Leonardo: partiti i test per il sistema di protezione elettronica BriteCloud sugli Efa della RAF

giovedì 23 maggio 2019 17:32:36

Sono iniziati i test per il sistema di protezione elettronica BriteCloud di Leonardo sui velivoli Typhoon della Royal Air Force. A provare il
BriteCloud, in una complessa varietà di scenari, è stata la 41ma Squadriglia “Test and Evaluation”, unità operativa della RAF che ha il compito di valutare i sistemi e le apparecchiature di un velivolo. Ricordiamo che Leonardo è stata infatti selezionata dal ministero della Difesa UK per
effettuare i test in volo per con l’obiettivo di autorizzare l’impiego operativo della contromisura sui velivoli Eurofighter
Typhoon della Royal Air Force (RAF). Il BriteCloud è entrato in servizio lo scorso anno a bordo della flotta di Tornado GR4 della RAF, prima forza aerea al mondo a mettere in campo questa innovativa tecnologia di protezione. Progettato e prodotto nello stabilimento di Luton, Regno Unito, il BriteCloud è un sistema
innovativo ad alta tecnologia, di dimensioni ridotte, che garantisce i massimi livelli di protezione dai missili a guida radar. Leonardo è l'unica azienda al mondo in grado di
miniaturizzare la tecnologia di disturbo Digital Radio Frequency Memory (DRFM) tanto da consentire che la contromisura sia rilasciata da un dispensatore chaff and flare standard.
Prima di autorizzare l’impiego operativo del BriteCloud sui Tornado, il MoD UK ha condotto numerosi test per convalidare le prestazioni del dispositivo, assicurandosi che potesse essere lanciato in sicurezza dall'aereo e sviluppando un vero e proprio manuale operativo per il suo uso in missione. Ciò costituirà una solida base di lavoro per l’accettazione in servizio del sistema sulle flotte di Typhoon.
BriteCloud è una famiglia di prodotti disponibile sul mercato in numerose varianti. Oltre al BriteCloud 55, così chiamato per la compatibilità con i lanciatori da 55 mm come quelli installati sui velivoli Typhoon e Gripen E, Leonardo produce anche il modello 218 - dimensioni 2"x1"x8" - per i caccia che utilizzano lanciatori di forma quadrata, come gli F-16 e gli F-15. Inoltre, Leonardo ha sviluppato il BriteCloud 55-T, una versione più potente del 55, in grado di proteggere gli aerei più grandi come il C27-J, il C-130 e l’A400M.


© Trasporti-Italia.com - Riproduzione riservata


Leggi gli altri articoli della categoria: Industria

Altri articoli della stessa categoria

Boeing e Safran investono in Electric Power Systems

giovedì 19 settembre 2019 09:48:54
Boeing e Safran hanno annunciato un investimento congiunto in Electric Power Systems (EPS), società che offre prodotti energy storage di alta...

Saab presenta il primo Gripen E per il Brasile

giovedì 19 settembre 2019 14:11:30
Saab ha presentato il primo Gripen E della Brasilian Air Force che dovrà ora iniziare i test in volo. Inizialmente i test saranno eseguiti in Svezia, ma...

Avio: risultati in crescita nel primo semestre

giovedì 19 settembre 2019 17:26:10
Ricavi in crescita per Avio nel primo semestre 2019. La società ha registrato un rialzo del 6% a quota 189 milioni di euro, in gran parte per le...

Airbus: entro il 2038 la flotta mondiale raddoppierà a 48mila velivoli

mercoledì 18 settembre 2019 15:32:45
Nei prossimi venti anni la flotta mondiale, passeggeri e merci, è destinata a raddoppiare, passando dagli attuali 23mila a circa 48mila velivoli. Lo...

Leonardo leader nei Dow Jones Sustainability Indices

lunedì 16 settembre 2019 12:09:53
Leonardo diventa leader del settore Aerospace & Defence nei Dow Jones Sustainability Indices (DJSI), confermando la propria presenza per il decimo anno...