Regione Molise: ribadito il no al doppio binario sulla costa

mercoledì 23 aprile 2014 15:44:52

Dopo l’incontro a Roma presso il Ministero ai Lavori Pubblici, l’assessore regionale al ramo, Pierpaolo Nagni, ha reso noto che, il Molise è rimasto fermo sulle sue posizioni, dichiarando ancora una volta il diniego rispetto all’attuale progetto che prevede la costruzione  del doppio binario sulla costa anziché, come più volte richiesto, in affiancamento all’autostrada.
“Nell’ambito dell’incontro – ha dichiarato l’assessore Nagni -  abbiamo rappresentato anche le preoccupazioni che ci sono state espresse dalla comunità di Termoli. In presenza di un tracciato che attraversa il centro abitato, l’alta capacità potrebbe infatti rappresentare forti criticità dal punto di vista della sicurezza. Da qui, la richiesta di valutare la possibilità di chiudere il tratto interessato con una galleria di protezione. Per quanto attiene invece all’inquinamento acustico che potrebbe derivarne, pare siano già state previste delle barriere fonoassorbenti. A ogni modo – ha aggiunto Nagni – a fronte del nostro diniego al raddoppio ferroviario sulla costa, la Regione Puglia si è appellata, come già aveva annunciato, all’art. 165 comma 6 della legge 163/2006. Si è quindi preso atto di tale decisione che darà, di fatto, avvio all’iter previsto dalla norma. Un iter che, presumibilmente, sarà concluso già entro il prossimo 30 maggio, e questa  è l’unica nota certa. Ciò non vuol dire – ha tenuto a precisare l’assessore - che il Molise non abbia più chances per il futuro. Il tratto interessato per ora è quello relativo al primo lotto (Lesina-Ripalta), che riguarda in maniera specifica soltanto il territorio pugliese. Non escludo che per il futuro, relativamente alla contrattazione da mettere in atto per i due restanti lotti (Termoli-Campomarino e Campomarino- Ripalta), la discussione potrebbe svolgersi in scenari completamente differenti e, magari, più favorevoli rispetto alle esigenze del nostro territorio. Abbiamo quindi acconsentito a modificare la delibera di giunta regionale prevedendo di eliminare il parere negativo relativo al tratto Lesina – Ripalta. Va chiarito che l’iter che si appresta ad essere avviato rappresenterà per noi un terreno di mediazione dove – ha concluso l’esponente del Governo regionale – toccherà al presidente della regione Frattura  far valere  le nostre ragioni, prima sul tavolo del Cipe  e poi in un confronto con il presidente del Consiglio Renzi”.


© Trasporti-Italia.com - Riproduzione riservata


Leggi anche

Leggi gli altri articoli della categoria: Infrastrutture

Altri articoli della stessa categoria

Roma Tiburtina: demolizione Tangenziale Est, ecco la nuova viabilità

mercoledì 16 ottobre 2019 09:13:50
Cambia la viabilità in zona Tiburtina a Roma in seguito alla demolizione del primo tratto della Tangenziale Est in via Masaniello. Lo prevede una...

Ue: sicurezza, nuove norme per migliorare i progetti delle infrastrutture stradali

lunedì 7 ottobre 2019 15:34:55
Ridurre le vittime della strada attraverso progetti migliori per strade, tunnel. In funzione di questo obiettivo, il Consiglio ha adottato norme riviste che...

Riapre ai mezzi pesanti il Viadotto Puleto sulla E45

venerdì 4 ottobre 2019 11:29:14
Riapre a tutti i mezzi pesanti il viadotto “Puleto”, sulla strada statale 3bis “Tiberina” (E45) tra Valsavignone e Canili, in provincia...

Regione Calabria, attiva la fruizione del credito di imposta per gli investimenti nella Zes

martedì 1 ottobre 2019 11:40:12
Importanti novità per le imprese della Regione Calabria. È attiva, da pochi giorni, la possibilità di beneficiare del credito d'imposta...

Reti TEN-T: 4 milioni di euro al Porto di Civitavecchia per completare ultimo miglio ferroviario

lunedì 30 settembre 2019 11:22:16
La Commissione Europea aggiudica all’Autorità di Sistema Portuale dei porti di Roma altri 4 milioni di euro per potenziare l’ultimo miglio...