Sita: in crescita gli investimenti per la cybersecurity

venerdì 7 dicembre 2018 10:35:48

La cybersecurity è uno degli obiettivi di compagnie aeree e aeroporti, che nel 2018 investiranno 3,9 miliardi di dollari per difendersi da attacchi e minacce virtuali. Lo rivela l’indagine Air Transport Cybersecurity Insight per il 2018 di Sita, che mostra dati in crescita rispetto all’anno precedente: nel 2018 infatti le aerolinee destineranno alla sicurezza informatica il 9% della spesa complessiva destinata all’IT – in aumento rispetto al 7% nel 2017 – mentre per gli scali il dato raggiungerà il 12% (contro il 10% del 2017).  Se la cybersecurity è una priorità di spesa da tempo all’attenzione del settore, ora la sfida più grande è accelerare il progresso e l’implementazione di iniziative concrete di prevenzione e gestione di rischi. Per questo nove compagnie su 10 (89%) entro i prossimi tre anni hanno in piano importanti programmi di cyber security; dato che ha visto un balzo rispetto al 72% registrato nel 2017. E la percentuale è ancora più elevata per gli aeroporti: è il 95% degli scali a voler attivare importanti piani sulla cybersecurity entro il 2021. Priorità per più della metà (57%) dei responsabili informatici di aerolinee e scali rimane la continuità operativa, da garantire tramite la protezione di sistemi e processi. 
“L’importanza della cybersecurity è chiara a compagnie aeree e aeroporti, che stanno lavorando per costruire una base solida per la sicurezza – ha commentato Sergio Colella, presidente Europa di Sita -. Operando in uno scenario che vede le minacce informatiche farsi di anno in anno più numerose e sofisticate, è però necessario che l’industria del trasporto aereo, complessa e integrata, sia molto più veloce nel creare difese proattive, per restare in posizione di vantaggio”.    Secondo quanto rilevato da SITA, le priorità di spesa più comuni di compagnie aeree e aeroporti per la cybersecurity sono la consapevolezza e la formazione del personale (76%), l’adeguamento ai requisiti richiesti dalla normativa (73%) e la gestione di accessi e identità (63%). In più, l’indagine condotta ha individuato alcune aeree che necessitano maggiore attenzione nei prossimi anni, come monitoraggio e difesa proattivi della rete, sicurezza dell’extended enterprise (Cloud, Internet delle cose) e protezione da minacce interne come la fuga di dati.

 


© Trasporti-Italia.com - Riproduzione riservata


Leggi gli altri articoli della categoria: Industria

Altri articoli della stessa categoria

Il primo A380 di ANA esce dalla stazione di verniciatura

venerdì 14 dicembre 2018 10:25:28
Il primo A380 di All Nippon Airways (ANA) è uscito dalla stazione di verniciatura di Airbus di Amburgo con una coloratissima livrea che raffigura una...

Leonardo: nasce la divisione Elettronica

venerdì 14 dicembre 2018 09:26:30
Il consiglio di amministrazione di Leonardo ha deciso la costituzione di una nuova Divisione Electronics, a diretto riporto dell’amministratore delegat...

ATR premiata per i piani di trasporto sostenibili

venerdì 14 dicembre 2018 12:10:40
Il 12 dicembre ATR ha vinto il Gold award alla Ecomobility Trophies ceremony, un premio riconosciuto alle aziende che hanno messo in atto piani di trasporto...

Boeing: primo 787-9 Dreamliner a Royal Air Maroc

giovedì 13 dicembre 2018 11:16:13
Boeing ha consegnato a a Royal Air Maroc il primo 787-9 Dreamliner. Si tratta del secondo aereo della famiglia Dreamliner a entrare nella flotta della...

Boeing e Sace Simest formano le Pmi italiane del settore aeronautico

giovedì 13 dicembre 2018 09:48:51
Supportare le imprese italiane interessate ad accreditarsi come potenziali fornitori di Boeing o rafforzarne la collaborazione. Questo l’obiettivo del...