Catania Smart city 2.0: firmato l'accordo per una città intelligente, digitalizzata e sostenibile

CONDIVIDI

mercoledì 18 ottobre 2017

Un protocollo d’intesa per individuare le iniziative di innovazione urbana sui temi dell’efficientamento energetico, della mobilità sostenibile, dell’agenda digitale e della governance urbana con l’obiettivo di condurre Catania tra le prime smart city europee. Lo hanno sottoscritto oggi il Presidente di Anas Gianni Vittorio Armani e il Sindaco di Catania Enzo Bianco (nella foto), presso la Sala Giunta di Palazzo degli Elefanti.

“La Smart City di Catania – ha spiegato il Presidente di Anas Armani – è un progetto in sinergia con la Smart Road della Tangenziale di Catania per la realizzazione di servizi e sistemi intelligenti dei quali beneficeranno cittadini, turisti, aziende e amministrazioni”. Erano presenti, tra gli altri, Ugo Dibennardo Direttore Operation e Coordinamento Territoriale di Anas e Fabio Finocchiaro Direttore Manutenzione e Servizi Tecnici del Comune di Catania.

“Anas negli ultimi anni – ha dichiarato il Presidente Gianni Vittorio Armani – sta puntando sulla ricerca e sulla Information and Communications Technology. I veicoli si stanno evolvendo ed è giusto che gli investimenti sulle strade non riguardino solo infrastrutture civili ma anche sperimentazione e innovazione tecnologica. Lavoreremo in sinergia con il Comune affinché Catania sia una smart city 2.0: una città connessa, sicura e green, gli stessi obiettivi della smart road Anas”.

L’azienda ha già avviato un importante piano nazionale sulle smart road. La A2 ‘Autostrada del Mediterraneo’ sarà la prima in Italia, con l’obiettivo di estendere progressivamente queste tecnologie all’intera rete stradale e autostradale Anas, che permetteranno la comunicazione tra auto e strada offrendo una maggiore sicurezza e una rapida fruizione dei servizi di infomobilità e connettività. Il piano nazionale Anas prevede la trasformazione in smart road anche della autostrada A19 “Palermo-Catania” con un investimento di 20 milioni di euro, oltre al piano di lavori in corso per la Manutenzione Straordinaria, adeguamenti e messa in sicurezza da 870 milioni.

Con questo protocollo con il Comune di Catania, Anas fornisce la propria esperienza e know how sulle smart road nel progetto della Smart City, contribuendo nell’ideazione, progettazione e realizzazione di servizi da sviluppare con il Comune. Nello specifico, la tangenziale di Catania, - una delle arterie Anas più trafficate del Sud Italia con punte di traffico che in alcuni periodi dell’anno raggiungono i 100.000 veicoli/giorno - sarà dotata di sistemi smart road che la trasformeranno in una vera e propria dorsale tecnologica, canale di comunicazione e collettore di big data da e per la Smart City.

“La Tangenziale di Catania – ha dichiarato il Sindaco Enzo Bianco – raggiunge volumi di traffico da vera città metropolitana e, pertanto, Anas investirà risorse importanti. La Tangenziale diventerà nel tempo a tre corsie ma nel breve periodo sarà possibile, grazie ad un sistema tecnologico molto avanzato, utilizzare la corsia di emergenza come terza corsia nei momenti di maggiore traffico, tranne in caso di incidenti o veicoli in panne. Offriremo inoltre servizi wifi collegati con tutta la città che ci daranno informazioni sul traffico, su blocchi della circolazione stradale o sul numero di posti liberi nei parcheggi cittadini. L'Anas – ha concluso Bianco- ci ha dato la disponibilità a prendere in carico l'Asse dei servizi e creare una rotatoria, in uscita dalla Tangenziale, per andare verso l'aeroporto”.

