Veicoli industriali, continua la tendenza negativa ad aprile -7,9%

giovedì 9 maggio 2019 11:13:11

Il mercato dei veicoli industriali segna una nuova battuta d’arresto confermando il trend negativo. Ad aprile le immatricolazioni scendono del 7,9%.  Lo si evince dalle stime elaborate dal Centro Studi e Statistiche dell’UNRAE sulla base dei dati di immatricolazione forniti dal Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti.

Le immatricolazioni dei veicoli con massa totale a terra superiore alle 3,5 t sono state 2.490 unità immatricolate contro 2.705 registrate un anno fa. Nel primo quadrimestre del 2019 si è perso il 9,2% rispetto allo stesso periodo del 2018 (8.516 immatricolazioni contro 9.381).

Stime particolarmente negative si hanno per il comparto dei veicoli pesanti, con massa totale a terra uguale o superiore a 16 t, che ha fatto registrare nel mese di aprile una perdita dell’11,2% rispetto allo stesso mese del 2018, che evidenziò un incremento del 43,6% (2.060 unità immatricolate contro 2.321) e archivia il primo quadrimestre 2019 a -10,2% (7.051 unità contro 7.848).

“Mentre il mercato è in flessione continua ormai dagli ultimi mesi dello scorso anno, siamo a maggio inoltrato - commenta Franco Fenoglio, Presidente della Sezione Veicoli Industriali di UNRAE, l’Associazione delle Case estere - e ancora non si hanno segnali di attività ministeriale per l’implementazione degli atti normativi necessari ad avviare la fase di finanziamento degli investimenti per il 2019 […]. L’unica notizia in merito arrivata negli ultimi giorni ci dice che la parte di fondo dedicata all’autotrasporto destinata agli investimenti è stata diminuita rispetto alle previsioni iniziali e portata a 25 milioni”.

“Ci troviamo dunque ancora una volta - continua Fenoglio - di fronte a decisioni di carattere finanziario che cercano di tamponare le falle prodotte da una mancanza fisiologica di strategia politica per il settore, invece di cambiare rotta e sostenerne con decisione lo sviluppo”.

“Intanto - conclude Fenoglio - il parco circolante continua ad invecchiare e le prospettive di indirizzarlo verso un rinnovamento sostenibile si allontanano. Siamo in attesa di conoscere i contenuti degli atti normativi che dovrebbero attuare la concessione alle imprese private della revisione dei veicoli industriali e ci auguriamo che non venga persa almeno questa importante occasione per introdurre con essa un sistema di verifiche più severo a seconda dell’anzianità dei veicoli sottoposti ad indagine periodica, tale da incentivare seriamente il rapido rinnovo di quelli più vecchi e in peggiori condizioni”.


© Trasporti-Italia.com - Riproduzione riservata


Leggi anche

Leggi gli altri articoli della categoria: Industriali

Altri articoli della stessa categoria

Veicoli industriali, Anfia: alta la preoccupazione per gli impatti da Covid-19

venerdì 20 marzo 2020 14:14:29
Rallentamenti della produzione, chiusura di alcuni stabilimenti e blocco dell’iter di immatricolazione sono alcuni delle conseguenze derivanti...

Coronavirus: Scania interrompe la produzione in Europa

giovedì 19 marzo 2020 10:53:26
Scania ferma le attività produttive nella maggior parte degli impianti produttivi d'Europa a partire da mercoledì 25 marzo, a causa della carenza...

Rimorchi e semirimorchi, Unrae: mercato in caduta libera, a febbraio -18,6%

giovedì 19 marzo 2020 14:04:48
Il mercato dei Rimorchi e Semirimorchi con massa totale a terra superiore a 3,5t registra una flessione del 18,6% rispetto al febbraio del 2019 quando...

Renault nel 2019 mantiene la posizione nel mercato degli industriali

venerdì 13 marzo 2020 11:17:08
Renault Trucks mantiene la posizione nel 2019, nonostante il mercato dei veicoli industriali sia stato turbolento. Rimane salda in Francia con 27,9% sul...

Volvo Trucks lancia la nuova generazione di veicoli pesanti

giovedì 27 febbraio 2020 11:07:46
Volvo Trucks presenta quattro nuovi veicoli pesanti, Volvo FH, FH16, FM e FMX, che mettono in primo piano il conducente. Lo sviluppo dei nuovi modelli si...