Auto elettrica? Cresce l'interesse degli italiani, ma solo nelle intenzioni

giovedì 2 novembre 2017 17:44:53

L’auto elettrica è il veicolo più ecologico sul mercato ma a frenarne la diffusione sono i costi elevati. La pensa così il 31% delle persone intervistate nell’ambito dell'Osservatorio mensile di Findomestic, società di credito al consumo del Gruppo Bnp Paribas, realizzato in collaborazione con Doxa. A limitare gli italiani nell’acquisto di un veicolo ecologico non sarebbe solo il prezzo ma anche la carenza infrastrutturale: il 48% del campione ha, infatti, sollevato la questione dell’insufficienza delle centraline di ricarica delle batterie in città. Per questo il 36% chiede l’introduzione di incentivi governativi per facilitare il passaggio alla mobilità sostenibile, come anche agevolazioni economiche sull'assicurazione auto, sui pedaggi autostradali, sui parcheggi a pagamento e la cancellazione del bollo auto (21%).

Nell’ottica di una mobilità sostenibile, l’auto elettrica sarebbe, certamente, il mezzo auspicabile per una “svolta verde” nel nostro Paese – lo pensa circa la metà degli italiani (il 45% per la precisione), ma dalla fotografia  tracciata dall’osservatorio, emerge un dato ancora molto limitato rispetto alla sua diffusione: attualmente soltanto il 2,3% degli automobilisti guida un veicolo ecologico, anche se oltre un italiano su tre sarebbe pronto ad acquistarne uno, ibrido per il 27% ed elettrico per il 9%. Insomma, se proprio si vuol parlare di un boom della mobilità sostenibile lo si può fare solo guardando alle intenzioni di acquisto.

Ma come cambia il trend per le automobili tradizionali? Oggi il 41% guida un'auto a benzina, ma soltanto l'8% è disposto a comprare una nuova vettura alimentata a carburante senza piombo. Anche per il diesel si profila un calo netto: le auto a gasolio passeranno dall'odierno 44% al 24%. Sono, invece, destinate a crescere le vetture a metano (dall'attuale 4% all'8%) e a Gpl (dal 10% al 12%).
Tra le alternative green c’è il car sharing, che seppur sperimentato dal 15% degli automobilisti, resta un fenomeno di nicchia. Tra le novità c’è anche Uber, il servizio di trasporto automobilistico privato che mette in collegamento diretto passeggeri e autisti tramite un'app: lo ha provato il 9% della popolazione attiva (18-64 anni) con un'incidenza che sale al 17% nella fascia di popolazione tra i 18 e i 34 anni.

 

© Trasporti-Italia.com - Riproduzione riservata


Leggi anche

Leggi gli altri articoli della categoria: Its

Altri articoli della stessa categoria

Mobilità intelligente: intesa Mit e Mid per sviluppare veicoli a guida autonoma

venerdì 15 maggio 2020 17:52:26
Sviluppare e sostenere la ricerca applicata, sperimentazione e prototipazione, produzione e formazione di nuove professionalità nell’ambito dei...

Smart Roads: innovazioni SMA Road Safety per una guida sicura e interconnessa

lunedì 30 marzo 2020 13:07:59
La Smart Roads diventa sempre più realtà. Il Decreto Ministeriale n.168, denominato Smart Roads, ha proprio l’obiettivo di sviluppare...

Auto e mobilità 4.0 al centro della nuova indagine delle Commissioni Trasporti e Attività produttive della Camera

giovedì 6 febbraio 2020 13:00:54
La transizione verso la decarbonizzazione, l'avvento dell'auto a guida autonoma e l'affermarsi di soluzioni di mobilità condivisa. Ecco i temi che...

Indra, Report Smart Roads: un mercato di oltre 30 miliardi di dollari nel 2022

mercoledì 29 gennaio 2020 15:06:06
La mobilità del futuro sarà caratterizzata da connettività delle infrastrutture, uso dei big data e intelligenza artificiale....

Mobilità e tecnologia: terzo centro di ricerca e sviluppo in Cina per ZF

giovedì 28 novembre 2019 16:57:31
ZF Friedrichshafen AG, il gruppo tecnologico operatore a livello globale e fornitore di servizi per la mobilità di nuova generazione, sta creando il...