Assemblea Fedepiloti, Uggè: Confcommercio vuole investire nell'economia del mare

martedì 9 aprile 2019 15:47:20

Duecentomila imprese fra trasporti marittimi, cantieristica, turismo, attività di ricerca e pesca, 880mila occupati, e un fatturato di 130 miliardi di euro all’anno. Sono questi i numeri dell’economia del mare.
“In questo scenario, i servizi tecnico-nautici dovranno concorrere a segnare un passaggio fondamentale: quello che va dalla portualità nazionale allo sviluppo di un sistema economico competitivo e forte”. Lo ha detto Paolo Uggè, vicepresidente di Confcommercio e di Conftrasporto, intervenendo alla 72a Assemblea nazionale di Fedepiloti, oggi a Roma, presenti il ministro dei Trasporti Danilo Toninelli e il viceministro Edoardo Rixi.

“Sui 'numeri del mare' Confcommercio vuole investire, convinta che la chiave per aumentare la forza del Paese sia ragionare per sistemi, non per compartimenti stagni - afferma Uggè –. Noi come Confederazione stiamo agendo in un’ottica integrata che comprende tutti i vettori, dal mare alla gomma, dal ferro al cielo, ponendo attenzione ai temi della sostenibilità e della sicurezza, ricordando che su quest’ultimo fronte i nostri piloti dei porti non hanno rivali al mondo”.

“Siamo convinti - prosegue il vicepresidente di Conftrasporto - che sicurezza e competitività debbano andare di pari passo, e sono certo che i piloti, così come hanno saputo modernizzarsi con l’adozione del nuovo percorso di aggiornamento professionale, sapranno anche recepire il regolamento europeo del 2017 in materia di trasparenza finanziaria e competitività”. 
  
Uggè ha poi ricordato il recente sodalizio tra Confcommercio ed Enea, sfociato lo scorso febbraio in un convegno sulla  necessità di adeguare le infrastrutture portuali ai cambiamenti climatici e marini, sottolineando l’importanza del ruolo associativo nel dialogo tra imprese e istituzioni.
Proprio alle istituzioni presenti in sala, il vicepresidente di Confcommercio si è rivolto quando sulla via della Seta ha ribadito i dubbi della Confederazione, “Non per disfattismo, ma si è visto in giro troppo facile entusiasmo verso un importante partner commerciale che, però, solitamente utilizza questa leva per aumentare il suo grado di controllo geo-politico. Vi chiediamo - conclude Uggè - che la competitività dei porti e dei loro sistemi logistici sia migliorata nell’interesse dell’Italia e dell’Europa, non vogliamo che scali nazionali diventino portatori di interessi di soggetti terzi”. 


© Trasporti-Italia.com - Riproduzione riservata


Leggi anche

Leggi gli altri articoli della categoria: Mare

Altri articoli della stessa categoria

Mare: domenica 19 maggio open day del Porto di Trieste, sold out in pochi giorni

venerdì 17 maggio 2019 10:54:04
Torna l’open day al Porto di Trieste domenica 19 maggio. Promossa dall'Autorità di Sistema Portuale del Mar Adriatico Orientale, insieme alle...

Trasporti: al via gara per collegare via mare Trieste-Slovenia-Croazia

venerdì 17 maggio 2019 17:13:09
Un collegamento marittimo per i passeggeri tra Trieste e Pirano (Slovenia), Parenzo, Rovigno e Lussinpiccolo (Croazia). E' stata avviata la procedura di gara...

Blue Economy: la sostenibilità al centro del WestMED Hackathons di Palermo

giovedì 16 maggio 2019 11:06:55
Un'economia del mare sostenibile. Questo il tema al centro del primo WestMED Hackathons che si è svolto il 14 maggio a Palermo. L'evento...

Porti: Palermo nuovo polo per la costruzione di navi da crociera

lunedì 13 maggio 2019 11:29:14
“Era uno dei punti qualificanti del programma che come Autorità di Sistema Portuale avevamo lanciato solo un anno fa. Oggi, nel ringraziare il...

Venezia Porto Aperto, ecco tutte le iniziative per l'evento Italian Port Days

lunedì 6 maggio 2019 14:04:35
Il Porto di Venezia aderisce all’iniziativa indetta da Assoporti “Italian Port Days – "Opening Port Life and Culture to people", che...