Appello Ecsa-Etf all'UE: marittimi bloccati, serve un'azione coordinata per riportarli a casa

venerdì 26 giugno 2020 14:47:29

L'ECSA (European Community Shipowners' Associations) e l'ETF (European Transport Workers' Federation) hanno lanciato un appello all'UE per risolvere l'attuale crisi del cambio degli equipaggi.

A causa delle restrizioni di viaggio imposte dal Covid-19, i marittimi di tutto il mondo stanno affrontando da mesi difficoltà a essere sostituiti da altri membri dell'equipaggio e ad essere rimpatriati. In particolare per l'Europa, la capacità molto limitata di rilasciare visti per entrare nello spazio Schengen complica ulteriormente una situazione già estremamente complessa e potrebbe diventare un nodo critico quando le restrizioni di viaggio saranno abolite in tutti i Paesi.

"In alcuni casi, i marittimi sono ormai confinati sulle navi da mesi oltre il loro tempo contrattuale in mare - ha detto Estelle Brentnall, responsabile marittima dell'ETF -. In questo momento vi sono centinaia di migliaia di marittimi per i quali si sarebbero dovuti effetuare i necessari cambi di equipaggio, il che significa che centinaia di migliaia di vite sono direttamente colpite dall'inazione e dalla mancanza di coordinamento degli Stati in tutto il mondo. Centinaia di migliaia di lavoratori marittimi che non sono in grado di trascorrere del tempo con i loro cari e altri che non possono lavorare".

Le restrizioni di viaggio hanno limitato la circolazione dei marittimi anche in altri modi. Oltre a non poter tornare a casa al termine del contratto, spesso viene loro negata la franchigia a terra o in alcuni casi hanno difficoltà a ottenere cure mediche.

"I lavoratori marittimi sono 2 milioni e da loro dipende il commercio globale, in quanto le navi trasportano più dell'80% del commercio globale. Hanno adempiuto al loro contratto. Ora, i Governi devono garantire che siano, a loro volta, rispettati i loro diritti", ha commentato Martin Dorsman, Segretario Generale della ECSA.

“I lavoratori marittimi meritano il nostro sentito ringraziamento- afferma Mario Mattioli, presidente di Confitarma - ma ringraziarli non basta. Meritano - come Confitarma sta chiedendo ormai da mesi - un'azione umanitaria rapida e decisa da parte dei Governi di tutto il mondo per garantire loro corridoi di transito sicuro per farli arrivare a bordo per lavorare e per farli tornare a casa una volta terminato il normale periodo di imbarco”.

Nella Giornata del Marittimo, Confitarma chiede alle istituzioni dell'UE e agli Stati membri di adottare immediatamente misure coordinate per consentire ai marittimi di tornare a casa, fruire delle cure mediche, in caso di necessità e godere di brevi periodi di franchigia a terra.

© Trasporti-Italia.com - Riproduzione riservata


Leggi anche

Leggi gli altri articoli della categoria: Mare

Altri articoli della stessa categoria

Msc Crociere: nuovo protocollo operativo per la salute e la sicurezza

martedì 7 luglio 2020 11:24:40
Msc Crociere insieme al team di esperti Blue Ribbon COVID Expert Group per sviluppare un nuovo protocollo operativo per la salute e la sicurezza da attuare...

Porti liguri, Federlogistica-Conftrasporto: pedaggi autostradali alle AdSp per mantenere competitività

lunedì 6 luglio 2020 12:13:30
I problemi legati alla viabilità ligure si ripercuotono anche sul traffico merci e passeggeri che transita nei porti liguri....

Porto di Civitavecchia, arriva il servizio informazioni turistiche della Regione Lazio

venerdì 3 luglio 2020 12:29:18
Porto di Civitavecchia portavoce del turismo laziale. All’interno degli uffici sarà a breve presente un punto di informazione per la promozione...

Dl Rilancio: Confitarma chiede un dialogo costruttivo sull’autoproduzione

venerdì 3 luglio 2020 15:26:48
La Confederazione Italiana Armatori ha espresso preoccupazione per le iniziative volte a modificare il regime dell’autoproduzione delle operazioni...

Assologistica chiede regole condivise per l'autoproduzione portuale

mercoledì 1 luglio 2020 15:29:20
Sull'autoproduzione in ambito portuale servono regole chiare e condivise. Lo afferma il presidente di Assologistica, Andrea Gentile, ricordando come il tema di...