Unrae, crollo del mercato dei trainati: rimorchi e semirimorchi a -61%

mercoledì 22 aprile 2020 14:53:12

Il mercato dei Rimorchi e Semirimorchi con massa totale a terra superiore a 3,5t – per il mese di marzo 2020 – denuncia una caduta pari a -61% rispetto al marzo del 2019 (723 unità immatricolate contro 1.853).
La stima è stata elaborata dal Centro Studi e Statistiche di UNRAE, l’Associazione delle Case estere, sulla base dei dati di immatricolazione forniti dal Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti.

“Tracollo annunciato – commenta Sandro Mantella, Coordinatore del Gruppo Rimorchi, Semirimorchi e Allestimenti di UNRAE – dopo l’aggressione della pandemia e l’emergenza sanitaria conseguente. Considerati attendibili i dati del FMI, che prevede un calo di -9,1% del PIL italiano per il 2020, con una ripresa nel 2021 di +4,8%, diventa difficile prevedere quali potranno essere gli sviluppi del mercato per l’anno in corso e per i successivi, anche tenendo conto del fatto che rispetto ai dati del FMI potrebbero esserci peggioramenti, per esempio con il perdurare delle misure di contenimento”.

“Serve liquidità immediata per sostenere sia la domanda che l’offerta di prodotto – continua Mantella – insieme con il sostegno di politiche fiscali mirate. Ciò risulta tanto più necessario in un mercato di beni strumentali come quello dei veicoli destinati al trasporto di merci, considerato il ruolo strategico e la funzione trainante che questo comparto svolge rispetto al sistema economico complessivo. Il crescente ritardo del rinnovo del parco circolante italiano continuerà a frenare la diffusione di veicoli tecnologicamente avanzati, predisposti per garantire innanzitutto maggiore sicurezza. Il problema della obsolescenza del parco circolante sarà particolarmente sentito sulle strade italiane, dove già circolano veicoli trainati immatricolati in Italia che percorrono le medie distanze e che, non essendo finanziati perché non impiegati nel trasporto intermodale, hanno una anzianità media elevata e un conseguente mediocre livello di sicurezza”.

“L’occasione offerta, seppure nel peggior modo possibile – conclude Mantella – di procedere ad un ripensamento delle politiche di sostegno al settore non andrebbe persa: finanziamenti strutturali, maggior attenzione ai problemi della sicurezza oltre a quelli ambientali, snellimento delle procedure per la concessione dei finanziamenti già predisposti, semplificazione delle pratiche per omologazione ed immatricolazione dei veicoli allestiti per trasporti specifici, come quelli per il trasporto in regime di temperatura controllata e quelli per le merci pericolose. Anche in questo ambito particolare la pesante situazione economica a sociale che stiamo attraversando dovrebbe farci quanto meno riflettere: quei tipi di allestimento sono proprio quelli indispensabili per trasportare generi alimentari, farmaci, ossigeno e prodotti energetici”.

© Trasporti-Italia.com - Riproduzione riservata

CONDIVIDI
Leggi anche

Mercato dei veicoli rimorchiati, ripresa incerta: luglio a -7,5% e agosto a -0,9%

Riprende nell’incertezza il mercato dei rimorchi e semirimorchi con massa totale a terra superiore a 3,5t. A giugno si registra un dato positivo (+6,7% sul giugno 2019), che arriva dopo il...

Paolo Starace è il nuovo presidente della Sezione Veicoli Industriali di Unrae

Paolo Starace, Amministratore Delegato di DAF Veicoli Industriali, è il nuovo presidente della Sezione Veicoli Industriali di Unrae. Starace raccoglie il testimone di Franco...

Michele Crisci confermato presidente dell'Unrae, Unione Nazionale Rappresentanti Autoveicoli Esteri

Michele Crisci, Presidente uscente dell’UNRAE e Presidente di Volvo Car Italia, è stato confermato per un nuovo mandato al vertice dell’associazione che rappresenta le Case...