Leonardo: partiti i test per il sistema di protezione elettronica BriteCloud sugli Efa della RAF

giovedì 23 maggio 2019 17:32:36

Sono iniziati i test per il sistema di protezione elettronica BriteCloud di Leonardo sui velivoli Typhoon della Royal Air Force. A provare il
BriteCloud, in una complessa varietà di scenari, è stata la 41ma Squadriglia “Test and Evaluation”, unità operativa della RAF che ha il compito di valutare i sistemi e le apparecchiature di un velivolo. Ricordiamo che Leonardo è stata infatti selezionata dal ministero della Difesa UK per
effettuare i test in volo per con l’obiettivo di autorizzare l’impiego operativo della contromisura sui velivoli Eurofighter
Typhoon della Royal Air Force (RAF). Il BriteCloud è entrato in servizio lo scorso anno a bordo della flotta di Tornado GR4 della RAF, prima forza aerea al mondo a mettere in campo questa innovativa tecnologia di protezione. Progettato e prodotto nello stabilimento di Luton, Regno Unito, il BriteCloud è un sistema
innovativo ad alta tecnologia, di dimensioni ridotte, che garantisce i massimi livelli di protezione dai missili a guida radar. Leonardo è l'unica azienda al mondo in grado di
miniaturizzare la tecnologia di disturbo Digital Radio Frequency Memory (DRFM) tanto da consentire che la contromisura sia rilasciata da un dispensatore chaff and flare standard.
Prima di autorizzare l’impiego operativo del BriteCloud sui Tornado, il MoD UK ha condotto numerosi test per convalidare le prestazioni del dispositivo, assicurandosi che potesse essere lanciato in sicurezza dall'aereo e sviluppando un vero e proprio manuale operativo per il suo uso in missione. Ciò costituirà una solida base di lavoro per l’accettazione in servizio del sistema sulle flotte di Typhoon.
BriteCloud è una famiglia di prodotti disponibile sul mercato in numerose varianti. Oltre al BriteCloud 55, così chiamato per la compatibilità con i lanciatori da 55 mm come quelli installati sui velivoli Typhoon e Gripen E, Leonardo produce anche il modello 218 - dimensioni 2"x1"x8" - per i caccia che utilizzano lanciatori di forma quadrata, come gli F-16 e gli F-15. Inoltre, Leonardo ha sviluppato il BriteCloud 55-T, una versione più potente del 55, in grado di proteggere gli aerei più grandi come il C27-J, il C-130 e l’A400M.


© Trasporti-Italia.com - Riproduzione riservata


Leggi gli altri articoli della categoria: Industria

Altri articoli della stessa categoria

Squadra italiana in finale al concorso internazionale per studenti "Fly Your Ideas" di Airbus

giovedì 27 giugno 2019 11:25:40
Passione, impegno ed entusiasmo hanno portato quattro studenti del Politecnico di Milano ad accedere alla fase finale del concorso internazionale Fly Your...

Tarom sceglie l’ATR 72-600 per rinnovare la propria flotta

giovedì 27 giugno 2019 14:31:06
Tarom ha scelto l’ATR 72-600 per rinnovare la propria flotta. Il vettore di bandiera della Romania, infatti, introdurrà nove nuovi aerei...

Airbus: più alti livelli di precisione grazie ai nuovi punti di controllo di terra

mercoledì 26 giugno 2019 13:22:46
Airbus lancia una nuova serie di punti di controllo di terra (Ground Control Points – GCP) per garantire un livello di precisione al centimetro e una...

Piaggio Aerospace: firmati e finanziati i primi contratti

mercoledì 26 giugno 2019 09:23:30
“La definizione puntuale delle esigenze operative delle Forze Armate italiane e la disponibilità delle relative coperture finanziarie comunicate...

Tecnam: consegnati all’Aeronautica greca tutti i dodici P2002JF

martedì 25 giugno 2019 15:06:26
Tecnam ha consegnato all’Aeronautica militare greca tutti i dodici P2002JF acquistati, che saranno adesso utilizzati per l’addestramento dei...