italia che configura un polo di forte...