Leonardo: contratti con Airbus per supporto avionica Eurofighter

lunedì 19 giugno 2017 15:23:07

Leonardo ha firmato contratti da oltre 100 milioni di euro con Airbus per fornire, per i prossimi cinque anni, un servizio di supporto e manutenzione avionica per le flotte tedesche e spagnole di Eurofighter. Il servizio riguarda tutti gli equipaggiamenti di cui Leonardo ha la responsabilità progettuale e che costituiscono la maggior parte della suite avionica del velivolo, incusi radar, sensore passivo all’infrarosso per la ricerca e il tracciamento degli obiettivi e i sistemi di protezione elettronica. Sono previste attività di supporto avionico per i velivoli Typhoon dell’Aeronautica spagnola (Ejército del Aire) e di quella tedesca (Luftwaffe), in collaborazione con Airbus e con il consorzio Eurofighter. I contratti con la Germania e la Spagna seguono analoghi accordi stipulati con le altre nazioni partner del consorzio Eurofighter, l’Italia e il Regno Unito.
L'Aeronautica Militare italiana è stata la prima forza aerea a dotarsi dal 2008 di un centro, sviluppatoinsieme a Leonardo, dedicato alla manutenzione avionica per la sua flotta di Typhoon. Questo centro esercita le attività di supporto direttamente nella base operativa del velivolo, garantendo tempi di riparazione definiti. L’Aeronautica Militare italiana ha di recente rinnovato il contratto.
Nel 2016, nell’ambito dell’iniziativa TyTAN (Typhoon Total Availability Enterprise), Leonardo ha siglato un accordo di collaborazione analogo con BAE Systems per fornire supporto, per i prossimi dieci anni, agli equipaggiamenti avionici degli Eurofighter della Royal Air Force. Oltre a garantire un’elevata disponibilità delle flotte, questi due contratti di lungo termine consentono considerevoli riduzioni di costi per le nazioni partner del consorzio Eurofighter. Una parte significativa diquesti risparmi verrà, inoltre, reinvestita in programmi che hanno lo scopo di sviluppare ulteriormente le capacità del caccia.
La partecipazione industriale di Leonardo al programma Eurofighter è pari a circa al 36%, comprese le quote relative all’aerostruttura e quelle relative all’avionica e all’elettronica di bordo. L’azienda, alla guida dei consorzi responsabili della fornitura del radar, del sensore passivo all’infrarosso per la ricerca e il tracciamento degli obiettivi e della suite di protezione elettronica, contribuisce per oltre il 60% all’avionica del velivolo. Intanto, in occasione della prima giornata del salone, il ministro della Difesa, Roberta Pinotti ha visitato le aziende italiane presenti a Parigi.


© Trasporti-Italia.com - Riproduzione riservata


Leggi gli altri articoli della categoria: Industria

Altri articoli della stessa categoria

Lanciato con successo il satellite OPTSAT-3000

giovedì 3 agosto 2017 10:02:42
Lanciato con successo alle 3.58 (ora italiana) del 2 agosto il satellite OPTSAT-3000 del ministero della Difesa Italiano. Il lancio è stato effettuato...

Boeing modernizza e potenzia lo Chinook Next-Generation

martedì 1 agosto 2017 12:46:27
Boeing costruirà e testerà tre elicotteri CH-47F Block II Chinook dell’esercito americano all’interno di un percorso di...

Sita: un taglio alle code al check in grazie a KATE

martedì 1 agosto 2017 14:31:59
Il dipartimento dedicato a ricerca e sviluppo di SITA ha messo a punto KATE, un robot per eliminare le code al check-in. Si tratta di un chiosco...

Leonardo: in calo utili e ricavi nel primo semestre

venerdì 28 luglio 2017 10:28:30
Utile in calo nei primi sei mesi dell’anno per Leonardo che ha chiuso a 194 milioni di euro contro i 210 milioni del primo semestre del 2016, che...

Airbus: scendono gli utili nel primo semestre

venerdì 28 luglio 2017 11:33:19
In calo anche per Airbus l’utile netto nei primi sei mesi del 2017. La società di Tolosa ha chiuso il primo semestre a quota 1,5 miliardi di eur...