Sailpost e Azimut Direct: 5 milioni per il piano di crescita e sviluppo

CONDIVIDI

lunedì 20 giugno 2022

Ottimizzare la catena produttiva, grazie all’acquisto di due macchinari per lo smistamento, e per la gestione corrente, con l’obiettivo di ottenere migliori condizioni di acquisto. Queste le operazioni per cui verranno utilizzate le risorse dell’operazione di direct lending da 5 milioni di euro conclusa da Sailpost SpA – principale alternativa al mercato tradizionale postale e logistico gestito da Poste Italiane – tramite Azimut Direct, la fintech del gruppo Azimut specializzata in strumenti di finanza alternativa per la raccolta di capitali presso investitori qualificati.

Il finanziamento, assistito da Garanzia Italia SACE e dal Fondo Centrale Garanzia (MCC), ha una durata pari a 7 anni e va a sostegno tanto del piano di investimenti quanto della componente liquidità.

“La collaborazione con una realtà di primo livello come Azimut ci rende naturalmente molto orgogliosi e conferma ulteriormente il nostro percorso di crescita, dopo gli ottimi risultati del 2021, chiuso con un fatturato di oltre 40 milioni di euro e un EBITDA di 4,5 milioni – sottolinea Valterio Castelli, presidente di Sailpost –. L’obiettivo per il nuovo anno è un aumento di fatturato di oltre il 50% grazie a importanti asset, come il mercato delle notifiche di multe e atti giudiziari, e nuovi progetti. Per questo motivo riteniamo di straordinaria importanza la partnership con Azimut, che ci permette di consolidare ulteriormente il nostro posizionamento e puntare a una crescita ancor più rapida, che possa portare un impatto sociale concreto e positivo”.

Gli investimenti R&D di Sailpost

Con un network di oltre 140 agenzie e oltre 230 punti posta dislocati su tutto il territorio italiano, Sailpost è il secondo operatore postale in Italia, dopo Poste Italiane, attivo anche nell’ambito della logistica e dell’e-commerce. Grazie alla diversificazione delle reti, Sailpost può oggi vantare un network di distribuzione sia postale che attraverso corrieri, coprendo tutto l’ambito nazionale e rispondendo alle diverse esigenze dei propri clienti, siano essi aziende, professionisti o privati.

L’operazione si inserisce all’interno di un più ampio programma di investimenti per la crescita, in cui particolare rilievo riveste la componente di R&D, con lo sviluppo di un software per una più efficiente organizzazione del servizio attraverso una gestione integrata di dati economici e operativi.

“Azimut Direct rappresenta il nuovo modo per portare capitali alle imprese italiane grazie a un approccio di ‘filiera corta’ – dichiara Antonio Chicca, managing director Azimut Direct –. La nostra attività viene definita “finanza alternativa”, e la finanza alternativa, o finanza non bancaria, di fatto arriva oggi alle imprese tramite le piattaforme fintech. La nostra particolarità è di avere un modello misto, con forte impronta tech sulla parte di analisi e qualitativo nella relazione, impostata sul lungo periodo. Questo si traduce in termini concreti in un costante dialogo con l’impresa, e nel forte coordinamento e lavoro di squadra con la rete dei consulenti finanziari Azimut. Elementi chiave per un servizio professionale e di qualità, a supporto della crescita di realtà eccellenti come Sailpost”.

Tag: logistica

© Trasporti-Italia.com - Riproduzione riservata

Leggi anche

Autotrasporto, La Spezia: da luglio maggiorazioni di 150 euro a viaggio a causa dei disagi

I disagi che vivono gli autotrasportatori che operano presso il porto La Spezia sono al centro di una nota diffusa da Fai Liguria (la Federazione degli Autotrasportatori Italiani aderente a...

Milano: distribuzione urbana più sostenibile con l'iniziativa Foody City Logistics

Sogemi e ATM hanno dato vita all'iniziativa Foody City Logistics. Si tratta di un modello di sostenibilità ambientale per la distribuzione urbana alimentare. Le due realtà partecipate...

La figura della logistica entra per la prima volta nel Codice civile

Per la prima volta nella storia della Repubblica viene introdotta la figura della logistica all’interno del Codice civile. La Camera ha approvato in via definitiva il D.L 36/2022 sul PNRR (A.C....

Intermodalità e flessibilità: le strategie della logistica per affrontare la crisi internazionale

Covid, aumento del costo dei noli, difficoltà di approvvigionamento, guerra in Ucraina: negli ultimi due anni il settore trasporti e logistica ha dovuto fronteggiare difficoltà...

Porto di Trieste: via al nuovo collegamento ferroviario con la Slovenia

“Il porto di Trieste si caratterizza per essere una piattaforma ferroviaria totale. Ormai non esiste nessun terminal nel nostro scalo che non sviluppi treni sia di tipo tradizionale sia...

Assiterminal: incentivare l'intermodalità ferroviaria nei porti

Un’accelerazione concreta sull’incentivazione all’intermodalità ferroviaria da e verso i porti, ampliando la vision attraverso tutti i nodi di collegamento tra Reti Ten...

Sfide e opportunità dell’autotrasporto 4.0: il 7 e l’8 luglio il IV Congresso Nazionale di Assotir

Innescare un cambio di passo significativo per il settore della logistica e puntare finalmente a un autotrasporto 4.0 aprendo un confronto tra politica, associazioni e imprese sulle principali sfid...

Al via l'Intermodal Academy Golia, la business school dedicata all'intermodalità

Entro il 2030, secondo quanto stabilito dall’Unione europea, il 30% della quota modale di trasporto merci su percorrenze superiori a 300 km dovrà essere trasferito su rotaie o sul mare....