ART: audizione del presidente Camanzi al Senato sul riordino del trasporto aereo

giovedì 18 luglio 2019 09:30:23

Il presidente dell’Autorità di regolazione dei trasporti (Art), Andrea Camanzi, durante un'audizione svoltasi presso l’8a commissione permanente del Senato Lavori pubblici e Comunicazioni, ha illustrato il documento sul disegno di legge 727 delega al Governo per il riordino delle disposizioni legislative in materia di trasporto aereo.
La relazione ha affrontato diversi punti programmatici, a partire dalla necessità – ravvisata dall’ART – di rafforzare il programma di monitoraggio volto a migliorare la classificazione degli aeroporti, auspicando che la nuova classificazione implichi un coinvolgimento dell’Autorità in considerazione della conoscenza del mercato. Attenzione è stata riservata anche alla prefigurata costituzione di sistemi aeroportuali per garantire un più razionale ed efficace utilizzo della capacità aeroportuale e la redistribuzione strategica dei flussi di traffico. Auspicio dell’Autorità è che eventuali incentivi alla costituzione di sistemi e reti siano supportati da puntuali e specifiche valutazioni in ordine all’efficienza delle gestioni, al contenimento dei costi, alla trasparenza delle condizioni economiche, al grado di connessione intermodale degli aeroporti interessati e agli impatti sulla qualità e razionalizzazione dei servizi di trasporto. Attenzione è stata posta anche sulla necessità di potenziamento degli interventi finalizzati a garantire l’integrazione di infrastrutture, reti, tariffe e informazioni da rendere agli utenti: il legislatore delegato dovrà necessariamente tener conto dello sviluppo tecnologico che già consente di regolare l’allocazione e l’acquisto di capacità integrata, gestire itinerari intermodali, sincronizzare orari di diverse modalità di trasporto, acquistare schede elettroniche di pagamento e biglietti unificati. In proposito, la delega potrebbe, quindi, disporre in modo esplicito in ordine all’applicazione di tecnologie che favoriscono l’integrazione modale, sia in fase di offerta che in fase di veicolazione della domanda.
Successivamente, la relazione di Camanzi si è soffermata sul problema delle competenze amministrative, sottolineando come l’art. 10 della legge 3 maggio 2019, n. 37 (Legge europea 2018) delinei ancora più chiaramente il riparto delle competenze tra ART ed Enac: per l’Autorità, le nuove norme completano l’ambito della titolarità delle funzioni di regolazione economica dalla quale, prima della legge n. 37/2019, erano esclusi gli aeroporti con contratto di programma in deroga (Roma Fiumicino, Roma Ciampino, Milano Linate, Milano Malpensa e Venezia); d’altra parte, Enac mantiene le funzioni attinenti alla regolazione tecnica, alla gestione del demanio aeroportuale e alla programmazione economica degli investimenti. È alla luce del nuovo assetto delle attribuzioni che ART intende sviluppare la collaborazione istituzionale con Enac.
Per quanto riguarda gli effetti della regolazione economica dell’Autorità sulle tariffe, sull’andamento del traffico di passeggeri e sugli investimenti negli aeroporti ai quali erano già applicabili i “Modelli ART” elaborati nel 2014, aggiornati nel 2017 e dei quali è ora in corso una complessiva revisione, l’Autorità ribadisce come tali Modelli riflettano il principio dell’orientamento dei diritti aeroportuali ai costi operativi sostenuti dal Gestore, a favore del quale è assicurata una congrua remunerazione degli investimenti.
Per quanto riguarda i piani di investimento, auspicio dell’Autorità è che la legge delega possa prevedere un maggiore coinvolgimento degli utenti aeroportuali nella definizione dei piani e nell’elaborazione degli standard di qualità dei servizi offerti e di tutela ambientale. Più specificamente, mutuando dai principi delineati nella direttiva 2009/12/CE e dalla disciplina nazionale di recepimento, potrebbero essere previsti meccanismi di consultazione degli stakeholders e di ricorso all’Autorità in caso di contestazioni.
Nello stesso contesto, l’Autorità reputa ragionevole che la tariffazione dell’accesso alle infrastrutture aeroportuali possa tener conto anche dei livelli di inquinamento ambientale prodotto dagli aeromobili, ivi compresa la raccolta differenziata e la gestione dei rifiuti. L’eventuale ridefinizione dei diritti aeroportuali alla luce di questa variabile non potrà, evidentemente, prescindere da un’analisi di benchmarking che consenta di individuare le migliori pratiche di differenziazione tariffaria.
Venendo alla materia dei diritti dei passeggeri, l’Autorità individua nella multimodalità la caratteristica che in misura crescente connota la domanda di servizi di mobilità, in virtù della quale i passeggeri richiedono tutele immediate, semplici e coerenti. Questi sviluppi impongono di riconsiderare l’attuale sistema, che è articolato su base verticale e per distinte modalità di trasporto. Conseguentemente, l’Autorità ritiene sia tempo che essa stessa assuma funzioni di garanzia oltre che – come già oggi è – con riferimento al trasporto via ferrovia, bus e mare e vie navigabili interne, anche con riferimento al trasporto aereo, attualmente di competenza dell’Enac.


© Trasporti-Italia.com - Riproduzione riservata


Leggi gli altri articoli della categoria: Istituzioni

Altri articoli della stessa categoria

Enac: workshop sull’assistenza alle vittime di incidente aereo e ai loro familiari

venerdì 15 novembre 2019 14:35:39
La Direzione Generale dell’Enac ha promosso e ospitato il workshop “Assistenza alle vittime di incidente aereo e ai loro familiari”...

Enac: nel 2018 investiti 536 milioni di euro sugli aeroporti italiani

venerdì 15 novembre 2019 17:09:36
Anche nel 2018 sono stati effettuati significativi investimenti infrastrutturali sugli aeroporti italiani: rispetto a una previsione di investimento di circa...

Il presidente dell'Enac all’incontro Confetra sulla logistica: le potenzialità di sviluppo del cargo aereo in Italia

giovedì 14 novembre 2019 09:49:49
Il presidente dell’Enac Nicola Zaccheo ha preso parte all’Assemblea 2019 della Confederazione Generale Italiana dei Trasporti e della Logistica...

Quaranta in Senegal alle celebrazioni dei 50 anni dell’AFCAC

giovedì 14 novembre 2019 16:09:42
Il direttore generale dell’Enac, Alessio Quaranta, ha partecipato a Dakar, in Senegal, alle celebrazioni dei 50 anni dell'AFCAC (African Civil Avation...

Eurocontrol ospita il seminario internazionale sulla formazione aeronautica, organizzato da Eateo

giovedì 7 novembre 2019 13:24:46
Il Direttore Generale dell’Enac, Alessio Quaranta, nella sua qualità di presidente Eateo (European Association of Aviation Training and...

Leonardo: consegnato alla Guardia di Finanza il primo AW169M


Leonardo ha consegnato il primo dei 22 elicotteri bimotore di nuova generazione AW169M destinati alla Guardia di Finanza. La consegna, effettuata dallo stabilimento Leonardo di Vergiate il...