Saranno implementati i sistemi di connettività sia Wired che Wireless di diversa tecnologia per permettere la connettività di persone, veicoli e oggetti. Le persone e i veicoli in movimento, attraverso sistemi Wi-Fi dedicati, si connetteranno alle piattaforme di gestione della rete per usufruire di servizi per la sicurezza e la mobilità quali: infotraffico/percorsi alternativi, condizioni meteo, trasporto locale, punti di interesse turistico, negozi, assistenze speciali, servizi offerti dalle amministrazioni, tutto direttamente in viva voce in auto. Inoltre, nel prossimo futuro le tecnologie installate permetteranno la comunicazione Vehicle To Infrastructure per la guida assistita ed autonoma. La tecnologia IoT (Internet of Things) permetterà il monitoraggio dell’ambiente cittadino, delle infrastrutture a servizio della città, la gestione del traffico, dei mezzi pubblici, l’efficientamento energetico.

Tutte le tecnologie di comunicazione forniranno servizi di informazione fruibili e accessibili, a beneficio della qualità della vita dei cittadini. Smart city è anche sicurezza: il progetto prevede sistemi di videosorveglianza digitale attraverso Smart Camera ad alta definizione e l’uso di piattaforme avanzate di analisi video in grado di riconoscere le  situazioni di pericolo, per la lettura delle targhe, della circolazione di merci pericolose ed infiammabili, di monitorare gli ingresso nelle ZTL.

Saranno messe a disposizione dei cittadini App per la mobilità e i servizi che aumenteranno efficienza e rapidità degli spostamenti, incrementare l’uso di veicoli green e dei mezzi pubblici, fornire servizi di mobilità alternativi anche grazie allo Smart Parking, riducendo le emissioni di CO2 ed il traffico cittadino con aumento della qualità della vita e rispetto per l’ambiente. Il progetto smart city 2.0 ha come obiettivo la piena sostenibilità economica e ambientale.



© Trasporti-Italia.com - Riproduzione riservata

Leggi anche

Nasce Movyon, il polo tecnologico per la mobilità autostradale e urbana

È stata presentata oggi Movyon, la nuova società di Autostrade per l’Italia dedicata allo sviluppo di soluzioni digitali per il settore delle infrastrutture e dei trasporti. Si...

Mobilità e tecnologia: al via la partnership tra Piarc Italia e TTS

Un nuovo protocollo d’intesa su mobilità e tecnologia è stato siglato da Piarc Italia (il Comitato Nazionale Italiano dell’Associazione Mondiale della Strada) e TTS...

Sistemi di trasporto intelligenti: la tabella di marcia tracciata dall'UNECE

L’UNECE ha predisposto una nuova tabella di marcia per gli ITS, i sistemi di trasporto intelligenti. Il ruolo del Comitato dei Trasporti Interni dell'UNECE Il documento è stato redatto...

Anas: 3000 km di smart road a partire da Cortina

La prima smart road italiana passa per Cortina d’Ampezzo. La località del bellunese che ospita il Campionato Mondiale di sci 2021 è infatti diventata il banco di prova di diversi...

Smart Road: Anas, oltre 3mila km di strade intelligenti e 1 miliardo di investimenti nel futuro della mobilità

Oltre 3.000 km di strade intelligenti con un investimento complessivo di 1 miliardo di euro. Ecco i numeri messi in campo da Anas (Gruppo FS Italiane) nel programma Smart Road, un piano...

Catania: emergenze in mare, esercitazione per la Guardia Costiera

La Guardia Costiera di Catania ha coordinato una nuova esercitazione per far fronte ad eventuali casi di emergenza in mare, come il soccorso all’equipaggio o in casi di...

SAIS Trasporti: all’aeroporto di Catania la prima palina intelligente per linee extraurbane in Sicilia

SAIS Trasporti ha installato all’interno dell’aeroporto “Vincenzo Bellini” di Catania-Fontanarossa una palina elettronica di nuova generazione per fornire agli utenti...

Nuovo design e nuova UX per Trasporti-Italia

Trasporti-Italia.com rinnova la sua veste grafica e si presenta con un nuovo sito web ancora più focalizzato sulle esigenze dei lettori.  La nuova user experience è orientata alla...