Conftrasporto, Uggè: tra Via della Seta e Tav legame pericoloso

lunedì 18 marzo 2019 19:25:38

Tra la Via della Seta che vede protagonista la Cina e la via dell’alta velocità che vede al centro la questione Tav ci sarebbe un legame pericoloso: a sostenerlo è il vicepresidente di Conftrasporto-Confcommercio Paolo Uggè che chiede un intervento istituzionale al presidente Sergio Mattarella.

Il vice della confederazione afferma che la Tav non solo sia strumentale ad arginare la possibile egemonia asiatica, ma che "possa essere addirittura la Cina stessa a orientarne e favorirne la realizzazione. Mentre l’Italia temporeggia, alla fine sarà la Cina a premere per la Tav. Se si consente alla Cina una sorta di invasione e poi non si rafforzano le vie d’uscita dal Paese, non è difficile pensare alle  conseguenze: i prodotti cinesi resteranno nel nostro mercato sostituendo il made in Italy - dichiara Uggè - L’altra ipotesi è che sarà la stessa Cina a premere per la realizzazione della Tav.”.

Il rischio, d’altronde, è legato alla possibilità di controllo infrastrutturale: “Se, per la superficialità della gran parte dei politici italiani, Pechino otterrà anche il controllo delle infrastrutture strategiche, in particolare di alcuni porti, per il sistema Italia i tempi saranno ancor più bui - continua Uggè - Non si dimentichi che siamo in presenza di un’azione a tenaglia che prevede “l’invasione” del continente europeo sia dal nord, sia attraverso l’hub cinese del Pireo, che potrebbe rafforzarsi per il possibile collegamento con una linea ferroviaria balcanica, che per i porti liguri, il tutto valutando l’ipotesi, non poi così remota, di un possibile passaggio al Polo Nord dove i ghiacci si stanno sciogliendo. La Tav è quindi funzionale a questi obiettivi".

Per Conftrasporto-Confcommercio dunque, ottenute le vie d’accesso ai mercati europei, la Cina starebbe libera di scegliere la strada più conveniente e questo legittima le preoccupazioni di chi chiede garanzie precise a un Paese, la Cina, pronto a sottoscrivere impegni sull’ambiente, sulle regole sociali e sulla libertà dei mercati, senza però garantirne la piena attuazione.

© Trasporti-Italia.com - Riproduzione riservata


Leggi anche

Leggi gli altri articoli della categoria: Infrastrutture

Altri articoli della stessa categoria

Veneto: 15 milioni di euro per viabilità e sicurezza stradale

mercoledì 24 giugno 2020 14:24:27
Ammonta a 15 milioni di euro il programma di investimenti per la mobilità, la sicurezza stradale e l’adeguamento della rete viaria, approvato...

Infrastrutture, Marche: accordo con Anas per ammodernare tratto della statale 433

lunedì 22 giugno 2020 13:59:51
Firmata la convenzione tra la Regione Marche e Anas (Struttura territoriale Marche) per ammodernare un tratto fermano della Strada Statale 433 “Val...

Anas, bando da 280 mln di euro per la nuova barriera spartitraffico centrale in calcestruzzo

lunedì 22 giugno 2020 14:01:59
Anas (Gruppo FS Italiane) ha pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale il bando relativo a un accordo quadro quadriennale, del valore complessivo di 280 milioni...

Stati Generali Economia, Legambiente: tre proposte al Governo per semplificazioni, infrastrutture, mobilità

lunedì 22 giugno 2020 15:06:29
Prevedere interventi normativi che puntino alle semplificazioni per combattere la burocrazia o i “tappi” che bloccano gli investimenti green, dare...

Anas: via alla progettazione per il miglioramento del tracciato della SS3 “Flaminia” tra Spoleto e Terni

giovedì 18 giugno 2020 16:19:14
Anas ha affidato le attività di progettazione dei lavori di miglioramento del tracciato della strada statale 3 “Via Flaminia” tra Spoleto e...