ANSV: pubblicato il Rapporto informativo sul 2019

mercoledì 8 aprile 2020 09:27:04

Sono state 36 le inchieste di sicurezza aperte lo scorso anno dall’Agenzia nazionale sicurezza volo per incidenti e inconvenienti gravi avvenuti in Italia ad aeromobili civili mentre ha accreditato i propri investigatori in 54 inchieste di sicurezza aperte da autorità investigative straniere a seguito di incidenti e inconvenienti gravi avvenuti all’estero ad aeromobili civili di interesse italiano (cioè iscritti nei registri italiani, o progettati/costruiti in Italia o eserciti da operatori nazionali). E’ quanto si evince dal “Rapporto informativo sull’attività svolta e sulla sicurezza dell’aviazione civile in Italia - Anno 2019”, pubblicato dall’ANSV, che fa il punto sull’attività svolta nel periodo 1 gennaio-31 dicembre 2019 e sul livello generale di sicurezza dell’aviazione civile in Italia. Tra i comparti dell’aviazione civile presi in considerazione dal Rapporto, quello che continua a presentare significative criticità sotto il profilo della sicurezza del volo è il settore dell’aviazione turistico-sportiva, dove rimane elevato il numero degli incidenti, prevalentemente riconducibili al fattore umano. Considerazioni sostanzialmente analoghe si possono anche fare per il comparto del volo da diporto o sportivo (VDS).
Da segnalare che nel 2019 si sono registrate due collisioni in volo, senza però alcun coinvolgimento nelle stesse degli enti del controllo traffico aereo: la prima collisione si è verificata, a gennaio, in Valle d’Aosta, tra un elicottero impegnato nel trasporto passeggeri e un velivolo da turismo (sette persone decedute); la seconda, occorsa ad agosto, in provincia di Macerata, ha visto invece coinvolti due alianti (nessuna vittima). Nel rapporto l’ANSV pubblica anche le raccomandazioni di sicurezza emanate nel corso del 2019, facendo altresì il punto sulle raccomandazioni di sicurezza complessivamente emanate, a livello UE, da tutte le autorità investigative di quest’ultima. In merito, pare opportuno evidenziare che dal 2019 il chairman del WG 6 “Safety recommendations” dell’ENCASIA è un investigatore dell’ANSV: il WG (Working Group) 6 è il gruppo di lavoro che, in seno all’ENCASIA (l’organismo di coordinamento delle autorità investigative della UE), svolge un lavoro strategico per la sicurezza del volo, sostanzialmente sovrintendendo alla raccolta e all’inserimento delle raccomandazioni di sicurezza nella apposita banca dati della UE. Tale gruppo di lavoro è costituito dai rappresentanti delle autorità investigative per la sicurezza dell’aviazione civile di Francia, Germania, Irlanda, Italia (ANSV), Romania, Slovenia, Svezia e Regno Unito (recentemente uscito dalla Ue).
Quest’anno il Rapporto è anche introdotto da una nota celebrativa per i “20 anni di ANSV”, dove vengono sintetizzati i suoi due decenni di vita (fu infatti istituita nel 1999): vent’anni pieni di difficoltà, ma anche di risultati ampiamente positivi, che fanno oggi dell’ANSV una tra le più accreditate autorità investigative per la sicurezza dell’aviazione civile a livello Ue. Essa farà parte infatti della costituenda “categoria 1” delle autorità investigative della Ue, insieme alle autorità investigative di Francia, Germania, Regno Unito (recentemente uscito dalla Ue) e Spagna. Nella predetta categoria 1 sono inserite le autorità investigative della Ue, che, in sintesi, sono in grado di gestire, in autonomia, un major accident e possono anche dare supporto ad altre autorità investigative.

© Trasporti-Italia.com - Riproduzione riservata

CONDIVIDI
Leggi anche

Toscana: quattro nuovi treni Rock per i pendolari

È arrivato il nuovo convoglio, a doppio piano e alta capacità, costruito da Hitachi Rail Italy, per il rinnovo della flotta Toscana. Sono saliti così a quattro i treni Rock...

Logistica: Sic Europe investe 2 milioni di euro per una flotta sempre più green

Prosegue l’impegno di Sic Europe Europe, società che opera nel campo della logistica integrata, per l’implementazione di un servizio efficiente e all’insegna della...

Iveco e Milano Industrial a fianco della Croce Rossa Italiana per fronteggiare l’emergenza Covid-19

Consegnati alla Croce Rossa di Milano un Iveco Daily35c14 allestito con furgonatura in alluminio e sponda montacarichi posteriore, e un Iveco Eurocargo Ml75e con cassone centinato e sponda...